lunedì, Maggio 16

Ucraina: l’Occidente risponderà se Putin lancia un attacco nucleare? Cosa farà l'Occidente se deve rispondere a un attacco nucleare? I giochi di guerra americani del 2016 e del 2020 danno indicazioni precise

0

Un paio di giorni prima dell’inizio della guerra con l’Ucraina, Vladimir Putin, in compagnia di Alexander Lukashenko, ha guidato le esercitazioni delle forze di deterrenza strategica, che hanno coinvolto personale militare delle Forze Aerospaziali, del Distretto Militare Meridionale, delle Forze Missilistiche Strategiche, le flotte del Mar Nero e del Nord.
Nel suo discorso di annuncio della cosiddetta ‘operazione militare speciale’, Putin ha lanciato alcune minacce piuttosto inequivocabili contro gli Stati Uniti e i loro alleati nel tentativo di impedire il loro coinvolgimento nel conflitto ucraino:
«Chiunque tenti di interferire con noi, e ancor di più di creare minacce per il nostro Paese, per il nostro popolo, dovrebbe sapere che la risposta della Russia sarà immediata e ti porterà a conseguenze tali che non hai mai incontrato nella tua storia»
E pochi giorni dopo l’invasione, che si è rapidamente impantanata nella manovrabile difesa delle forze armate ucraine, il Presidente della Federazione Russa ha dato l’ordine di trasferire le forze di deterrenza in una modalità speciale di servizio di combattimento. È vero, come si è scoperto in seguito, gli atti legali noti al pubblico non prevedono alcun ‘regime speciale’ per il dovere di combattimento delle forze nucleari strategiche.
Secondo
l’intelligence occidentale, in seguito alla dichiarazione di Putin, diversi sottomarini nucleari sono partiti per il Nord Atlantico. Il comando della Marina britannica lo considerava più un segnale che una vera minaccia militare, ma da allora la NATO ha tenuto d’occhio l’arsenale nucleare russo.
Le dichiarazioni aggressive dei partecipanti a programmi televisivi di propaganda sui canali statali russi e le parole francamente provocatorie dei funzionari aggiungono regolarmente benzina sul fuoco.
Il mondo ha già visto attraverso l’esempio dell’Ucraina che la dimostrazione di intenti del Cremlino può facilmente trasformarsi in una vera e propria escalation, e ora esperti e politici si stanno grattando la testa sulla domanda:
cosa farà l’Occidente se deve rispondere a un attacco nucleare? Possibili risposte provengono dai giochi di guerra giocati dagli americani qualche anno fa.

Nel 2016, il National Security Council (NSC), l’organo consultivo chiave del Presidente degli Stati Uniti, ha ospitato un gioco di guerra che simula un attacco russo a uno degli Stati baltici. I dettagli sono illustrati nel libroThe Bomb: Presidents, Generals And The Secret History Of Nuclear War‘ del giornalista Fred Kaplan. Le pagine dedicate a questo si possono trovare qui , e con una breve rivisitazione dell’autore qui .
Secondo lo scenario, le forze della NATO resistono con successo all’invasione, vincendo ‘sul campo’, e quindi il Cremlino colpisce con armi nucleari a basso rendimento (armi nucleari a basso rendimento anche chiamate armi nucleari tattiche, TNW) all’accumulo di manodopera nemica o in una base militare in Germania dove si trovano droni, aerei da combattimento o munizioni.
I rappresentanti del Comitato dei Deputati dell’NSC, che riunisce i deputati dei capi delle principali agenzie di Stato, militari e di intelligence degli Stati Uniti, hanno partecipato al gioco di guerra e all’inizio la discussione è andata in linea con l’inevitabile risposta:
quali tipi di le armi nucleari dovrebbero essere usate e per quali scopi. Ma poi il consigliere per la sicurezza del vicepresidente Joe Biden, Colin Cal, ora sottosegretario alla Difesa per gli affari politici e militari sotto il Presidente Biden, ha trasformato la discussione in una direzione completamente diversa.
La sua logica era la seguente: l’uso delle armi nucleari per la prima volta dal 1945 sarebbe stato un punto di svolta nella storia e una rara opportunità per unire il mondo intero contro la Russia, ‘isolareil Paese e indebolire notevolmente la sua economia e le sue forze militari. Al contrario, un attacco nucleare di rappresaglianormalizzale armi nucleari come strumento di guerra e comunque non consentirà di terminare il conflitto più velocemente o con minori perdite a favore dell’alleanza.
Dopo molte ore di dibattito, membri sia civili che militari del comitato (tra cui il vicepresidente dei capi di stato maggiore congiunti Paul Selva e il comandante in capo delle forze congiunte della NATO in Europa Philip Breedlove) hanno convenuto che almeno il primo passo in risposta sarebbero forze e mezzi convenzionali, e non un attacco nucleare.
Un mese dopo, lo stesso scenario di gioco di guerra si è svolto nel Comitato dei Presidenti dell’NSC. Come la prima volta,
la proposta dei generali di passare alla scelta dei bersagli per un attacco di rappresaglia è stata contestata con gli stessi argomenti: misure non militari (sanzioni, rottura dei rapporti, blocco commerciale) infliggerebbero al nemico danni sproporzionatamente maggiori.
Il Segretario alla Difesa Ashton Carter ha affermato che
con un tale sviluppo degli eventi, l’intera architettura di sicurezza globale costruita sulle alleanze militari guidate dagli Stati Uniti, in primo luogo l’Alleanza del Nord Atlantico,crollerebbe, poiché la fiducia dei partner nelle garanzie americane è stato costruita sul postulato incondizionato della capacità e determinazione di Washington di infliggere attacchi di rappresaglia in caso di uso di armi nucleari da parte di regimi ostili. Il vicesegretario di Stato e ora segretario di Stato Anthony Blinken ha rifiutato di schierarsi.

Comunque sia, i membri del comitato sono passati alla domanda: se usano armi nucleari, allora dove colpirli? La proposta di colpire la regione di Kaliningrad non ha trovato sostegno, poiché questo è il territorio della Russia, il che significa che in risposta a un attacco americano, Mosca potrebbe attaccare il territorio degli Stati Uniti.Anche l’opzione di attaccare le forze armate russe nel Paese baltico attaccato è stata rifiutataa causa della minaccia di eccessive vittime collaterali tra la popolazione civile dello Stato membro della NATO.

La maggior parte dei partecipanti alla fine ha sostenuto un compromesso: un attacco nucleare contro il più stretto alleato della Russia, la Bielorussia, anche se secondo lo scenario del gioco di guerra, il Paese non ha preso parte all’invasione russa (a differenza, tra l’altro, di quello che stiamo vedendo durante l’attuale campagna militare in Ucraina).

Pertanto, a un livello superiore all’interno del Consiglio di sicurezza nazionale degli Stati Uniti, un attacco nucleare di ritorsione è stato ritenuto necessario, ma non dal punto di vista dell’opportunità militare, bensì per ragioni politiche, a conferma della fattibilità dell’America come centro di potere globale in un situazione di grave minaccia per l’ordine mondiale esistente.

Nel 2020, sotto il Presidente Donald Trump, il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha condiviso i dettagli di un gioco di guerra che simula un attacco russo con armi nucleari tattiche a una struttura militare americana in Europa.
Il comando strategico degli Stati Uniti, che combina deterrenza nucleare, difesa missilistica e forze spaziali, in consultazione con il Segretario alla Difesa e il Presidente, ha infine
deciso una risposta nucleare limitata. Poiché solo una settimana prima, il Pentagono aveva riferito del dispiegamento di armi nucleari a basso rendimento W76-2 per i missili balistici lanciati da sottomarini Trident (SLBM), gli esperti hanno concluso che era il loro uso ad essere in questione.
Sotto l’Amministrazione Trump, armi nucleari tattiche come la testata W76-2 erano considerate l’opzione più appropriata per rispondere all’aggressione nucleare russa non strategica. Tra le opzioni di non rispondere affatto e di attivare immediatamente il deterrente nucleare, gli SLBM nucleari tattici sembrano davvero una soluzione adeguata e moderata.

Tuttavia, c’è una sfumatura. Come osserva lo stesso Fred Kaplan, sugli SLBM sparati dai sottomarini americani non sarà scritto che trasportano una carica nucleare a basso rendimento, quindi Mosca può facilmente interpretare il lancio come la prima ondata di un attacco missilistico strategico e, in risposta, colpire gli Stati Uniti Stati con missili balistici intercontinentali, provocando così una guerra nucleare su vasta scala.

In Occidente, si presume che il Presidente Vladimir Putin ricorrerà alle armi di distruzione di massa (armi chimiche o armi nucleari tattiche) se le truppe russe esauriranno le loro capacità convenzionali prima di essere in grado di ottenere un successo decisivo nel teatro delle operazioni ucraine, soprattutto perché le sanzioni stanno colpendo sempre più l’economia del Paese e crescono i costi della politica interna derivanti dal proseguimento delle ostilità.
In effetti,
oggi le possibilità di una vera guerra nucleare sono probabilmente ai massimi livelli dalla crisi dei missili cubani. Ciò che sta accadendo in Ucraina mostra che Putin prende decisioni estremamente importanti sulla base di idee completamente sbagliate sul reale stato delle cose. E questo certamente aumenta il rischio di escalation nucleare.

Per molto tempo, l’esercito americano non ha potuto contattare il Ministro della Difesa Sergei Shoigu e il capo di stato maggiore Valery Gerasimov. I misteriosi movimenti degli aerei del governo e la scomparsa di Shoigu e Gerasimov dall’arena pubblica sono stati interpretati da alcuni esperti come fasi preparatorie per un attacco nucleare.
D’altra parte, il processo negoziale tra Russia e Ucraina, che si è finalmente trasformato in un piano pratico, nonché dichiarazioni pubbliche su una diminuzione dell’attività militare delle Forze armate RF in almeno due aree operative in Ucraina, testimoniano piuttosto l’attuazione dello scenario di de-escalation.
In ogni caso, due dei tre giochi di guerra ad alto livello del governo statunitense recensiti, che simulano l’uso di armi nucleari da parte di Mosca, implicano una risposta nucleare, e
il peggio è a un tiro di schioppo. Per quanto si può giudicare, finora nessuna delle parti interessate al conflitto in Ucraina è pronta per questo.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->