giovedì, Maggio 19

Ucraina: l’equilibrismo dell’Azerbaigian Il governo azero deve camminare su una linea sottile per non apparire né troppo favorevole a Mosca né a Kiev, date le potenziali conseguenze negative di entrambe le decisioni

0

I Paesi post-sovietici sono stati esaminati per le loro politiche riguardanti l’invasione russa dell’Ucraina. I tre stati baltici (Estonia, Lettonia e Lituania) e la Moldova hanno preso chiare posizioni anti-Mosca, con Chisinau che è arrivata addirittura a fare domanda per l’adesione all’Unione Europea; d’altra parte, la Bielorussia è stata molto chiara nel sostenere l’invasione. Per quanto riguarda i governi del Caucaso e dell’Asia centrale, hanno adottato approcci più cauti. Un buon esempio di situazione è l’Azerbaigian, poiché Baku ha generalmente mantenuto relazioni cordiali e forti con Mosca, mentre allo stesso tempo ha intrapreso passi sottili per assistere l’Ucraina.

Recenti sviluppi

Un riassunto di ciò che il governo azerbaigiano ha fatto dall’inizio della guerra a febbraio aiuta a mettere la situazione nella giusta prospettiva. L’assistenza umanitaria è stata un aspetto critico delle recenti attività di Baku. Ad esempio, il 20 aprile, il ministero della Difesa moldavo ha spiegato che le truppe moldave distribuiranno ai rifugiati ucraini forniture mediche inviate dall’Azerbaigian, tra gli altri donatori. L’aiuto è stato “trasportato con l’aiuto di unità tecniche dall’esercito nazionale al magazzino di San Farm Prim a Chisinau”, ha spiegato il ministero. Il 21 aprile, l’agenzia di stampa Azertac ha riferito che Baku ha inviato un totale di 170 tonnellate di medicinali e forniture per un valore di 3,37 milioni di manat ($ 1,9 milioni di dollari), nonché prodotti alimentari per un valore di 1 milione di manat ($ 588.000) in Ucraina, tramite l’aeroporto di Varsavia. A fine aprile, “l’importo totale degli aiuti umanitari forniti dall’Azerbaigian a causa della crisi in Ucraina è di 27,6 milioni di manat (circa 15 milioni di euro) e pesa 720 tonnellate”.

Un altro importante sviluppo ha a che fare con il petrolio, in particolare SOCAR Energy Ukraine, la filiale della Compagnia petrolifera statale azerbaigiana. Secondo quanto riferito, la società ha fornito 100 tonnellate di carburante per ambulanze e veicoli gestiti dal servizio di emergenza statale ucraino.

Inoltre, il governo azerbaigiano non ha riconosciuto le regioni separatiste di Donetsk e Luhansk. Come spiega Mary Glantz, Senior Fellow del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti presso l’Istituto per la Pace degli Stati Uniti, “l’Azerbaigian ha una relazione storicamente forte con l’Ucraina, che ha espresso sostegno per l’integrità del territorio riconosciuto a livello internazionale dell’Azerbaigian durante il conflitto del Nagorno-Karabakh”.

A livello popolare, anche gli azeri hanno dimostrato il loro disappunto per la guerra. Quando è iniziata la guerra, centinaia di azeri si sono radunati davanti all’ambasciata ucraina a Baku, battendo bandiere ucraine. Proteste contro la guerra contro la Russia si sono svolte anche fuori dall’ambasciata russa a Baku a marzo.

D’altra parte, Baku ha fatto di tutto per evitare di suscitare l’ira della Russia durante questo periodo delicato. Il governo ha continuato a seguire la sua dottrina di politica estera equilibrata e non ha aderito alle sanzioni internazionali contro la Russia. A marzo, in una votazione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite che ha condannato l’invasione russa, l’Azerbaigian non ha votato. Il paese ha intrapreso un’azione simile in relazione a una risoluzione sponsorizzata dagli Stati Uniti ad aprile che chiedeva la sospensione della Russia dal Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite.

Questi eventi si sono verificati non molto tempo dopo che l’Azerbaigian e la Russia hanno firmato una “dichiarazione sull’interazione alleata” il 22 febbraio, due giorni prima che la Russia lanciasse un attacco a tutto campo contro l’Ucraina. Sebbene alcuni osservatori del Caucaso considerassero questo accordo come il carrozzone dell’Azerbaigian con la politica russa dell’Ucraina, gli eventi successivi hanno mostrato che Baku, in tandem con Ankara, ha compiuto passi molto significativi e lodevoli per sostenere Kiev durante il momento del bisogno.

Correzione di un’immagine

Finora, ciò che ha differenziato l’Azerbaigian dagli altri stati del partenariato orientale è che Baku è rimasta abbastanza impegnata nella sua politica estera pragmatica in merito alle relazioni bilaterali con la Russia per una serie di ragioni, la principale è la questione del Karabakh. L’Ucraina e i partner occidentali sembrano comprendere questo aspetto del bilanciamento calcolato dell’Azerbaigian e la logica di questa strategia. Anche le donazioni mediche e le forniture di energia a Kiev (e Chisinau) sono state ben accolte; Il 28 marzo il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy ha tenuto una telefonata con il presidente azero Ilham Aliyev, in cui “ha ringraziato [il suo omologo azerbaigiano]per gli aiuti umanitari forniti all’Ucraina, comprese le forniture mediche”.

L’Azerbaigian si trova in una situazione complicata al giorno d’oggi. Il paese ha avuto una breve guerra con l’Armenia nel 2020 per il Nagorno-Karabakh; mentre Baku vinse sul campo di battaglia, una conseguenza della guerra fu una maggiore presenza russa nella regione, comprese circa duemila forze di pace russe tra i due paesi. L’Azerbaigian probabilmente ha anche visto cosa è successo ai governi regionali che sono rumorosamente anti-Mosca, vale a dire la Georgia nel 2008 e l’Ucraina nel 2014 e 2022.

Le campagne di propaganda contro l’Azerbaigian in Russia sono un’altra preoccupazione; alcuni individui hanno apertamente discusso della possibilità di “un attacco missilistico nucleare tattico” contro Baku. Inoltre, è importante sottolineare che la neutralità del governo azerbaigiano non ha protetto i suoi cittadini dagli abusi in Ucraina. Il servizio di stampa Voice of America ha riportato il caso di almeno un cittadino azero, uno studente della Mariupol State University, che è stato trattenuto e torturato dalle forze russe dal 17 marzo al 12 aprile dopo essere stato rapito. Sebbene il giovane sia stato infine liberato, l’incidente è comunque preoccupante e può essere aggiunto ai sentimenti anti-azerbaigiani in Russia.

Il silenzio strategico e la mancanza di critiche di Baku sono, quindi, un modo per il governo azerbaigiano di non far arrabbiare Mosca, soprattutto perché la Russia potrebbe facilmente iniziare a sostenere l’Armenia nella disputa territoriale tra i due paesi; oppure il Cremlino potrebbe trovare una scusa per qualche operazione in Azerbaigian, seguendo il modello dell’invasione ucraina.

Allo stesso tempo, l’Azerbaigian vuole dimostrare la sua intenzione di rimanere amico dell’Europa. Pertanto, viste le sanzioni contro la Russia, l’idea di un corridoio del Caucaso per trasportare energia dall’Asia centrale all’Europa sudorientale, e da lì al resto della regione, è oggi un argomento ampiamente dibattuto. Caso in questione, l’ambasciata del Kazakistan a Washington DC ha ospitato il 18 aprile una conferenza, organizzata dall’International Tax and Investment Center e dal New Lines Institute; tra i relatori c’era Timur Suleimenov, primo vice capo di stato maggiore del presidente del Kazakistan. Suleimenov ha osservato che il suo governo e Baku stavano discutendo per sviluppare una nuova flotta di navi cisterna per aumentare il volume di energia trasportata attraverso il Mar Caspio, da Aktau in Kazakistan al porto di Baku. Lo stesso Azerbaigian vuole anche aumentare la sua produzione di energia, comprese le energie rinnovabili, per diventare un maggiore fornitore per l’Europa. Come ha affermato Nikola Mikovic in un commento per The Interpreter, “Baku potrebbe potenzialmente trarre vantaggio dai guai [che significa la guerra], in particolare in relazione alle sue esportazioni di gas in Europa”.

Allo stesso modo, Baku ha cercato di dimostrare a Washington che apprezza le relazioni bilaterali. Dall’inizio della guerra, il segretario degli Stati Uniti Antony Blinken e il presidente Ilham Aliyev hanno tenuto diverse telefonate. Inoltre, tramite il programma di partenariato statale, la guardia nazionale dell’Oklahoma e le truppe azere hanno tenuto esercitazioni militari dal 28 marzo al 1 aprile. Le esercitazioni includevano lo scambio di conoscenze mediche tra l’Esercito dell’Oklahoma e la Guardia Nazionale Aerea e i medici assegnati al Battaglione Concettuale di Capacità Operative dell’Azerbaigian.

Conclusioni

Il governo dell’Azerbaigian deve camminare su una linea sottile per non apparire né troppo favorevole a Mosca né a Kiev, date le potenziali conseguenze negative di entrambe le decisioni. La disputa territoriale con l’Armenia, l’eredità del conflitto del 2020 e il dispiegamento di forze di pace russe al confine tra i due paesi sono tutti fattori che Baku deve tenere a mente mentre l’invasione russa dell’Ucraina continua.

Dall’altro lato, Baku mira a dimostrare di poter essere un partner affidabile sia per l’Europa che per gli Stati Uniti, sia nell’ambito di un corridoio energetico e merci tra l’Europa sudorientale e l’Asia centrale, sia in altre aree. La donazione di aiuti umanitari, come medicinali e persino petrolio per le ambulanze, per l’Ucraina e la Moldova (per aiutare i rifugiati ucraini), sebbene non così significativa come i trasferimenti di armi, sono tutti sviluppi importanti che non dovrebbero essere trascurati da Bruxelles, Londra e Washington.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->