venerdì, Maggio 20

Ucraina: la Russia e la lotta per coprire il costo dei funerali per i caduti in guerra L'FSB, a fronti di costi crescenti per i funerali, ha chiesto al governo di aumentare i finanziamenti che fornisce per sepolture e lapidi del 17%

0

Una delle scene più istruttive della serie della BBC, ‘Churchill: The Wilderness Years’, si verifica quando un ufficiale dell’intelligence britannica che fornisce informazioni al politico sui preparativi di Hitler per la guerra. L’ufficiale dice a Churchill che i suoi agenti hanno scoperto che le fabbriche tedesche che producono tessuti sono entrate in produzione straordinaria.

Quando la figura dell’opposizione sembra perplessa nel risultato, l’ufficiale dei servizi segreti fa notare che il tessuto è necessario per le uniformi e quindi questo è un indicatore chiave del fatto che Hitler intende espandere radicalmente il suo esercito in preparazione al lancio della guerra – un classico esempio di nel modo in cui qualcosa che sembra non avere nulla a che fare con qualcos’altro in realtà lo fa.

Il regime di Putin ha rifiutato di rilasciare dati aggiornati sul numero di vittime che le sue forze hanno subito in Ucraina e la raccolta dei rapporti sui decessi nelle regioni è nella migliore delle ipotesi incompleta, non solo perché tutte le regioni non hanno riferito, ma anche perché sembra che molti dei corpi dei morti russi non sono tornati alle loro case.

(Ufficiali ucraini si sono offerti di restituire alle forze russe le loro vittime catturate dall’esercito ucraino, ma Mosca ha trascinato i piedi nell’accettarle. E ci sono state notizie secondo cui alcuni corpi sono stati cremati dall’esercito russo piuttosto che restituiti e poi contato.)

Ora, con una mossa che mostra involontariamente quanto debba essere enorme il numero di morti russe, l’FSB, di fronte a più morti che deve pagare e costi crescenti per i funerali, ha chiesto al governo di aumentare i finanziamenti che fornisce per sepolture e lapidi di 17 percento.

L’FSB ha affermato di aver compiuto quel passo perché questa parte del suo budget non è indicizzata e il costo delle sepolture e delle lapidi è aumentato vertiginosamente. Ma è chiaro che il servizio di sicurezza russo avrebbe potuto assorbire quei maggiori costi se non avesse dovuto contemporaneamente moltiplicarli per molte altre morti a seguito dei combattimenti in Ucraina.

La legge russa richiede che i dipendenti delle agenzie siloviki paghino i funerali di coloro che sono morti durante il servizio statale. Questi pagamenti sono a carico dell’agenzia per la quale l’infortunato aveva lavorato. Pertanto, oltre all’FSB, questa disposizione si applica al ministero della Difesa, al ministero dell’Interno e alla Guardia nazionale russa.

L’importo di tali pagamenti che l’FSB chiede varia tra Mosca e il resto del paese e in base al grado di coloro che muoiono. Quello che resta da vedere è se il governo russo approverà la richiesta dell’FSB e se ciò che vuole quell’agenzia sarà sufficiente per coprire i debiti di Mosca verso le famiglie di coloro che hanno perso i propri cari.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->