lunedì, Maggio 16

Ucraina: la risposta scritta di Mosca a Washington Ecco il testo integrale della risposta scritta della Russia alla risposta degli USA consegnata all'ambasciatore USA a Mosca il 17 febbraio

0

L’ambasciatore degli Stati Uniti in Russia, John Sullivan, ieri 17 febbraio, nel pomeriggio, si è recato in visita al Ministero degli Affari Esteri russo, dove ha ricevuto la risposta scritta del governo russo alla risposta americana, ricevuta da Mosca circa 3 settimane fa, sulla bozza di trattato russo tra la Federazione Russa e gli Stati Uniti d’America sulle garanzie di sicurezza che Mosca aveva avanzato.
Il testo integrale di tale documento è stato pubblicato dal sito ufficiale del Ministero degli Affari Esteri della Russia.
Di seguito riportiamo la traduzione di tale documento.

***

«CARATTERISTICHE GENERALI
Affermiamo che la parte americana non ha dato una risposta costruttiva agli elementi fondamentali della bozza di trattato con gli Stati Uniti preparata dalla parte russa sulle garanzie di sicurezza. Si tratta del rifiuto di un’ulteriore espansione della NATO, del ritiro della ‘formula di Bucarest’ secondo cui ‘Ucraina e Georgia diventeranno membri della NATO’ e del rifiuto della creazione di basi militari sul territorio di Stati che prima facevano parte del URSS e non sono membri dell’Alleanza, compreso l’uso della loro infrastruttura per lo svolgimento di qualsiasi attività militare, nonché il ritorno allo stato delle capacità militari, comprese le capacità di attacco, e delle infrastrutture della NATO1997, quando è stato firmato l’atto costitutivo Russia-NATO. Queste disposizioni sono di fondamentale importanza per la Federazione Russa.
È stata ignorata la natura del pacchetto delle proposte russe, da cui sono stati scelti deliberatamente argomenti ‘convenienti’, che, a loro volta, sono stati ‘contorti’ nella direzione di creare vantaggi per gli Stati Uniti e i suoi alleati. Questo approccio, così come la retorica di accompagnamento dei funzionari statunitensi, rafforza i legittimi dubbi sul fatto che Washington sia veramente impegnata a risolvere la situazione della sicurezza europea.
La crescente attività militare degli Stati Uniti e della NATO vicino ai confini russi è allarmante, mentre le nostre linee rosse e gli interessi di sicurezza fondamentali, così come il diritto sovrano della Russia a proteggerli, continuano a essere ignorati. Le ultime richieste di ritiro delle truppe da alcune aree del territorio russo, accompagnate da minacce di sanzioni più severe, sono inaccettabili e minano le prospettive di raggiungimento di accordi reali.
In assenza della disponibilità della parte americana a concordare garanzie solide e giuridicamente vincolanti per garantire la nostra sicurezza dagli Stati Uniti e dai suoi alleati, la Russia sarà costretta a rispondere, anche attraverso l’attuazione di misure tecnico-militari.

IN UCRAINA
Non c’è ‘invasione russa’ dell’Ucraina, che gli Stati Uniti e i loro alleati hanno dichiarato a livello ufficiale dallo scorso autunno, e non è pianificata, quindi le dichiarazioni sulla ‘responsabilità della Russia per l’escalation’ non possono essere considerate se non come un tentare di esercitare pressioni e svalutare le proposte della Russia per le garanzie di sicurezza.

Menzionare in questo contesto degli obblighi russi ai sensi del Memorandum di Budapest1994 non ha nulla a che fare con il conflitto intra-ucraino e non si applica a circostanze risultanti dall’azione di fattori interni ivi presenti. La perdita dell’integrità territoriale da parte dello Stato ucraino è il risultato dei processi che hanno avuto luogo al suo interno.
Anche le accuse alla Russia contenute nella risposta americana di ‘occupare la Crimea’ non reggono al controllo. Nel 2014, Kiev è avvenuto un colpo di Stato i cui iniziatori, con l’appoggio degli Stati Uniti e dei loro alleati, si sono diretti alla creazione di uno Stato nazionalista che viola i diritti della popolazione russa e di lingua russa, nonché come altri gruppi etnici ‘non titolari’. Non sorprende che in una situazione del genere la Crimea abbia votato per la riunificazione con la Russia. La decisione del popolo della Crimea e di Sebastopoli di tornare nella Federazione Russa è stata presa di libero arbitrio nell’esercizio del diritto all’autodeterminazione sancito dalla Carta delle Nazioni Unite. Nessuna forza o minaccia di forza è stata utilizzata. La questione dell’appartenenza della Crimea è chiusa.
Se l’Ucraina verrà accettata nella NATO, ci sarà una reale minaccia che il regime di Kiev cerchi di ‘restituire’ la Crimea con la forza, attirando gli Stati Uniti e i suoi alleati, in conformità con l’art. 5 del Trattato di Washington, in un conflitto armato diretto con la Russia con tutte le conseguenze che ne conseguono.
La tesi ripetuta nella risposta degli Stati Uniti secondo cui la Russia avrebbe ‘acceso il conflitto nel Donbass’ è insostenibile. Le sue ragioni sono di natura puramente domestica. L’accordo è possibile solo attraverso l’attuazione degli accordi di Minsk e del ‘Pacchetto di misure’, la cui priorità e responsabilità per l’attuazione sono chiaramente definite e confermate all’unanimità dalla risoluzione 2202 del Consiglio di sicurezza dell’ONU, che include Stati Uniti, Francia e Gran Bretagna Gran Bretagna. Nel paragrafo 2 della presente risoluzione, Kiev, Donetsk e Lugansk sono nominate parti. Nessuno di questi documenti menziona la responsabilità della Russia per il conflitto nel Donbas. La Russia, insieme all’OSCE, svolge il ruolo di mediatore nel formato negoziale principale -il Gruppo di contatto- e insieme a Berlino e Parigi -nel formato Normandia, che formula raccomandazioni alle parti in conflitto e ne controlla l’attuazione.
Per ridurre l’escalation della situazione intorno all’Ucraina, è di fondamentale importanza adottare le seguenti misure. Ciò sta costringendo Kiev a rispettare il ‘pacchetto di misure’, interrompendo la fornitura di armi all’Ucraina, ritirando da lì tutti i consiglieri e gli istruttori occidentali, rifiutando i Paesi della NATO da qualsiasi esercitazione congiunta con le forze armate ucraine e ritirando in precedenza tutte le armi straniere consegnato a Kiev al di fuori del territorio ucraino.
A questo proposito, richiamiamo l’attenzione sul fatto che il presidente della Russia Vladimir Putin in una conferenza stampa a seguito dei colloqui a Mosca con il presidente francese Emmanuel Macron il 7 febbraio2022, ha sottolineato che siamo aperti al dialogo e sollecitiamo “a pensare a condizioni di sicurezza stabili per tutti, uguali per tutti i partecipanti alla vita internazionale”.

CONFIGURAZIONE DELLE FORZE
Notiamo che nella risposta alle proposte russe, gli Stati Uniti insistono sul fatto che i progressi nel miglioramento della situazione della sicurezza europea “possono essere raggiunti solo in termini di de-escalation in relazione alle azioni minacciose della Russia contro l’Ucraina”, il che, come comprendiamo, implica il requisito del ritiro delle truppe russe dai confini dell’Ucraina. Allo stesso tempo, gli Stati Uniti sono pronti a parlare solo di “obbligazioni reciproche … di astenersi dal dispiegare forze permanenti con missioni di combattimento sul territorio dell’Ucraina” e “considerare la possibilità di discutere il problema delle forze armate convenzionali”. Quanto al resto, la parte americana passa sotto silenzio le nostre proposte contenute nel sez. 2 Articolo 4 e cpv. 1 dell’articolo 5 del progetto di trattato bilaterale e afferma che “l’attuale configurazione delle forze USA e NATO è limitata”.
Presumiamo che il dispiegamento delle Forze armate della Federazione Russa sul suo territorio non leda e non possa pregiudicare gli interessi fondamentali degli Stati Uniti. Vorremmo ricordarvi che non ci sono nostre forze sul territorio dell’Ucraina.
Allo stesso tempo, gli Stati Uniti e i loro alleati stavano spostando le loro infrastrutture militari a est, schierando contingenti nei territori dei nuovi membri. Hanno aggirato le restrizioni CFE e interpretato piuttosto vagamente le disposizioni dell’Atto istitutivo Russia-NATO sul rifiuto di “un ulteriore dispiegamento permanente di notevoli forze di combattimento”. La situazione che si è sviluppata a seguito di queste azioni è inaccettabile. Insistiamo sul ritiro di tutte le forze armate statunitensi e le armi dispiegate nei Paesi CEE, SEE e nei Paesi baltici. Siamo convinti che le potenzialità nazionali in queste zone siano abbastanza sufficienti. Siamo pronti a discutere questo argomento sulla base degli articoli 4 e 5 del progetto di trattato russo.

IL PRINCIPIO DI INDIVISIBILITÀ DELLA SICUREZZA

Non abbiamo visto nella risposta degli Stati Uniti la conferma che la parte americana sia pienamente impegnata a osservare il principio immutabile dell’indivisibilità della sicurezza. Dichiarazioni generali sulla considerazione da parte americana di questo postulato contraddicono direttamente la riluttanza di Washington ad abbandonare il suo corso controproducente e destabilizzante di creare vantaggi per sé e per i suoi alleati a spese degli interessi di sicurezza della Russia. Questo è esattamente ciò che sta accadendo a seguito della sfrenata attuazione da parte dell’Alleanza Nord Atlantico, con il ruolo guida degli Stati Uniti, di una politica di sviluppo geostrategico e militare illimitato dello spazio post-sovietico, compreso il territorio dell’Ucraina, che è di natura particolarmente sensibile per noi. Tutto questo sta accadendo direttamente ai confini della Russia. In questo modo, le nostre linee rosse e gli interessi fondamentali della sicurezza vengono ignorati e viene negato il diritto inalienabile della Russia di fornirli. Per noi, questo è, ovviamente, inaccettabile.
Ricordiamo inoltre che questo principio è sancito dal preambolo del Trattato tra la Federazione Russa e gli Stati Uniti d’America sulle misure per l’ulteriore riduzione e limitazione delle armi strategiche offensive 2011, sulla cui proroga per 5 anni senza eccezioni le parti hanno concordato nel febbraio dello scorso anno, nonché in una serie di documenti di base OSCE e Russia-NATO adottati al più alto livello: nel preambolo dell’Atto finale di Helsinki1975, nella Carta di Parigi per una Nuova Europa1990, Atto istitutivo Russia-NATO1997, Carta di Istanbul per la sicurezza europea OSCE1999, Dichiarazione di Roma Russia-NATO200 e la Dichiarazione di Astana del Vertice dell’OSCE2010.
Notiamo che la risposta ricevuta menziona l’impegno di Washington sul concetto di indivisibilità della sicurezza. Ma nel testo si riduce al diritto degli Stati “di scegliere liberamente o cambiare i metodi per garantire la propria sicurezza, compresi i trattati sindacali”. Questa libertà non è assoluta ed è solo metà della ben nota formula fissata nella Carta per la Sicurezza Europea. La sua seconda parte richiede, nell’esercizio di questo diritto, di non “…rafforzare la propria sicurezza a scapito della sicurezza di altri Stati”. Non possiamo prendere in considerazione la lettera ricevuta dalla NATO in data 10 febbraio di quest’anno, in risposta alla lettera inviata il 28 gennaio dal Ministro degli Affari esteri russo S.V. Lavrov2022, un messaggio al Segretario di Stato americano E. Blinken su questo tema. Abbiamo chiesto una risposta a livello nazionale.

LA POLITICA DELLA ‘PORTA APERTA’ DELLA NATO
Gli Stati Uniti ribadiscono il loro “forte sostegno” alla politica della ‘porta aperta’ della NATO. Ma è in contrasto con gli impegni di base assunti in seno alla CSCE/OSCE, soprattutto l’impegno di “non rafforzare la propria sicurezza a scapito della sicurezza degli altri”. Questa politica non è coerente con le linee guida dell’alleanza stessa, che a seguito della riunione del Ministro degli Esteri della NATO del 6-7 giugno1991 a Copenaghen si è impegnato “a non trarre vantaggi unilaterali dalla mutata situazione in Europa”, “a non minacciare i legittimi interessi” di altri Stati, a non lottare per il loro “isolamento” o “tracciare nuove linee di demarcazione nel continente”.

Chiediamo agli Stati Uniti e alla NATO di tornare ad adempiere ai loro obblighi internazionali nel campo del mantenimento della pace e della sicurezza. Ci aspettiamo proposte specifiche dai membri dell’alleanza sui contenuti e le forme di consolidamento giuridico della rinuncia all’ulteriore espansione verso est della NATO.

CARATTERE BATCH DELLE OFFERTE
Prendiamo atto della disponibilità degli Stati Uniti a lavorare in modo sostanziale sul controllo degli armamenti individuali e sulle misure di riduzione del rischio. Allo stesso tempo, hanno registrato che Washington aveva finalmente riconosciuto la giustificazione per una serie di proposte e iniziative russe in questi settori che sono state avanzate negli ultimi anni.
Allo stesso tempo, richiamiamo ancora una volta l’attenzione della parte americana sul fatto che la Russia, nei documenti che abbiamo presentato sulle garanzie di sicurezza, ha proposto di seguire la strada di una soluzione globale a lungo termine della situazione inaccettabile che continua a svilupparsi nella regione euro-atlantica. Innanzitutto, stiamo parlando di creare una base stabile per un’architettura di sicurezza sotto forma di un accordo sul rifiuto della NATO di intraprendere ulteriori azioni che danneggiano la sicurezza della Russia. Questo rimane un imperativo immutabile per noi. In assenza di una base così solida, le misure interconnesse di controllo degli armamenti e di riduzione del rischio militare che assicurino la moderazione e la prevedibilità dell’attività militare in aree separate, anche se possono essere concordate, non saranno sostenibili a lungo termine. Pertanto, le proposte russe sono di natura ‘pacchetto’ e dovrebbero essere considerate nel loro insieme senza esplicitare le sue singole componenti.
A questo proposito, vorremmo concentrarci sulla mancanza di una reazione costruttiva da parte di Washington e Bruxelles agli elementi più importanti dell’iniziativa russa che abbiamo chiaramente individuato. Per quanto riguarda le questioni relative al controllo degli armamenti, le consideriamo esclusivamente nel contesto generale di un approccio globale e di ‘pacchetto’ per risolvere il problema delle garanzie di sicurezza.

‘POST START’ E ‘EQUAZIONE DI SICUREZZA’
Gli Stati Uniti propongono “immediatamente” di impegnarsi nello sviluppo di “misure per lo sviluppo di START” nel quadro del dialogo sulla stabilità strategica. Tuttavia, allo stesso tempo, la parte americana sta cercando di fissare un approccio non coordinato con noi, che prevede di concentrarsi esclusivamente sulle armi nucleari, indipendentemente dalla capacità di alcune armi di rappresentare una minaccia diretta per il territorio nazionale dell’altra parte. Una tale visione unilaterale delle cose è contraria alle intese raggiunte al vertice russo-americano del 16 giugno2021, a Ginevra, sulla natura globale del dialogo strategico per gettare le basi per future misure di controllo degli armamenti e riduzione dei rischi.
La Russia continua a sostenere un approccio integrato alle questioni strategiche. Proponiamo di impegnarci nello sviluppo congiunto di una nuova ‘equazione di sicurezza’.

Un insieme di elementi del concetto che proponiamo, che rimane del tutto pertinente, è stato portato all’attenzione della parte americana durante gli incontri nell’ambito del dialogo strategico e nel2021, documento di lavoro per il suo completamento.

DISPIEGAMENTO DI ARMI NUCLEARI AL DI FUORI DEL TERRITORIO NAZIONALE
Nel loro documento, gli Stati Uniti non hanno reagito a un tale elemento del ‘pacchetto’ di misure da noi proposto come il ritiro delle armi nucleari dispiegate fuori dai propri confini sul territorio nazionale e il rifiuto di un loro ulteriore dispiegamento al di fuori del territorio nazionale, e si è limitato a menzionare la necessità di affrontare il problema sulla piattaforma di dialogo strategico armi nucleari non strategiche senza tener conto delle peculiarità del loro dispiegamento e di altri fattori che incidono sulla sicurezza delle parti.
Ci teniamo a chiarire che le nostre proposte riguardano la soluzione del problema della presenza sul territorio di alcuni Stati NATO non nucleari -in violazione del TNP- di armi nucleari statunitensi in grado di colpire obiettivi sul territorio russo. Ciò includerebbe l’eliminazione dell’infrastruttura per il rapido dispiegamento di tali armi in Europa, nonché la cessazione dell’addestramento e delle esercitazioni della NATO nella gestione di queste armi, che coinvolgono Stati membri della NATO non nucleari. Senza rimuovere questo irritante, è impossibile discutere il tema delle armi nucleari non strategiche.

MISSILI A TERRA A RAGGIO INTERMEDIO E CORTO
Consideriamo questa questione come una delle aree prioritarie del dialogo russo-americano sulla stabilità strategica. Riteniamo che questa categoria di armi sia una componente necessaria della nuova ‘equazione di sicurezza’ che dovrebbe essere elaborata congiuntamente da Russia e Stati Uniti.
Continuiamo a procedere dalla rilevanza delle iniziative russe nel campo del ‘Trattato post-INF’, che si basano sull’idea di moratorie verificabili reciproche sul dispiegamento del Trattato INF a terra in Europa. In linea di principio, siamo aperti a una considerazione sostanziale delle modalità della sua attuazione pratica. Allo stesso tempo, notiamo la continua incertezza negli approcci di Washington ai parametri principali delle potenziali misure di controllo su queste armi, principalmente alla loro copertura, che dovrebbe coprire tutte le armi della portata appropriata in apparecchiature nucleari e non.
È stato notato che gli Stati Uniti stanno prendendo come base l’approccio russo, che prevede la risoluzione reciproca delle preoccupazioni reciproche nel contesto del Trattato INF precedentemente esistente. Può essere ulteriormente presa in considerazione la versione proposta dalla parte americana per lo sviluppo della nostra idea di misure di verifica reciproca in relazione ai complessi Aegis Ashore in Romania e Polonia, nonché ad alcune strutture nella parte europea della Russia.
Come sottolineato nella dichiarazione del presidente della Russia V.V. Putin del 26 ottobre 2020, e successivamente portato all’attenzione della parte statunitense in numerose occasioni, potenziali misure di trasparenza rispetto alle strutture russe oggetto di accordo potrebbero includere il monitoraggio dell’assenza del missile russo 9M729 lì. Ricordiamo che questo passaggio è una manifestazione di buona volontà, dato che le caratteristiche del missile 9M729 non contraddicono in alcun modo i requisiti del precedente Trattato INF e che gli Stati Uniti non hanno fornito alcuna prova che confermerebbe le accuse mosse Russia. Allo stesso tempo, la parte americana ha ignorato ciò che abbiamo organizzato il 23 gennaio durante il periodo di questo Trattato 2019, evento volontario per dimostrare il dispositivo e le caratteristiche tecniche del razzo 9M729 e del suo lanciatore.

BOMBARDIERI PESANTI E NAVI DA GUERRA DI SUPERFICIE

Notiamo l’attenzione della parte americana all’idea russa di ulteriori misure di mitigazione del rischio in relazione ai voli di bombardieri pesanti vicino ai confini nazionali delle parti. Vediamo un argomento di discussione e il potenziale per accordi reciprocamente accettabili. Vi ricordiamo un elemento altrettanto importante della nostra proposta ‘pacchetto’ riguardante crociere simili di navi di superficie da combattimento, che comportano anche seri rischi.

ESERCITAZIONI E MANOVRE MILITARI
Gli Stati Uniti non hanno risposto alle proposte contenute nell’art. 2 Articolo 4 del progetto di trattato russo. La parte americana, a quanto pare, procede dal fatto che è possibile ridurre la tensione in ambito militare aumentando la trasparenza e misure aggiuntive per ridurre il pericolo in linea con le proposte dell’Occidente di modernizzare il Documento di Vienna.
Consideriamo un tale approccio irrealistico e unilaterale, volto a ‘vedere attraverso’ le attività delle forze armate della Federazione Russa. Misure volte a rafforzare la fiducia e la sicurezza ai sensi del Documento di Vienna 2011, appropriato per l’ambiente odierno. Per iniziare a discutere la possibilità di aggiornarli, devono essere create le condizioni necessarie. E per questo, gli Stati Uniti e i loro alleati dovrebbero abbandonare la politica di ‘contenimento’ della Russia e adottare misure concrete per diradare la situazione politico-militare, anche in linea con il par. 2 Articolo 4 del nostro progetto di trattato.
Per quanto riguarda la prevenzione degli incidenti in alto mare e nello spazio aereo sovrastante, accogliamo con favore la disponibilità degli Stati Uniti a consultazioni appropriate. Tuttavia, questo lavoro non può sostituire la soluzione dei problemi chiave posti dalla Russia
».

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->