venerdì, Maggio 20

Ucraina: l’opportunità della Corea del Sud di Yoon Suk-yeol In che modo il nuovo Presidente della Corea del Sud si avvicinerà all'invasione russa dell'Ucraina? La crisi ucraina offre al governo del Presidente eletto Yoon Suk-yeol, entrato in carica appena due giorni fa, il 10 maggio, un'opportunità unica, ma anche alcuni rischi, per espandere la sua agenda di politica estera

0

La guerra della Russia contro l’Ucraina è giunta al suo terzo mese. Sebbene la guerra rimanga confinata all’Ucraina, il conflitto ha implicazioni significative per gli alleati degli Stati Uniti in Asia, inclusa la Corea del Sud.
La crisi ucraina offre al governo [del Presidente eletto Yoon Suk-yeol, entrato in carica appena due giorni fa, il 10 maggio] un’opportunità unica, ma anche alcuni rischi, per espandere la sua agenda di politica estera.

Come racconta Andrew Yeo su ‘The Diplomat’, «la risposta iniziale della Corea del Sud all’invasione della Russia è stata misurata rispetto a quelli degli Stati Uniti e di altri stretti alleati degli Stati Uniti.
Il governo di Moon Jae-in ha sostenuto le sanzioni internazionali contro la Russia, ma a differenza di Giappone e Australia, non ha imposto sanzioni indipendenti proprie.
I membri del Partito Democratico della Corea al potere hanno accusato il Presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy di aver provocato la Russia. Dopo ulteriori deliberazioni, tuttavia, Seoul ha deciso di vietare l’esportazione diretta di materiali strategici in Russia e Bielorussia, come i semiconduttori, e interrompere le transazioni con le principali banche russe. Sebbene la Russia si collochi solo al 12° posto tra i maggiori partner commerciali della Corea del Sud, queste azioni non sono insignificanti.
Anche se alcuni politici e organi di stampa
hanno criticato il governo uscente Moon per aver vacillato all’inizio e non aver fornito maggiore sostegno alla difesa dell’Ucraina, il sostegno della Corea del Sud alla sovranità ucraina è stato accolto favorevolmente ed esplicitamente riconosciuto dal Segretario di Stato americano Antony Blinken e dal Presidente Joe Biden».

Basandosi sull’attuale sostegno della Corea del Sud all’Ucraina, secondo Yeo, «Yoon potrebbe cercare nuove opportunità di politica estera in tre modiIn primo luogo, la crisi ucraina consente al governo Yoon di mostrare in anticipo come la politica estera ‘principaleassomiglia a quella ‘promuove la libertà, la pace e la prosperitàin difesa di un ordine internazionale liberale, come ha affermato Yoon. Alle Nazioni Unite, la Corea del Sud ha votato per condannare l’invasione russa dell’Ucraina. Successivamente ha votato per sospendere l’adesione della Russia al Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite. Inoltre, la Corea del Sud ha recentemente rafforzato la sua promessa di assistenza umanitaria 40 milioni di dollari.
Andando avanti, ulteriori rivelazioni di atrocità come esecuzioni e uccisioni di massa in città come Bucha e Mariupol seguiranno sicuramente. In risposta, la Corea del Sud ha l’opportunità di prendere una posizione più forte sulla democrazia globale, i diritti umani e lo stato di diritto parlando contro potenziali crimini di guerra, fornendo ulteriore aiuto umanitario e accettando ulteriori rifugiati ucraini oltre etnici coreani che vivono in Ucraina.

In secondo luogo, il nuovo governo della Corea del Sud può diversificare ulteriormente e rafforzare le partnership globali con gli alleati degli Stati Uniti in Asia e in Europa, spostando la narrativa sul ruolo della Corea del Sud nell’Indo-Pacifico.
La dichiarazione congiunta del 4 febbraio tra Mosca e Pechino ha alterato il panorama geopolitico in Eurasia e ha portato a legami rafforzati tra gli alleati degli Stati Uniti in Europa e in Asia. Ad esempio, nell’aprile 2022, quattro alleati asiatici degli Stati Uniti, inclusa la Corea del Sud, ha partecipato ufficialmente a una riunione del Ministero degli Esteri dell’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO) a Bruxelles per discutere della crisi ucraina. La NATO ha ora esteso un invito a tutti e quattro i Paesi a partecipare al prossimo vertice della NATO a Madrid a giugno.
La necessità di coordinare la politica delle sanzioni contro la Russia, oltre ad affrontare altre questioni geo-economiche come la carenza della catena di approvvigionamento, offre al governo Yoon un ulteriore incentivo a cooperare con altri alleati e partner degli Stati Uniti.

In terzo luogo, la crisi fornisce al governo Yoon una maggiore giustificazione per rafforzare la difesa e la deterrenza sudcoreana. Nel mezzo della crisi ucraina, la Corea del Nord ha tutte le ragioni in piùper aggrapparsi alle armi nucleari. È probabile che le provocazioni nordcoreane continuino quest’anno, oscurando così le prospettive di negoziati con Pyongyang a breve. Una maggiore consapevolezza dei rischi per la sicurezza innescati dall’invasione russa offre quindi al governo Yoon una maggiore copertura politica e diplomatica per rafforzare la sua posizione di difesa e le sue capacità di deterrenza».

Tuttavia, conclude Yeo, «l’attuazione di una politica estera più attiva e di una solida posizione difensiva, non è priva di rischi. I controlli e le sanzioni sulle esportazioni sudcoreane contro la Russia e i legami più profondi con la NATO comporteranno costi economici e diplomatici per il governo Yoon. La Russia ha messo la Corea del Sud sul suo elenco dei Paesi ‘ostili. Anche gli esperti cinesi hanno avvertito Seoul che la sua inclinazione verso gli Stati Uniti allontanandosi dalla sua posizione più tradizionale di equilibrio tra Pechino e Washington finirà male per la Corea del Sud. I politici di Seoul ricordano fin troppo bene la punizione economica della Cina per essersi allineata troppo strettamente con Washington nel conforto di Pechino.

I passi che rafforzano le capacità di difesa della Corea del Sud e l’alleanza Corea del Sud-Stati Uniti corrono spingono la Corea del Nord sulla strada del rischio, il che potrebbe innescare una corsa agli armamenti e una maggiore militarizzazione e instabilità nel nord-est asiatico.

A livello nazionale, la guerra in Europa sembrerà più distante dai sudcoreani rispetto all’opinione pubblica europea e statunitense, come dimostra la scarsa partecipazione alla conferenza di Zelenskyy all’assemblea nazionale sudcoreana. Pertanto, i sudcoreani potrebbero iniziare a mettere in discussione l’utilità del sostegno del loro governo all’Ucraina se la guerra si dovesse prolungare da mesi a anni.

Tuttavia, sfruttare la crisi ucraina per aiutare a rinominare la politica estera sudcoreana per un ruolo globale più ampio comporta maggiori benefici che rischi. Prendere posizione sull’Ucraina e rafforzare i legami con Paesi che la pensano allo stesso modo, impegnati in regole e norme internazionali e principi democratici (nonostante le imperfezioni di quei Paesi nel sostenere le stesse norme e principi) genererà maggiori benefici reputazionali strategici e globali e consentirà alla Corea del Sud di resistere meglio alla futura coercizione economica a lungo termine».

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->