sabato, Maggio 21

Ucraina: l’Iran potrebbe dover rientrare nell’accordo nucleare con o senza la Russia In risposta alle sanzioni occidentali dopo l'invasione dell'Ucraina, Mosca si è rivolta ai colloqui del JCPOA per cercare sollievo

0

Mentre l’Iran e l’AIEA sono riusciti a risolvere i pochi fattori continui rimasti nei colloqui nucleari in corso e la prospettiva di un nuovo accordo nucleare ha iniziato a sembrare rosea, l’improvvisa richiesta della Russia di esenzioni dalle sanzioni ha smorzato la speranza che un accordo possa essere raggiunto in qualsiasi momento.

Collegando il suo sostegno all’accordo a un diritto garantito a “libera e piena cooperazione commerciale e economica e di investimento e cooperazione tecnico-militare con l’Iran” nonostante le sanzioni recentemente imposte su di esso, i funzionari iraniani si sono affrettati a criticare l’ultimo cambiamento minuto soprattutto dopo che il governo degli Stati Uniti ha rifiutato la richiesta della Russia in quanto irrilevante. Quindi cosa spiega il cambiamento di opinione della Russia e cosa significa per Teheran?

Ci sono una serie di spiegazioni che vanno dagli effetti dell’accordo sui prezzi dell’energia alla prospettiva a più lungo termine dell’allontanamento dell’Iran da Mosca. Per poter evitare un ulteriore deterioramento della sua economia e mantenere i suoi sforzi bellici, l’interesse della Russia risiede esattamente in un aumento dei prezzi del petrolio, e quindi qualsiasi sviluppo che potrebbe abbassare i prezzi, per quanto scarso, deve essere prevenuto. Un rinnovato accordo nucleare con l’Iran farebbe proprio questo. Mentre il petrolio iraniano non sostituirà quello della Russia né ridurrà, nel breve e medio termine, la dipendenza dell’UE dall’energia russa, l’apporto di risorse iraniane e la capacità di Teheran di vendere liberamente il proprio petrolio sul mercato globale ridurranno sicuramente i prezzi .

Altrettanto importante è la paura di Mosca di perdere l’accesso al redditizio mercato iraniano e la prospettiva che Teheran si allontani dalla sua orbita strategica. Date le sue terribili esigenze economiche e militari, Teheran non è nella posizione di essere schizzinosa su chi commercia o da dove si rifornisce. Quindi, e alla luce delle attuali sanzioni a Mosca per la sua invasione dell’Ucraina, è lecito ipotizzare che i funzionari russi siano preoccupati che l’Iran possa essere facilmente dissuaso dal lavorare con entità russe da offerte relativamente generose di cooperazione e investimenti dall’Europa.

A ciò si aggiunge la diffidenza dell’Iran nei confronti della reimposizione delle sanzioni al suo sistema bancario e alle sue società qualora dovessero impegnarsi in interazioni commerciali con le loro controparti russe. Questo, a sua volta, servirà un duro colpo al tentativo di Mosca di ritagliarsi un ruolo commerciale esclusivo in Iran e potrebbe persino smorzare l’entusiasmo iraniano per la firma di un patto strategico a lungo termine.

La guerra in Ucraina, a quanto pare, ha fornito all’Iran un’opportunità geopolitica inaspettata e davvero unica per ridurre la sua eccessiva dipendenza da Mosca e accelerare la sua integrazione nell’economia globale facendo affidamento sul maggiore appetito occidentale per isolare la Russia, frenare la sua influenza e, forse la cosa più importante, riducendo la propria dipendenza da esso. Tali sentimenti sono meglio evidenziati dalla ripresa da parte della Danimarca della costruzione di gasdotti che collegano la Polonia alla Norvegia, dal corteggiamento dell’UE all’Azerbaigian per una maggiore fornitura di gas all’Europa e dall’improvviso impegno degli Stati Uniti con il Venezuela.

Per cogliere questa opportunità, Teheran deve dare la priorità al pragmatismo rispetto all’idealismo e spingere per un accordo con o senza la Russia. Sicuramente, tale impresa non sarà né gratuita né facile. Dato l’accesso diretto di Mosca ai centri chiave del potere, compreso l’ufficio della Guida suprema a Teheran, il suo ruolo fondamentale come operatore in capo degli impianti nucleari iraniani e la sua influenza come attore dominante in Siria, la Russia ha i mezzi e le risorse per non solo evitare processo decisionale pragmatico, ma punisce anche l’Iran per aver perseguito i suoi interessi a dispetto di Mosca.

In gioco c’è anche il sospetto profondamente radicato di Ali Khamenei nei confronti dell’Occidente come partner affidabile. Tuttavia, il punto resta che alle élite iraniane è stata presentata un’opportunità storica casuale, ma unica, di porre gli interessi nazionali al di sopra della politica delle fazioni e dei sentimenti ideologici. Resta da vedere se lo prenderanno o meno e rinunceranno a essere “una causa”.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->