lunedì, Maggio 16

Ucraina: la ‘deviazione’ Le persone che ora puntano alla resa dei conti con Putin stavano puntando alla resa dei conti con Saddam Hussein due decenni fa, con le stesse promesse di un felice esito

0

Sebbene alcune guerre possano essere necessarie e inevitabili, una guerra che contrappone la Russia all’Ucraina – e potenzialmente coinvolge gli Stati Uniti – non sarebbe questo. Tuttavia, se dovesse verificarsi una simile guerra, alcuni membri del commentariat americano esulterebbero. Desiderano ardentemente una resa dei conti con Vladimir Putin. La profondità del loro animismo nei confronti di Putin e l’iperbole che ispira è un po’ un enigma che merita di essere esaminato.

Un corrispondente veterano del New York Times accusa Putin di “aver puntato una pistola alla testa dell’Occidente”. In un editoriale pubblicato di recente sul Times, un ex funzionario della sicurezza nazionale degli Stati Uniti accusa il presidente Biden di “aver inviato il messaggio che gli Stati Uniti hanno paura di affrontare militarmente la Russia”. “In un’era in cui il fascismo è in marcia”, avverte un editorialista del Boston Globe, “potrebbe essere in gioco molto di più della semplice sicurezza di un singolo paese ai margini dell’estremo oriente dell’Europa.

Un senso di rovina imminente punteggia le provocazioni: con fascisti senza nome che si radunano fuori dalle porte della città e la sopravvivenza stessa dell’Occidente è a rischio, il presidente in carica soccombe alla codardia. Da dove viene un linguaggio così surriscaldato? Cosa significa?

Una spiegazione ovvia è la semplice russofobia che pervade i ranghi dell’élite politica americana. Con radici che risalgono almeno alla rivoluzione bolscevica, il disprezzo per la Russia si è approfondito solo nel corso di diversi decenni di Guerra Fredda. Sebbene la Guerra Fredda sia finita una generazione fa, questo animus abituale sopravvive completamente intatto, da nessuna parte più che a Washington. Demonizzare la Russia è una vendita facile.

Nella politica internazionale, la maggior parte dei crimini, non importa quanto atroci, sono perdonabili. Anche quelli perpetrati dal regime nazista non figurano nelle relazioni quotidiane degli Stati Uniti con la Repubblica Federale Tedesca. Né, a quanto pare, gli Stati Uniti tengono contro di essa la collaborazione dell’Ucraina con il Terzo Reich.

Su questo punto, la Russia è un’eccezione, con i membri dell’establishment americano poco inclini a perdonare oa dimenticare le trasgressioni passate attribuite all’Unione Sovietica. Nota come la partnership sovietico-americana che è stata cruciale per sconfiggere la Germania nazista è quasi scomparsa dalla nostra coscienza collettiva. Veneriamo Churchill; insultiamo Stalin. Che Putin sia un ex ufficiale del KGB presumibilmente ci dice tutto quello che dobbiamo sapere su di lui.

Ma lasciatemi suggerire che la nostra attuale antipatia verso la Russia deriva da qualcosa di più profondo della riluttanza a lasciar andare i vecchi rancori. Il vero problema ha meno a che fare con loro che con noi. Più specificamente, è incentrato su un disperato bisogno di rinnovare il concetto di eccezionalismo americano. In nessun luogo questo bisogno è sentito più forte che tra i membri dell’establishment della politica estera.

L’eccezionalismo americano è la convinzione che in qualche modo mistico Dio o la Provvidenza o la Storia abbiano incaricato l’America di guidare l’umanità verso il suo destino previsto. Incorporata nella frase è l’essenza della nostra identità collettiva.

Noi americani, non i russi e di certo non i cinesi, siamo il popolo eletto. Noi, e solo noi, siamo chiamati a realizzare il trionfo della libertà, della democrazia e dei valori umani (come li definiamo noi), mentre non così incidentalmente rivendichiamo qualcosa di più della nostra giusta quota di privilegi e prerogative terrene.

L’eccezionalismo americano presuppone un mondo manicheo in cui il bene è contrapposto al male, con la nostra parte che si presume incarni il bene. Confezionato con sentimenti altisonanti del tipo a cui i recenti presidenti degli Stati Uniti (tranne uno) regolarmente – e forse anche sinceramente – rendono omaggio, l’eccezionalismo americano giustifica il primato globale americano.

Ma noi americani abbiamo un problema. Di recente, gli Stati Uniti non sono apparsi particolarmente eccezionali. Semmai, è vero il contrario.

Chi sano di mente si identificherebbe con una nazione che in un passato non molto lontano è stata impegnata in una guerra costosa e probabilmente illegale in un paese (l’Iraq), mentre conduce una guerra di 20 anni in un altro (l’Afghanistan) che finito con una sconfitta umiliante? In che senso una nazione che perde oltre 900.000 cittadini a causa di una pandemia, il cui governo centrale disfunzionale spende ogni anno trilioni in più di quanto incassa e che non può nemmeno controllare i propri confini si qualifica come eccezionale? Una nazione in cui l’1% più ricco controlla 16 volte più ricchezza del 50% più povero può essere considerata eccezionale? O uno in cui un grande partito politico caratterizza l’insurrezione violenta come “discorso politico legittimo”? Per quanto riguarda una nazione che elegge Donald Trump presidente e potrebbe farlo di nuovo: il termine “eccezionale” non sembra proprio appropriato.

“Spericolato”, “incompetente”, “alienato”, “stravagantemente dispendioso” e “profondamente confuso” descrivono più accuratamente la nostra situazione.

Come uscire dal caos politico, culturale ed economico in cui ci troviamo – sì, come rendere di nuovo grande l’America – è la domanda generale del giorno.

Coloro che sono desiderosi di una resa dei conti con la Russia sull’Ucraina offrono una risposta a questa domanda: mettere un brutale bullo al suo posto farà molto per ripristinare lo splendore perduto dell’eccezionalismo americano. È “scodinzola il cane” in forma modificata: assertività militarizzata in luoghi lontani che promette una scorciatoia per la redenzione.

Non crederci. Le persone che puntano alla resa dei conti con Putin provengono dai ranghi di coloro che due decenni fa stavano puntando a una resa dei conti con Saddam Hussein, promettendo al contempo un felice esito.

Esiste un approccio alternativo molto più probabile che produca risultati positivi. Questo approccio alternativo postula una riformulazione dell’eccezionalismo americano basato non sulla flessione dei muscoli in luoghi lontani, ma sulla modellazione di libertà, democrazia e valori umani qui a casa. Il chiaro imperativo del momento è mettere in ordine la nostra casa. Inciampare in un’altra guerra inutile non aiuterà.

Per quanto riguarda l’Ucraina, la crisi pone un rischio minimo per l’Occidente, che possiede ampie forze per difendersi dall’aggressione russa. Piuttosto che lanciare insulti maschilisti su chi resisterà a Vladimir Putin, la saggezza suggerisce che gli Stati Uniti dovrebbero riconoscere la possibilità che la Russia possieda legittimi interessi di sicurezza propri, interessi che si estendono alla questione se l’Ucraina abbia un amico o un nemico orientamento. Quanto ai fascisti, quelli che meritano un’attenzione concertata americana tendono a essere nostrani.

Elevare la Russia allo status di nemico numero 1 è in realtà un diversivo da questioni di importanza immediata di gran lunga maggiore. È tempo che gli americani si rendano conto del fatto che dobbiamo affrontare preoccupazioni molto più pressanti.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->