martedì, Maggio 17

Ucraina: la russificazione in corso dell’Occidente liberale Le pubbliche opinioni liberal-democratiche stanno rinunciando ai loro diritti a una velocità allarmante mentre va avanti la costante prussianizzazione della democrazia

0

Quando le truppe russe hanno iniziato la loro invasione dell’Ucraina il 24 febbraio, alcuni hanno annunciato che la terza guerra mondiale era appena iniziata. Alcuni dei sostenitori più accesi di questa idea sono abbastanza noti, come il dissidente Garry Kasparov . Tuttavia, a parte Fiona Hill , ex consigliere per la sicurezza nazionale, e pochi altri, non sono ‘esperti’ della sicurezza. Al contrario, molti analisti professionisti della sicurezza sono molto più freddi e sottolineano la storia unica dietrola guerra. Tuttavia, la maggior parte dei media e dei governi in quasi tutti i Paesi della NATOl’UE e anche gli hedge fund stanno diffondendo questa narrativa.

Nel momento in cui scrivo, un vero e proprio confronto militare tra Russia e NATO non è iniziato, forse non ancora. Tuttavia, in molti Paesi della NATO liberaldemocratici, sarebbe facile avere l’impressione opposta. Progressivamente, in meno di 20 giorni di combattimenti, diversi Paesi hanno invitato o imposto un divieto ai media russi. Al giorno d’oggi, RT (ex Russia Today) e Sputnik TVsono fuori onda praticamente in tutti i Paesi dell’UE. Inoltre, chiunque si rifiuti di aderire a questa narrativa guerrafondaia della paura deve affrontare un’ostilità generalizzata  ll’interno eall’esterno delle istituzioni pubbliche. In sostanza, tutto ciò che l’Occidente ha criticato il governo russo per aver fatto liberi pensatori e dissidenti. La russificazione dell’Occidente è iniziata senza la necessità di un solo colpo sparato contro un soldato della NATO.

Fondamentalmente, né questa degenerazione della democrazia liberale né i suoi meccanismi trainanti sono esclusivi del 21° secolo. Al contrario, lo stesso malessere cominciò a manifestarsi già alla vigilia della prima guerra mondiale. Più comunemente, politici e laici ritenevano che potesse essere stato «necessario prussianizzarci per distruggere il prussianesimo in Europa ». In altre parole, si temeva che sconfiggere il militarismo del Secondo Impero tedesco richiedesse la ‘prussianizzazione delle democrazie ‘. Quindi, c’è stato il riconoscimento che bisogna stare attenti a chi scegliere come nemico ‘perché è quello a cui diventi più simile.

Dall’11 settembre, i media e i governi occidentali hanno trovato nuovi modi per spaventare il pubblico e come capro espiatorio per lo più minoranze innocue. Indiscutibilmente, gli americani sono stati testimoni dell’impressionante efficacia con cui un governo può infiltrarsi nella vita quotidiana di cittadini irreprensibili. All’epoca, molti vedevano il PATRIOT Act dell’Amministrazione Bush come un tentativo di ripristinare il senso di sicurezza perduto negli Stati Uniti . Al contrario, è stato un ottimo esempio dei modi in cui i pubblici liberaldemocratici possono rinunciare alle proprie libertà in un patto faustiano per una sicurezza inesistente .

Nel frattempo, la criminalizzazione dei musulmaniha aperto la strada alla diffamazione sistematica di coloro che ostacolano l’agenda del governo. Chiaramente, questa strategia ha sostenuto il disprezzo mainstream, in primo luogo, per i sostenitori di Trump e gli scettici sui vaccini e, poi, per gli anti-interventisti e per i russi .

Come accade oggi, quando scoppia una guerra in Europa, i sentimenti pacifisti si dissipano quasi da un giorno all’altro. Pertanto, la posizione dei cittadini statunitensi e del loro governo diventa ancora più importante per il futuro della pace globale.

Sul suo sfondo risuonano fortemente le opere di Bertrand Russel, uno dei più grandi intellettuali pubblici del secolo scorso. In quanto oppositore attivo degli sforzi bellici statunitensi e britannici , Russel scrisse ampiamente sulla guerra e sulla sua accettabilità. Alla fine si rese conto che i «mali della guerra sono quasi sempre maggiori di » quelli di una pace ingiusta. Inoltre, ha sostenuto che non è sufficiente astenersi dal partecipare allo sforzo bellico a livello individuale. Infatti, «uno stile di vita civile e umano» richiede donne e «uomini che si sforzino, in anticipo, di impedire al loro Paese di andare in guerra». L’unico motivo per prendere le armi è «resistenza alla tirannia e all’aggressività» contro un aspirante «Imperatore del Mondo».
Ma
non c’è una mente sana che possa paragonare l’attuale leadership russa a un tale nemico. Tuttavia, le pubbliche opinioni liberal-democratiche stanno rinunciando ai loro diritti a una velocità allarmante mentre va avanti la costante prussianizzazione della democrazia. E questa volta porta una dose velenosa di razzismo culturale e un accresciuto rischio di segregazione. Eppure, nessuno ha impedito ai simpatizzanti nazisti britannici di fare propaganda a sostegno del Terzo Reich. Eppure, nessuno ha censurato le pubblicazioni antisemite di Henry Fordper le loro stupefacenti consonanze con l’ideologia nazista. Eppure, nessuno ha impedito ad artisti e intellettuali dell’Italia fascista di esibirsi o fare mostre negli Stati Uniti. E la democrazia liberale non solo è sopravvissuta: si è rafforzata.Anche se la NATO fosse in guerra con la Russia, demonizzare tutto ciò che è russo non aiuterebbe a vincerla.

In conclusione, la maggioranza dei conservatori e dei democratici contrari all’interventismo statunitense è incoraggiante. Ma non può cancellare l’ atteggiamento da falco dei rappresentanti eletti e in campagna elettorale sia di sinistra che di destra. È la libertà stessa che è in gioco.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->