giovedì, Maggio 19

Ucraina: la Russia inadeguata e il pantano sanguinoso, parola di Petraeus Ventunesimo giorno di guerra: il noto generale David Petraeus valuta il lavoro dell'esercito russo e lo boccia su tutta la linea. Ora quel che attende l'Ucraina e la Russia è solo sangue e pantano. Che Putin riesca a tener botta non è dato saperlo

0

Ventunesimo giorno di guerra in Ucraina. Gli attacchi della nottata si sono intensificati, e sottotiro, per la prima volta da parte della flotta navale russa, è finita Odessa. Ci sono segnali contrastanti di trattativa seria tra le parti, si parla di neutralità, di finlandizzazione dell’Ucraina, il Presidente ucraino, Volodymyr Zelensky,ondivago, tra ammissione che l’Ucraina non può entrare nella NATO, e rifiuto, si sostiene, del modello svedese o austriaco di neutralità, il Ministro degli Esteri russo, Sergej Lavorv, più possibilista, tanto che si spinge a dire che lo status neutrale di Kiev e le richieste garanzie di sicurezza «stanno per essere concordati». Intanto,la Russia ha oggi un pagamento in scadenza di 117 milioni di dollari di interessi su due eurobond sovrani. E ci sono altri tre pagamenti in scadenza questo mese. Se il debito non viene pagato, questo segnerà il primo default sovrano sul debito in valuta estera dalla rivoluzione bolscevica, più di un secolo fa. Le sanzioni, che bloccano l’accesso russo a dollari ed euro, secondo gran parte degli osservatori, renderanno impossibile per la Russia effettuare il pagamento. L’impatto economico potrebbe durare anni e riflettersi sull’economia mondiale.

Su questo sfondo, arriva l’intervista di Peter Bergen, analista di punta di sicurezza nazionale della ‘CNN‘, al generale in pensione David Petraeus, già comandante delle forze statunitensi nelle guerre in Iraq e Afghanistan, e già a capo della CIA.
Petraeus fa una valutazione delle prime tre settimane di guerra, concentrandosi sulle performance dell’esercito russo, ed è bocciatura su tutta la linea. «In ogni singola area di valutazione, i russi, a cominciare dalle loro valutazioni dell’intelligence e dalla comprensione del campo di battaglia e del loro avversario, e poi ogni aspetto della campagna, fino alle operazioni di piccole unità, si sono rivelati tristemente inadeguati», afferma.
Ci sono molte ragioni, secondo il generale, «per la p
essima prestazione dei russi». E le va ad analizzare una ad una.
«
Prima di tutto, stanno combattendo contro una forza ucraina molto determinata e abbastanza capace, composta da operazioni speciali, forze convenzionali, forze territoriali e persino privati cittadini, tutti determinati a non consentire alla Russia di raggiungere i suoi obiettivi. Stanno combattendo per la loro sopravvivenza nazionale,la loro patria e il loro stile di vita, e hanno il vantaggio sul campo di casa, conoscendo il terreno e le comunità.
Ma oltre a questo, i russi sono sorprendentemente poco professionali. Hanno chiaramente standard molto scarsi quando si tratta di svolgere compiti tattici di base come il raggiungimento di operazioni di armi combinate, che coinvolgono armature, fanteria, ingegneri, artiglieria e mortai. Sono molto poveri nella manutenzione dei loro veicoli e sistemi d’arma e ne hanno abbandonati molti. Sono scarsi anche nei rifornimenti e nei compiti logistici. Sappiamo da decenni che il sistema sovietico, ora il sistema russo, ha sempre mancato di uno dei punti di forza chiave delle forze armate statunitensi e occidentali, che è un corpo di sottufficiali forte e professionale.
E parte del problema è che l’esercito russo ha una percentuale abbastanza consistente di coscritti. È molto difficile determinare quanti di loro siano in Ucraina. Sappiamo che nell’esercito russo in generale, probabilmente tra il 20 e il 25% sono coscritti. E c’è un numero particolarmente elevato di coscritti in un’area critica, che è la logistica, inclusi conducenti di camion e autocisterne e soldati nelle unità di manutenzione.
I russi hanno avuto difficoltà ad andare fuoristrada. I loro veicoli a ruote si impantanano nel fango molto rapidamente. Il terreno non è ghiacciato come speravano. Anche i veicoli cingolati sembrano essere impantanati nel fango. E i russi semplicemente
non stanno effettuando una manutenzione preventiva sufficiente sulle loro apparecchiature.
Ho prestato servizio in unità meccanizzate, con un mix di carri armati e mezzi corazzati. E ogni volta che ti fermi, l’autista e i membri dell’equipaggio sono fuori a controllare le ruote e le trasmissioni finali, a pompare grasso, a rabboccare i livelli di liquidi. Se non esegui la manutenzione preventiva, ti ritroverai con tali veicoli che si guastano.
Oltre a ciò, i russi hanno solo attrezzature relativamente insignificanti, dato l’investimento presumibilmente fatto negli ultimi dieci anni circa. Certamente non hanno attrezzature paragonabili a quelle degli Stati Uniti.
Le loro armi di precisione non sono molto precise: questo è stato sottolineato dal fatto che non hanno scavato le piste in Ucraina nella prima ora di combattimento come abbiamo fatto in Iraq nel 2003 per negare completamente all’aeronautica irachena qualsiasi opportunità. In effetti, l’aviazione ucrainasta ancora volando. Per quanto modesto sia e per tutte le perdite che ha subito, è ancora in volo.
Quindi,
mancano le munizioni di precisione russe. Possiamo anche vederlo con la semplice frequenza con cui i russi colpiscono le infrastrutture civili, come l’ospedale di Mariupol, altre strutture mediche e il centro governativo di Kharkiv, a meno che non intendessero davvero colpire quei bersagli, il che ovviamente sarebbe a dir poco orribile .

Hanno anche problemi in compiti molto semplici come rimanere dispersi. Una colonna non si chiude mai su una grande autostrada dove può essere individuata da un drone e colpita dall’artiglieria, come si è visto di recente. L’ingorgo di 40 miglia che abbiamo visto fuori Kiev è stato dovuto a un controllo del movimento incompetente per il quale normalmente esiste una dottrina e strutture e procedure organizzative. E poi ci sono voluti giorni solo per disperdere quella colonna di 40 miglia nella copertura degli alberi. Sono stati incapaci di combinare quello che avrebbe dovuto essere un enorme vantaggio per loro, ovvero l’integrazione delle operazioni aeree e di terra insieme. Non stanno davvero facendo un vero supporto aereo ravvicinato , appena prima delle loro formazioni di terra. Piuttosto, stanno solo effettuando attacchi aerei.

Anche la guerra informatica russa è stata insignificante, forse perché ne hanno abusato in passato e gli ucraini, forse con un certo aiuto, hanno imparato come affrontarla. I russi non sono stati in grado di abbattere il sistema di comando e controllo ucraino e non sono stati in grado di bloccare l’accesso del presidente Volodymyr Zelensky ai social media e a Internet. Quindi, le loro capacità di guerra informatica,che sembravano impressionanti nelle campagne precedenti, quando ad esempio i russi presero la Crimea, nel 2014, questa volta sono molto meno impressionanti.
E poi, oltre a tutto questo,
hanno un progetto di campagna insignificante che chiaramente era basato su presupposti molto errati su quanto velocemente avrebbero potuto prendere Kiev e in particolare quanto velocemente avrebbero potuto rovesciare il governo e sostituirlo con un pro- governo russo».

E all’inadeguatezza delle forze russe si assomma un nemico «che è assolutamente determinato, sorprendentemente capace, molto innovativo e pieno di risorse, e combatte sul campo di casa.

Gran parte della popolazione odia anche i russi, e quell’odio si aggrava con ogni attacco alle infrastrutture civili. Non solo i russi non conquistano cuori e menti, ma alienano cuori e menti».

Secondo Petraeus, i russi «non hanno forze sufficienti per prendere, tanto meno per controllare, Kiev e alcune delle altre grandi città,ma hanno missili, razzi, artiglieria e bombe e un’apparente volontà di usarli in modo molto indiscriminato». Il che fa presumere che useranno «l’approccio che hanno usato in Cecenia, in particolare con Grozny, e in Siria, in particolare con Aleppo, dove hanno spopolato le città con l’uso indiscriminato delle bombe. E sarà una gara di resistenza tra la volontà dei russi di distruggere le città e la capacità degli ucraini di sopravvivere a tale distruzione».
La guerra urbana «favorirà gli ucraini». Di solito, afferma il generale, «la regola pratica per guerra urbana è che richiede almeno cinque attaccanti per ogni difensore. In questo caso, direi che potrebbe essere di più perché gli ucraini sono così pieni di risorse. Lavoreranno insieme per impedire ai russi di prendere le aree urbane nel modo in cui normalmente farebbero la fanteria e le armi combinate, come il modo in cui l’esercito degli Stati Uniti ha ripulito e poi tenuto le città durante la guerra in Iraq, ad esempio, Ramadi e Fallujah, nonché parti di Baghdad e di altre città. Tali battaglie in grandi città richiedono che tu prenda ogni edificio e ripulisca ogni stanza, e poi devi lasciare le forze alle spalle in ogni edificio, altrimenti il nemico tornerà dietro di te e lo rioccuperà. Quindi, è incredibilmente ad alta intensità di soldati. I russi non hanno abbastanza soldati per farlo nemmeno per Kiev, tanto meno per tutte le altre città. Certo, i russi avranno qualche successo in alcune città, e sicuramente la battaglia per Mariupol è una corsa tra la fame degli ucraini che rimangono lì, che includono forze che stanno ancora combattendo molto duramente, e la volontà dei russi di continuano ad accumulare distruzione e vittime civili innocenti su una città che sta resistendo ma è circondata».
E sempre circa il problema ‘uomini’ e
la supposta ambizione di Putin di prendere l’intero Paese, secondo Petraeus, «non credo che nemmeno il suo intero esercito possa farlo, e tieni presente che c’è un enorme fattore limitante, ed è l’apparenteincapacità di Putin di sostituire le forze che stanno attualmente combattendo. Come e quando sostituisce le sue forze? Non è evidente per me.

In effetti, i coscritti russi hanno solo rotazioni di 1 anno, quindi non c’è da stupirsi che dimostrano standard molto scarsi in tutto, dato che ce l’hanno fatta a malapena attraverso l’addestramento di base e avanzato e poi l’integrazione delle unità e ora sono in combattimento (e i loro tour avrebbero dovuto terminare ad aprile, fino a quando Putin non li ha prolungati)». E ci sono da considerare i caduti. «Sembra che abbiano subito più vittimenelle prime due settimane di guerra di quante ne abbiano subite gli Stati Uniti in 20 anni in Iraq;circa 5.000 o giù di lì secondo la maggior parte delle fonti, il che è semplicemente sbalorditivo».

Il fatto che, secondo l’intelligence americana, la Russia stia chiedendo alla Cina aiuti militari«indica che la Russia sta finendo alcuni sistemi d’arma e munizioni, un altro riflesso di come la Russia abbia seriamente calcolato male così tanti aspetti della guerra che ha lanciato». Una richiesta che il generale sottolinea essere imbarazzante e difficile per Pechino. «Una cosa era che la Cina si astenesse dal voto dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite in cui 141 Paesi condannavano la Russia per la sua aggressione non provocata. Ben diverso sarebbe se la Cina accettasse la richiesta della Russia e così si schierasse attivamente con un Paese che sta davvero diventando l’impero del male, bersaglio di sanzioni senza precedenti e che sta vivendo un disaccoppiamento dall’economia globale. Potrebbe anche comportare alcune sanzioni alla Cina». Inoltre, il Presidente Xi Jinping «dopo aver superato le Olimpiadi, aveva probabilmente sperato in nessun dramma nei mesi precedenti alla riunione del Partito Comunista in autunno, durante il quale sarà senza dubbio rieletto per un terzo mandato senza precedenti come Presidente, pur mantenendo la sua guida del Partito. Putin potrebbe così mettere Xi in una posizione molto imbarazzante».

La possibilità, avanzata dalla Casa Bianca, che Putin usi le armi chimiche, «Sarebbe un Rubicone da attraversare, anche se i russi hanno già incrociato quel Rubicone», dice Petraeus.«Hanno usato l’agente nervino Novichok contro oppositori del regime come Sergei Skripal e Alexei Navalny. Hanno chiaramente agenti nervini. Non è noto se li abbiano in grandi quantità e se siano consegnabili, ma chiaramente deve essere una preoccupazione seria.
Certamente, l’Amministrazione Biden ha cercato di dissuadere Putin dall’usare armi chimiche esponendo tale possibilità. In effetti, un altro modo in cui questa Amministrazione è stata molto impressionante è prendere quelli che chiaramente sono prodotti di intelligence finiti e trasformarli in annunci rilasciabili pubblicamente senza esporre fonti e metodi, il che è davvero unico
».

Il generale David Petraeus non si sottrae a ipotizzare ilcome finirà‘, quale sarà la chiusura di questa guerra per molti versi sorprendente su entrambe i fronti. «Beh, penso che ci siano diverse possibilità e non sono sicuro di quale sia la più probabile. In questo momento, però, sembra che non finisca», che si prospetti «un sanguinoso pantano per la Russia, che è peggiore della guerra sovietica in Afghanistan negli anni ’80. Questo pantano causerebbe una terribile perdita di vite umane, distruzione, sfollamento, spopolamento delle aree urbane, una massiccia catastrofe umanitaria, nonché terribili perdite per la Russia, senza un risultato definitivo per la Russia. Ne stiamo parlando a breve termine; in altre parole, nel prossimo anno o giù di lì.
Potrebbe esserci anche un accordo negoziato poiché, sia Putin che Zelensky, si rendono conto che nessuno dei due può ottenere pienamente ciò che desidera e che entrambe le parti stanno subendo un’enorme distruzione. Ciò potrebbe essere avanzato, ad esempio, dal Presidente della Finlandia o dal primo ministro di Israele o dal presidente della Francia o dall’ex cancelliera tedesca Angela Merkel, o dal presidente della Cina, per citare alcuni possibili interlocutori.
C’è un’altra possibilità, ovviamente, che è che Putin possa lasciare il potere in qualche modo. Un nuovo leader potrebbe riconoscere la follia di ciò che ha fatto Putin e ritirarsi dall’Ucraina, magari cercare di ottenere un accordo che salvi un po’ la faccia, ma comunque permetta alla Russia di districarsi da quello che sarà solo un infinito, costoso, e coinvolgimento indeciso. A dire il vero, il leader che segue Putin potrebbe anche essere spietato, insensibile e cleptocratico come lo è stato Putin, quindi dovremmo sempre moderare il nostro ottimismo quando si tratta della Russia.

C’è una quarta possibilità che non si può escludere, ed è che l’Ucraina, in un certo senso, vinca. In realtà sconfigge i russi sul campo di battaglia e, gradualmente, la realtà del campo di battaglia si instaura a Mosca. E forse l’Ucraina riprende persino il Donbas, o, in un certo senso, detta i termini alla Russia.
Ci sono almeno queste quattro possibilità. Sfortunatamente,
quella più probabile nel breve termine sembra essere la continuazione di un sanguinoso pantano per la Russia che è in gran parte indecisa, con alcuni successi russi e alcuni costosi fallimenti -e sempre maggiori privazioni economiche, inflazione, disoccupazione e privazioni sul popolo russo».

Ciò impone la domanda cruciale: quello che sta succedendo, quello che si va ipotizzare accadrà,a partire dal pantano sanguinoso, sarà politicamente sostenibile per Putin? Secondo Petraeus, Putin «sembra avere ancora una presa molto forte sul potere. Ma quando le madri dei caduti inizieranno a far sentire davvero la loro voce? Cosa succederà quando il crollo economico arriverà davvero a casa? Quando il crollo del rublo, il crollo dell’economia, l’impossibilità di riaprire il mercato azionario russo, l’uscita dalla Russia delle grandi società che hanno trascorso decenni a costruire lì come McDonald’s o Starbucks, iniziano a colpire nel segno? Infatti,380 aziende, secondo il conteggio di un professore di Yale, hanno cessato l’attività in Russia. Nessuno può prevedere quali saranno i risultati delle sanzioni, dei beni congelati, del disaccoppiamento delle società e di altre azioni sulla Russia e sul popolo russo».

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->