Ucraina in guerra, Putin più popolare in Russia? Le sanzioni potrebbero danneggiare in modo schiacciante i portafogli dei russi ed erodere ulteriormente il sostegno di Putin. L’analisi di Arik Burakovsky, Tufts University

Il 21 febbraio 2022 il presidente russo Vladimir Putin ha ordinato alle truppe di entrare nell’Ucraina orientale. L’invasione potrebbe portare al più grande conflitto armato in Europa dalla seconda guerra mondiale, avvertono i leader occidentali.

Ma tra le crescenti tensioni, i sondaggi dell’opinione pubblica in Russia mostrano che il sostegno a Putin è in aumento.

La manifestazione attorno all’effetto bandiera del sostegno alla leadership politica durante una crisi internazionale sarà probabilmente di breve durata.

I dati storici mostrano che le guerre di diversione – che si combattono all’estero per distogliere l’attenzione dai problemi interni – hanno raramente funzionato per Putin.

Avventure militari audaci e costose, nel tempo, diminuiranno la popolarità del Cremlino, ci dice anche la storia.

Un cambiamento nell’approvazione pubblica di Putin

Il potenziamento militare della Russia lungo il confine ucraino negli ultimi mesi coincide con un costante aumento della popolarità di Putin.

Circa il 69% dei russi ora approva Putin, rispetto al 61% che lo ha approvato nell’agosto 2021, secondo l’agenzia elettorale russa Levada Center. E il 29% dei russi disapprova Putin, in calo rispetto al 37% nell’agosto 2021. Il gruppo elettorale è la principale organizzazione di ricerca sociologica indipendente in Russia ed è ampiamente rispettato da molti studiosi, me compreso.

Nello stesso periodo anche il sostegno al primo ministro russo Mikhail Mishustin e al suo gabinetto è aumentato moderatamente.

L’opinione pubblica russa crede in gran parte che il Cremlino stia difendendo la Russia opponendosi all’Occidente.

Putin ha goduto di indici di approvazione relativamente alti da quando è diventato presidente per la prima volta nel maggio 2000. La sua popolarità è stata in media del 79% nei suoi primi 20 anni in carica. Alcuni scienziati politici attribuiscono questa tendenza al “carisma personale e all’immagine pubblica di Putin” e alla preferenza dei russi per un “sovrano forte”.

Altri esperti sostengono che le valutazioni di approvazione di Putin sono in realtà legate all’indifferenza e alla fiducia simbolica dei russi nei leader politici.

Normalizzare la guerra attraverso la disinformazione

Putin il 22 febbraio ha ricevuto il permesso dei legislatori russi di inviare forze armate all’estero. Lo stesso giorno, Putin ha ratificato i trattati con le due regioni separatiste dell’Ucraina orientale – la cosiddetta Repubblica popolare di Luhansk e la Repubblica popolare di Donetsk – che hanno una leadership politica sostenuta dalla Russia.

Più di 13.000 persone sono morte combattendo nella regione del Donbas, come è noto, dal 2014, quando i lealisti russi hanno preso il potere nelle città ucraine di Donetsk e Luhansk.

“Ogni indicazione è che la Russia sta continuando a pianificare un attacco su vasta scala dell’Ucraina”, ha dichiarato il 22 febbraio il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg.

Ma poche persone a Mosca hanno sentito i tamburi della guerra fino a metà febbraio.

I media statali russi hanno continuamente negato che il Cremlino si stesse preparando per la guerra con l’Ucraina.

I talk show russi hanno regolarmente deriso le previsioni occidentali di un’imminente invasione in Ucraina definendole “isteria” e “assurdità”.

I notiziari russi hanno iniziato a far circolare bugie sulla situazione della sicurezza in Ucraina intorno al 21 febbraio. I conduttori della televisione di stato Channel One, ad esempio, hanno affermato che l’Ucraina sta costringendo i propri cittadini nel Donbas a fuggire.

In realtà, le autorità separatiste di Luhansk e Donetsk avevano annunciato i propri piani per evacuare i residenti delle due regioni separatiste in Russia. Gli Stati Uniti hanno affermato che il falso avvertimento sull’attacco dell’Ucraina alle regioni separatiste potrebbe aiutare Putin a giustificare pubblicamente l’invasione.

La cascata di notizie false ha lo scopo di normalizzare gli scontri tra Russia e Ucraina.

Il discorso televisivo di Putin del 21 febbraio ha affrontato i pericoli del nazionalismo ucraino. Ha anche sottolineato la storia condivisa di russi e ucraini. Questo discorso presidenziale potrebbe servire a galvanizzare l’opinione pubblica russa a sostenere le aspirazioni militari di Putin.

La maggior parte dei russi non vuole la guerra

Circa il 38% dei russi non considerava la guerra con l’Ucraina una possibilità reale a dicembre 2021, secondo i sondaggi del Levada Center. Un altro 15% ha completamente escluso la possibilità di un conflitto armato.

Circa l’83% dei russi riferisce opinioni positive sugli ucraini. E il 51% dei russi afferma che Russia e Ucraina dovrebbero essere paesi indipendenti, ma amichevoli.

La narrativa popolare è che la Russia sia una fortezza assediata, che si difende costantemente dagli attacchi occidentali.

La metà dei russi incolpa dell’attuale crisi gli Stati Uniti e la NATO, mentre il 16% pensa che l’aggressore sia l’Ucraina. Solo il 4% crede che la Russia sia responsabile.

La guerra è in definitiva impopolare

Il tasso di approvazione di Putin ha raggiunto il massimo storico dell’89% in meno di un anno dopo che la Russia ha annesso con la forza la Crimea, una penisola ucraina, nel 2014.

La conquista in gran parte incruenta ha provocato “euforia collettiva” tra i russi, che hanno spesso trascorso le vacanze lungo la pittoresca costa della Crimea.

Ma le altre recenti azioni militari della Russia, inclusa l’invasione della Georgia nel 2008 e il suo intervento nella guerra civile siriana nel 2015, non sono state accolte con lo stesso entusiasmo.

Il sostegno pubblico è diminuito in seguito a entrambi questi interventi militari.

Ora, i russi non hanno espresso lo stesso legame personale con il Donbas che provavano per la Crimea.

I sondaggi condotti dall’annessione della Crimea nel 2014 mostrano costantemente che la maggior parte dei russi sostiene l’indipendenza delle due repubbliche autodichiarate del Donbas. Ma non li vedono entrare a far parte della Federazione Russa.

Credo che il conflitto in corso in Ucraina potrebbe portare a innumerevoli sacchi per cadaveri di soldati russi che tornano a Mosca.

Il conseguente intervento militare della Russia in Ucraina potrebbe rivelarsi costoso per Putin a livello nazionale, minando la sua legittimità e costringendolo a spendere più risorse per reprimere il dissenso interno.

Ciò arriva quando il 22 febbraio il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha annunciato sanzioni “rapide e severe” che potrebbero danneggiare la Russia. L’economia russa deve già affrontare un’inflazione elevata e una bassa crescita prevista.

Le sanzioni statunitensi ed europee potrebbero comportare una successiva ricaduta economica che danneggerà in modo schiacciante i portafogli dei russi e eroderà ulteriormente il sostegno di Putin.