lunedì, Aprile 12

Ucraina, migliaia in piazza a Kiev per l’UPA Sostenitori dell’Organizzazione dei nazionalisti ucraini hanno festeggiato il 75esimo anniversario della fondazione dell’Esercito insurrezionale ucraino

0

Manifestazione in pieno centro a Kiev, in Ucraina, di centinaia di sostenitori dell’Organizzazione dei nazionalisti ucraini per festeggiare il 75esimo anniversario della fondazione dell’Esercito insurrezionale ucraino, meglio conosciuto come UPA.

Nel corso della seconda guerra mondiale l’UPA raccolse l’eredità di quei gruppi paramilitari che all’inizio dell’operazione Barbarossa accolsero come liberatori i tedeschi. Viste solo successivamente le vere finalità annessioniste di Hitler lottarono anche contro la Wehrmacht tedesca, e poi contro l’Armata Rossa e l’Armia Krajowa polacca. Nel 1943 questi gruppi liberarono dagli occupanti tedeschi la Volinia e si riunirono nell’UPA.

Durante la guerra la Volinia, dove c’era una forte minoranza polacca ed ebrea, è stata anche controllata dai guerriglieri della polacca Armia Krajowa. L’UPA dopo aver sterminato, insieme ai tedeschi o con il loro consenso, la popolazione ebraica residente, nel 1943, volendo realizzare il piano della costituzione di una Grande Ucraina, rivolse la pulizia etnica contro i polacchi. 50.000-100.000 polacchi persero la vita, i rimanenti fuggirono. Rappresaglie dell’Armia Krajowa comportarono la morte di 5000 – 15000 ucraini tra cui anche dei civili.

Il ruolo storico dell’UPA rimane una questione controversa per la società ucraina, anche se il suo ruolo per l’indipendenza nazionale è stato riconosciuto.

I partecipanti alla manifestazione si radunati si sono riuniti vicino al monumento a Taras Shevchenko. Tra questi giovani estremisti che hanno sventolato le bandiere dei partiti nazionalisti. Numerosi i poliziotti in tenuta antisommossa e gli uomini della Guardia nazionale che hanno vigilato sul rispetto dell’ordine pubblico.

I manifestanti hanno portato con sé anche diverse centinaia di torce di legno, che i nazionalisti tradizionalmente accendono durante le loro marce annuali. Dopo il comizio dei leader dei partiti politici organizzatori della manifestazione per l’UPA hanno sfilato per le vie principali di Kiev fino a piazza Kontraktova, dove è andato in scena un concerto.

(video tratto dal canale Youtube di RT)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->