martedì, Maggio 17

Ucraina: la Russia soffia anche sul collo del Medio Oriente Per Turchia e Israele, la gestione della crisi ucraina potrebbe determinare la propria capacità di proteggere gli interessi nazionali percepiti come fondamentali

0

È probabile che l’Europa si faccia carico del peso maggiore delle ricadute di una crisi in rapida escalation sull’Ucraina. Gli Stati mediorientali potrebbero risultare i secondi.

Questo non è più vero che per la Turchia e Israele, la cui gestione della crisi ucraina potrebbe determinare la propria capacità di proteggere gli interessi nazionali percepiti come fondamentali.

In effetti, per la Turchia membro della NATO, la posta in gioco non potrebbe essere più alta. La sua costa del Mar Nero, lunga 2.000 chilometri, che si estende dal confine bulgaro a ovest fino alla Georgia a est, è la più lunga di tutti gli stati costieri del Mar, comprese Russia e Ucraina.

Il Mar Nero è alla pari con la determinazione della Turchia di impedire ad ogni costo una presenza curda permanente, autonoma, per non parlare indipendente, sul suolo siriano.

L’Ucraina è come una diga che ferma l’ulteriore influenza e pressione russa nella regione. Se l’Ucraina cade, avrà implicazioni dirette sulla Turchia“, ha avvertito un funzionario turco.

La posta in gioco della Turchia è amplificata dalla scoperta dell’anno scorso di un giacimento di gas naturale nelle acque costiere del Mar Nero che, secondo il Ministro dell’Energia Fatih Donmez, entro il 2027 potrebbe fornire quasi un terzo del fabbisogno interno della Turchia.

Con l’escalation della crisi in Ucraina, la Turchia potrebbe scoprire che la protezione di entrambi questi interessi potrebbe non consentirle più di tenere in piedi il suo virtuoso equilibrio. La Turchia ha mantenuto una fragile partnership con la Russia sostenuta da un’attenta gestione delle differenze pur rimanendo un alleato occidentale impegnato nella difesa dell’alleanza occidentale.

Il sostegno economico e militare turco all’Ucraina e ai tartari di Crimea e il suo rifiuto di riconoscere l’annessione russa della Crimea nel 2014 si adattano bene all’inclinazione della Turchia ed erano in linea con la politica della NATO.

Il riconoscimento da parte della Russia questa settimana delle repubbliche ucraine separatiste di Donetsk e Luhansk e lo spostamento delle truppe russe in quelle regioni minacciano di far cadere la Turchia dalla sua corda tesa e creare un Catch-22 per Ankara.

È probabile che l’imposizione di sanzioni statunitensi ed europee contro la Russia sia la goccia che romperà il filo del rasoio turco.

La Siria rimane il punto debole della Turchia. Del resto, è probabile che la Russia eserciti pressioni sulla Turchia attraverso la Siria”, ha affermato lo studioso turco Galip Dalay. “A un livello più ampio, Russia e Turchia hanno cooperato e gareggiato tra loro nei punti di conflitto in Medio Oriente e Nord Africa. Tuttavia, Mosca è stata meno disponibile a ripetere questa esperienza con la Turchia nell’area ex sovietica“.

Alcuni giorni prima del riconoscimento delle regioni ucraine, il viceministro degli Esteri russo Michael Bogdanov ha dato una stilettata alla Turchia dichiarando che la partecipazione dei curdi siriani agli sforzi diplomatici per negoziare una soluzione postbellica in Siria era necessaria per prevenire la secessione curda e garantire l’unificazione del Paese devastato dalla guerra.

Parlando alla televisione russa RT, controllata dallo stato, Bogdanov ha osservato che il Consiglio democratico siriano (DSC) controlla vaste aree a est del fiume Eufrate. La regione è segnata da un mosaico di forze militari provenienti da Turchia, Russia, Stati Uniti, Siria, curdi e vari gruppi militanti e jihadisti.

La cooperazione degli Stati Uniti con i curdi nella lotta contro lo Stato islamico ha irritato le relazioni tra Ankara e Washington a causa delle affermazioni turche secondo cui la DSC è collegata al Partito dei lavoratori curdi (PKK).

Designato un’organizzazione terroristica da Turchia, Stati Uniti ed Europa, il PKK ha condotto una guerra a bassa intensità nel sud-est della Turchia per quasi quattro decenni che è costata la vita a decine di migliaia di persone.

Il Presidente russo Vladimir Putin ha cercato di respingere una potenziale ulteriore incursione turca accettando di pattugliare congiunti russo-turchi in una regione in cui la Turchia ha già costruito una catena di avamposti come cuscinetto con le forze del regime russo e siriano.

Tuttavia, la Turchia accusa la Russia di non aver mantenuto la sua promessa di disarmare i combattenti curdi in un’area di 30 chilometri lungo il confine siriano-turco.

Da parte sua, Israele non condivide confini fisici o marittimi né con la Russia né con l’Ucraina. Tuttavia, sta scoprendo che la sua capacità di contrastare militarmente l’Iran e il suo alleato libanese, Hezbollah, in Siria può dipendere dal suo approccio alla crisi ucraina.

All’inizio di questo mese, la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova ha condannato gli attacchi israeliani contro obiettivi in ​​Siria come “una cruda violazione della sovranità siriana”, avvertendo che “potrebbero innescare una forte escalation delle tensioni”. Zakharova ha aggiunto che “tali azioni pongono seri rischi per i voli passeggeri internazionali”.

L’avvertimento russo è arrivato settimane dopo che la Russia aveva annunciato che il pattugliamento aereo russo-siriano era diventato una routine. L’annuncio è arrivato dopo che una delle prime pattuglie ha volato lungo le alture del Golan occupate da Israele che dividono Israele e Siria.

Il ministro della Difesa israeliano Benny Gantz ha insistito con aria di sfida in risposta che “continueremo a prevenire il trinceramento iraniano che sta divorando la Siria dall’interno. Questo è un interesse supremo per il popolo siriano e il regime: stabilizzare, rimuovere le forze iraniane dal loro territorio e consentire la riabilitazione del Paese”.

Allo stesso tempo, il ministro degli Esteri Yair Lapid ha riconosciuto che “abbiamo una sorta di confine con la Russia” data la presenza militare russa in Siria a sostegno del Presidente Bashar al-Assad.

Lapid ha inoltre osservato che Israele ha comunità ebraiche russe e ucraine considerevoli e che un numero significativo di ebrei risiede nei due Paesi in conflitto.

Di conseguenza, Israele, intrappolato in un vicolo cieco simile a quello della Turchia, si è affrettato a evitare di provocare ulteriormente l’ira russa. Ha annunciato che stava vietando agli Stati baltici di trasferire in Ucraina armi con componenti israeliane.

A differenza della Turchia che potrebbe ritenere di avere una maggiore manovrabilità nelle sue relazioni con Russia, Cina e Stati Uniti, Israele ritiene che le sue opzioni, come nel caso della Cina, siano più limitate quando si tratta della Russia. Non può permettersi di mettere a rischio le sue relazioni con Washington.

Il Ministro dei trasporti israeliano Merav Michaeli poche ore prima che la crisi ucraina arrivasse al culmine ha detto: “Non c’è dubbio che il rapporto speciale che Israele ha con gli Stati Uniti, che questo governo sta lavorando per riabilitare e ricostruire, non sia lo stesso rapporto che Israele ha con la Russia”.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->