martedì, Maggio 24

Ucraina: la guerra urbana alimentata dall’Occidente distruggerà le città L'invio di armi non è una panacea: le statistiche e la storia mostrano che più persone moriranno e più edifici saranno rasi al suolo

0

Le forze armate ucraine hanno dimostrato una difesa inaspettata e capace dopo l’invasione russa quasi due settimane fa. Le forze ucraine, insieme a migliaia di combattenti stranieri volontari, hanno usato efficacemente le armi fornite dagli americani e dall’Europa. I difensori ucraini hanno approfittato della scarsa pianificazione militare russa nei primi giorni del conflitto per distruggere e/o catturare un gran numero di risorse militari avversarie. Nonostante ciò, l’esercito russo controlla la più grande centrale nucleare d’Europa nel sud-est dell’Ucraina, così come la città meridionale di Kherson.

I progressi militari russi hanno richiesto ulteriori aiuti militari e supporto per un’insurrezione urbana per respingere gli assedi russi delle città ucraine. Data la disponibilità di armi in Ucraina, così come il numero crescente di combattenti stranieri e mercenari nel conflitto – secondo quanto riferito, Mosca sta reclutando siriani esperti nel combattimento urbano per combattere in Ucraina – gli Stati Uniti e i loro alleati devono calibrare attentamente il supporto militare loro forniscono. Sulla base della ricerca che ho condotto, più armi a sostegno di una guerra urbana andranno a vantaggio dei difensori ucraini, ma porteranno a una guerra più lunga e devastante e avranno effetti a lungo termine.

Continuare a fornire armi agli ucraini che difendono le loro città è un concetto allettante perché le città avvantaggiano i difensori più piccoli e scarsamente armati. Le città, con le loro strade strette e vicoli, consentono ai difensori di nascondersi negli edifici e creano pericoli naturali per l’avanzamento delle forze militari convenzionali. Gli ordigni esplosivi improvvisati (IED) possono essere interrati agli incroci stradali, rallentando l’avanzata degli aggressori. Le città limitano i tipi e la qualità dell’intelligence che le forze d’attacco possono raccogliere sui difensori, il che rende anche più difficile combattere efficacemente le forze d’attacco. L’intelligence umana è fondamentale per il successo delle campagne militari urbane. Ma nelle guerre urbane c’è poco incentivo per i residenti a condividere l’intelligence. In molti casi i residenti della città supportano i difensori locali.

A meno che le forze militari attaccanti non vogliano cancellare una città, limitano il loro uso di carri armati, fanteria corazzata, artiglieria pesante e potenza aerea. Gli stretti quartieri urbani fanno sì che le forze armate convenzionali operino in gruppi più leggeri e più piccoli, il che aumenta la loro vulnerabilità agli attacchi di missili lanciati a spalla, bombe molotov e civili leggermente armati.

Lo svantaggio di armare la resistenza urbana è la morte e la distruzione che può causare. Ci sono pochi controlli e/o procedure operative standard per armare le forze armate altrui. Il Dipartimento di Stato e Difesa degli Stati Uniti ha autorità individuali che usano per armare le forze militari partner in tutto il mondo. Tuttavia, meno del due per cento delle vendite militari estere viene monitorato una volta che arrivano a destinazione. In Ucraina, ad esempio, nel gennaio 2020, l’ispettore generale del Dipartimento della Difesa ha riferito che i dati del Dipartimento della Difesa sulla quantità e le condizioni degli occhiali per la visione notturna erano imprecisi. Poiché i sistemi d’arma più complicati si spostano attraverso i Paesi partner, i sistemi sottosviluppati per il monitoraggio delle armi possono portare a un loro utilizzo improprio o da parte di persone sbagliate. Ad esempio, le armi statunitensi fornite all’Arabia Saudita e agli Emirati Arabi Uniti sono cadute nelle mani di combattenti e altre milizie legati ad al-Qaeda e sostenuti dall’Iran. Lo stesso processo di armamento può facilitare la violenza non statale.

Gli studi sulla guerra urbana indicano che più persone muoiono quando si verificano guerre in città grandi e densamente popolate. A Mosul, la seconda città più grande dell’Iraq, dove lo Stato Islamico ha fatto la sua ultima resistenza, alcuni stimano che siano state uccise fino a 40.000 persone, oltre un milione di persone sia fuggito dalla città e 32.000 edifici siano stati distrutti. Si stima che la ricostruzione costi oltre 1 miliardo di dollari; escluso il numero di siti del patrimonio mondiale distrutti nel centro storico della città.

Tutte le prove disponibili sull’approccio russo alla guerra urbana indicano che ci si dovrebbe aspettare una massiccia distruzione urbana. Le operazioni militari russe nelle città siriane includevano l’uso indiscriminato di barili bomba, munizioni a grappolo e armi incendiarie ad Aleppo e Idlib. Più vicino a casa, Putin ha ordinato la demolizione di Grozny, la capitale della Cecenia, durante la seconda guerra cecena nel 1999 come parte della sua campagna per sottomettere un’insurrezione cecena. Grozny divenne nota come la città più distrutta della terra.

Le armi necessarie per proteggere le aree urbane hanno i loro effetti collaterali perniciosi. La Russia potrebbe scegliere di attaccare le spedizioni di armi, trascinando nel conflitto i paesi fornitori di armi. Ancora più importante, mentre vari tipi di armi stanno ora fluendo in Ucraina, ci sono pochi metodi efficaci per i governi statali per assicurarsi la fine della circolazione delle armi dopo la fine di un conflitto. Ciò è particolarmente vero quando più forze non statali sono coinvolte in un combattimento. In molte zone postbelliche, i programmi di riacquisto di armi sponsorizzati dallo stato hanno portato a un aumento della domanda di nuove armi, a una crescita del commercio di armi nero sul mercato attraverso funzionari governativi corrotti (che è già una sfida in Ucraina) e hanno reso intermediari nel commercio di armi più ricco.

Le armi non protette da una zona di conflitto spesso trovano la loro strada in altre guerre. La Libia è un esempio appropriato. Il traffico di armi dalla Libia è esploso dopo la guerra civile libica, con armi libiche utilizzate in Nord Africa, Kenya, Iraq, Gaza e Siria. In Europa la schiera di armi che entrano in Ucraina potrebbe realisticamente finire nelle mani delle milizie ucraine di estrema destra che si sono offerte volontarie per combattere contro la Russia.

Più trasferimenti di armi a sostegno degli ucraini che difendono le loro città non sono una panacea. Non esiste una pallottola d’argento che fermerà Putin e metterà fine all’avventurismo militare russo. Invece, gli Stati Uniti e i loro alleati devono garantire che le vendite di petrolio e le relazioni commerciali russe, in particolare con la Cina, siano ridotte, il che limiterà la capacità di Putin di pagare per la guerra.

Oltre a influenzare l’economia russa, gli Stati Uniti e la NATO devono iniziare a identificare tattiche di riduzione dell’escalation, rampe di uscita e vie di uscita dal conflitto. L’amministrazione Biden deve sostenere e/o facilitare i colloqui Russia-Ucraina. Nonostante i pochi risultati fino a questo punto, l’amministrazione Biden deve anche continuare a fare pressione sulla Cina affinché aiuti a ridurre l’escalation della guerra. Gli obiettivi chiave per tutte le parti devono essere l’identificazione di una soluzione negoziata gradevole che possa porre fine al conflitto immediatamente.

Non ci sono buone opzioni su come affrontare o porre fine alla guerra in Ucraina. L’Ucraina perderà da questa guerra in un modo o nell’altro. Gli Stati Uniti e i loro alleati devono essere sicuri che il loro sostegno non peggiori il conflitto o non porti all’insicurezza al di fuori dell’Ucraina. Evitare le valutazioni pollyannish sull’efficacia del loro supporto è il modo migliore per iniziare.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->