martedì, Maggio 17

Ucraina: l’esercito che stupisce I fattori decisivi che hanno trasformato l'esercito ucraino decrepito del 2014 in un esercito che sta tenendo testa a quello russo

0

«Nel 2014, l’esercito ucraino è stato definito ‘decrepito‘ da un analista della sicurezza nazionale e la sua marina ritenuta essere in ‘uno stato pietoso‘. Il generale ucraino Victor Muzhenko, un ex comandante in capo delle forze armate ucraine, è arrivato al punto di dire che l’esercito era ‘un esercito letteralmente in rovina‘. Eppure otto anni dopo, dopo l’invasione russa del 24 febbraio 2022, la prestazione dell’esercito ucraino è stata sorprendentemente forte contro l’esercito russo più grande e meglio equipaggiato», eppure al centro dell’attenzione internazionale per la suapessima performance in queste prima settimane di guerra. «La dura resistenza degli ucraini è il risultato di quattro fattori significativi», afferma il colonnello in pensione Liam Collins, direttore esecutivo del Madison Policy Forum, membro anziano di New America e membro permanente del Council on Foreign Relations. Collins ha prestato servizio nell’esercito degli Stati Uniti per 27 anni. In qualità di ufficiale di carriera delle forze speciali, ha condotto molteplici schieramenti operativi e di combattimento in Afghanistan, Iraq, Bosnia, Sud America e Corno d’Africa.

I primi due fattori, spiega Collins «sono stati lo sforzo impegnato del governo ucraino nel 2016 per riformare le sue forze armate, insieme amilioni di dollari di aiuti occidentali e equipaggiamento militare. Il terzo fattore sono stati i cambiamenti importanti nel pensiero militare ucraino che ora consente ai giovani leader di prendere decisioni sul campo di battaglia. Fino a poco tempo, quei leader dovevano chiedere il permesso di modificare gli ordini dati dai comandanti, indipendentemente dal fatto che il cambiamento delle condizioni del campo di battaglia avesse reso tali ordini irrilevanti.
L’ultimo fattore significativo, probabilmente il più importante, si è verificato tra il popolo ucraino: è emersa una cultura nazionale del volontariato militare. Di conseguenza, è statacreata un’agenzia governativa per organizzare e addestrare i civili nella difesa contro gli attacchi militari».

Dal 2016 al 2018, il colonnello ha aiutato l’Ucraina a riformare il suo sistema di difesa. «Durante quel periodo, ho anche condotto ricerche sul campo in Georgia per studiare la guerra russo-georgiana del 2008. Sulla base di quella ricerca, le tattiche russe utilizzate per invadere l’Ucraina non sono state sorprendenti. Ciò che è stato sorprendente è la prestazione dell’esercito ucraino».
«Nel
2014 il governo ucraino ha avviato un riesame completo della sua sicurezza nazionale e della sua difesa militare. La revisione ha identificato una serie di problemi che hanno portato direttamente a scarse prestazioni di combattimento.

Le carenze variavano dall’incapacità di combattere gli attacchi informatici alla scarsa fornitura di cure mediche. La corruzione era dilagante, le truppe non venivano pagate e le scorte di base erano sempre scarse. Anche la logistica e il comando complessivi erano inefficienti. Per rimediare a queste carenze, l’allora Presidente Petro Poroshenko, nel 2016 ha deciso riforme radicali in cinque categorie: comando e controllo, pianificazione, operazioni,medicina e logistica e sviluppo professionale della forza.
Era
un piano ambizioso che fissava un obiettivo da completare in soli quattro anni. Uno sforzo erculeo nelle migliori circostanze, gli ucraini dell’epoca stavano combattendo una guerra contro i separatisti russi nel Donbas.
Ciò che ha motivato i funzionari ucraini e ha accelerato le riforme è stato un profondo timore che la Russia potesse lanciare un’invasione.
Sebbene tutte le riforme non siano state ancora attuate,negli ultimi sei anni si sono verificati miglioramenti significativi . Le prove sono state viste in risposta all’invasione russa».
Un processo di riforma che è stato in questi mesi al centro di dibattito, e che secondo alcuni esperti milit
ari non avrebbe ottenuto i risultati programmati.

«Per sostenere le riforme militari ucraine, gli Stati Uniti hanno aumentato il loro aiuto finanziario all’Ucraina poco dopo l’annessione illegale della Crimea da parte della Russia nel 2014 e il loro sostegno ai separatisti nell’est dell’Ucraina», prosegue Liam Collins.

«Nel 2014, l’Amministrazione Obama ha fornito assistenza per 291 milioni di dollari e alla fine del 2021 gli Stati Uniti avevano fornito un totale di 2,7 miliardi di dollari in formazione e attrezzature.
Come parte di questa assistenza, gli Stati Uniti hanno aiutato ad addestrare i soldati ucraini presso la base militare di Yavoriv. La base è diventata rapidamente un centro di addestramento di prim’ordine, dove si stima che cinque battaglioni si siano addestrati ogni anno dal 2015.
Nel
2016, Poroshenko ha chiesto a consulenti di alto livello per la difesa di Stati Uniti, Canada, Regno Unito, Lituania e Germania di consigliare l’Ucraina sulla modernizzazione delle sue forze armate con l’obiettivo di raggiungere gli standard, le regole e le procedure della NATO entro il 2020.
Una di queste regole della NATO era un requisito per il controllo civile delle forze armate; all’epoca, il Ministro della Difesa ucraino era anche un generale in servizio attivo. Un altro importante standard della NATO era garantire che l’Ucraina fosse in grado di integrare il proprio supporto logistico con altre unità NATO una volta dispiegate.

Il supporto occidentale includeva anche varie armi e attrezzature, inclusi Humvee, droni, fucili di precisione, radar che individuano l’origine del fuoco nemico e telescopi termici utilizzati per identificare i bersagli durante il giorno o la notte.
Un elemento di particolare interesse per gli ucraini era l’ottenimento di missili anticarro migliori. Quando la Russia ha inviato carri armati T-90 attraverso il confine per supportare i separatisti nel 2014, le armi esistenti dell’Ucraina non sono state in grado di penetrare l’armatura dei T-90.
Nel
2017, gli Stati Uniti hanno fornito all’Ucraina il primo set di missili anticarro Javelin.

Quando l’invasione è diventata imminente, le nazioni occidentali hanno inviato armi e munizioni aggiuntive in Ucraina, inclusi missili Stinger da Lituania e Lettonia, missili anticarro Javelin dall’Estonia e missili anticarro dal Regno Unito»

Nella situazione attuale, spiegano Margaryta Khvostova, Olga Lymar e Denys Davydenko, membri della Reanimation Package of Reforms Coalition, una coalizione leader di 26 ONG ucraine creata dopo la Rivoluzione della Dignità del 2014,«l’Ucraina ha bisogno di aerei da combattimento, poiché la Russia ha un vantaggio significativo nell’aviazione militare. L’opzione più semplice sarebbe quella di trasferire i caccia Su-27 e MiG-29 dell’era sovietica in Ucraina, decine dei quali sono in servizio in Polonia, Bulgaria e Romania. I Paesi della NATO ne stanno attualmente discutendo ma, sfortunatamente, non hanno ancora fornito aerei all’Ucraina. Ciò sembra essere dovuto al fatto che gli alleati dell’Europa orientale dell’Ucraina non sono disposti a indebolire le proprie forze aeree. Pertanto, gli Stati Uniti possono ora aumentare i dispiegamenti di caccia in Polonia, Bulgaria e Romania per affrontare le loro preoccupazioni e aprire la strada al trasferimento di aerei in Ucraina». «I caccia MiG-29 polacchi possono aiutare a compensare le perdite subite dall’aviazione ucraina a causa degli attacchi missilistici russi alle sue basi. I piloti ucraini hanno dimostrato la loro capacità di proteggere il loro spazio aereo con aerei da combattimento (compresi i MiG-29): il comando dell’aeronautica ucrainariferisce che i suoi caccia hanno abbattuto più di una dozzina di aerei russi durante le prime due settimane di guerra».

Altresì, prosegue il rapporto Reanimation Package of Reforms Coalition, «l’Ucraina ha anche bisogno di più sistemi missilistici antiaerei e sistemi di difesa aerea portatili (MANPADS). I primi aiuterà il Paese a proteggere le infrastrutture militari e civili critiche dai bombardieri russi che volano ad alta quota e dai missili. L’altro, aiuterà a proteggere le truppe e le città ucraine da elicotteri, caccia e bombardieri russi che volano a bassa quota nel tentativo di eludere i sistemi di difesa aerea. Sebbene l’Ucraina stia già ricevendo Stinger MANPADS dai suoi partner occidentali, ne avrà bisogno di più in modo da poterli utilizzare su tutti i fronti. Ma il Paese è ancora in attesa di ricevere sistemi missilistici antiaerei. Probabilmente impiegherebbe troppo tempo l’esercito ucraino per imparare a utilizzare i sistemi antiaerei della NATO e per risolvere i problemi tecnici dell’integrazione nelle sue forze. E la NATO considererebbe troppo rischioso schierare il proprio personale per far funzionare questi sistemi. Di conseguenza, l’alleanza può fornire all’Ucraina sistemi di difesa aerea S-300 dell’era sovietica dalla Slovacchia e dalla Grecia. L’esercito ucraino ha usato molte volte con successo gli S-300 contro aerei e missili russi».

Nel 2014, afferma il colonnello Liam Collins, «la cultura militare ucraina scoraggiava l’assunzione di rischi da parte dei giovani leader, i luogotenenti e i capitani che stavano conducendo i combattimenti sul campo. Incapaci di prendere decisioni, i dirigenti junior dovevano chiedere il permesso prima di poter agire, escludendo così la possibilità di quelle che vengono chiamate ‘iniziative disciplinate‘.
Queste iniziative si verificano quando gli ordini iniziali sul campo di battaglia non sono più rilevanti o si adattano alla situazione mutevole. Data la velocità, la manovrabilità e la letalità della guerra moderna, iniziative disciplinate possono fare la differenza tra successo e fallimento.

Mentre combattevano i separatisti sostenuti dalla Russia e le forze russe nel Donbas nel 2014, gli ucraini hanno imparato rapidamente che i leader di livello inferiore, come i capi di plotone e i comandanti di compagnia, non potevano aspettare l’approvazione di un quartier generale superiore per ogni mossa. La velocità della battaglia era semplicemente troppo veloce.
È emersa una nuova cultura e gli ucraini stanno combattendo ora con una versione più recente dei fini che giustificano i mezzi: i risultati sono più importanti dei processi.

Questo cambiamento culturale, combinato con otto anni di combattimenti nel Donbas, ha creato una generazione di ufficiali pronti al combattimento».

Dal 2014-15, l’Ucraina ha triplicato il suo budget per la difesa mentre portava avanti il tentativo dimodernizzare le sue forze armate.
L’Ucraina per la Difesa ha speso 4,7 miliardi di dollari nel 2021, poco più di un decimo dei 45,8 miliardi di dollari della Russia, secondo il rapporto ‘The Military Balance‘ dell’International Institute for Strategic Studies (IISS).

«Volontari provenienti da tutta l’Ucraina si sono riversati nel Donbas nel 2014 per combattere i separatisti sostenuti dalla Russia. Ce n’erano così tanti che è stato necessario creare interi battaglioni di volontari», racconta il colonnello Collins. «Ma c’era poco tempo per l’allenamento. I volontari furono gettati in unità create rapidamente con uniformi mimetiche non corrispondenti e inviati al fronte con un miscuglio di armi. Eppure questi volontari hanno guadagnato tempo per la mobilitazione dell’Ucraina e hanno contribuito a mantenere la linea per impedire un’ulteriore penetrazione russa più in profondità in Ucraina.
Per rimediare ai problemi nell’organizzazione del volontariato, l’Ucraina ha approvato una legge che è entrata in vigore il 15 gennaio 2022. La legge ha istituito una Forza di difesa territoriale come ramo autonomo all’interno delle forze armate. Alcune di queste posizioni sono per soldati professionisti; altri sono riservisti. La forza includerà 10.000 posizioni di carriera in tempo di pace e organizzerà 120.000 riservisti in 20 brigate.
La Russia ha iniziato la sua invasione prima che questa forza potesse essere completamente stabilita, ma fornisce comunque una struttura organizzativa mentre la guerra continua».
Se
condo il rapporto Reanimation Package of Reforms Coalition queste unità di difesa territoriale «soffrono di una carenza di armi leggere e di una totale mancanza di veicoli blindati. Pertanto, un semplice trasferimento di armi dell’era sovietica dai Paesi della NATO aumenterebbe notevolmente la capacità dell’Ucraina di resistere all’offensiva russa».

Nonostante queste riforme e la resistenza dell’Ucraina fino ad oggi, la macchina da guerra russa sminuisce ancora quella dell’Ucraina, afferma il colonnello Liam Collins. Questo conflittorappresenterà una tappa del processo di riforma delle forze armate ucraine iniziato nel 2016 e rimasto incompleto. E potrebbe essere un contributo fondamentale per creare un nuovo modello di forza armata adatta al nuovo tipo di guerra in corso nel Paese.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->