giovedì, Maggio 19

Ucraina: il gas USA può neutralizzare la minaccia energetica russa sull’Europa? L’analisi di Amy Myers Jaffe, Tufts University

0

La prospettiva di un conflitto tra Russia e Paesi della NATO sull’Ucraina ha sollevato i timori di una crisi energetica in Europa. La Russia fornisce quasi la metà del gas naturale europeo e alcuni leader temono che Mosca possa restringere il flusso in caso di ostilità. Per indebolire la leva russa, l’amministrazione Biden sta lavorando per garantire ulteriori spedizioni di gas in Europa da altre fonti. L’esperta di politica energetica globale Amy Myers Jaffe spiega quanto gas è disponibile e cosa è coinvolto nel reindirizzarlo.

Quanto dipende l’Europa dal gas naturale e quali sono i suoi principali fornitori?

Il gas naturale rappresenta circa un quinto di tutta l’energia primaria utilizzata in Europa. Rappresenta circa il 20% della produzione di energia elettrica e viene utilizzato anche per il riscaldamento e i processi industriali.

La Russia è il più grande fornitore di gas naturale in Europa, inviando circa il 40% delle forniture del continente spedite tramite gasdotto. I prossimi maggiori fornitori tramite pipeline sono la Norvegia (22%), l’Algeria (18%) e l’Azerbaigian 9%. L’Europa riceve anche gas naturale che viene liquefatto e consegnato via nave.

Negli ultimi mesi, le importazioni europee di gas naturale liquefatto, o GNL, dagli Stati Uniti e altrove hanno raggiunto livelli record di circa 400 milioni di metri cubi al giorno. Per metterlo in prospettiva, una singola nave mercantile GNL può contenere circa 125.000-175.000 metri cubi di gas naturale, energia sufficiente per riscaldare 17 milioni di case britanniche per un giorno d’inverno.

Quali sono i maggiori vincoli per gli esportatori all’invio di più gas in Europa?

Il GNL viene prodotto raffreddando il gas naturale a meno 260 gradi Fahrenheit (meno 162 gradi Celsius), il che riduce il suo volume di un fattore superiore a 600. Il gas naturale viene convogliato a un porto, trattato in un impianto di liquefazione e quindi caricato in un isolamento specializzato , autocisterne a temperatura controllata per spedizioni via mare.

Per ricevere GNL, un porto di scarico deve disporre di un impianto di rigassificazione che riconverti il ​​GNL in forma gassosa in modo che possa essere inviato tramite gasdotto agli utenti finali. Sia gli impianti di liquefazione che gli impianti di rigassificazione costano miliardi di dollari e richiedono diversi anni per essere costruiti.

A seguito di una crisi simile nel 2009, quando un conflitto finanziario con l’Ucraina ha spinto la Russia a sospendere le spedizioni di gas per 20 giorni, l’Europa ha ampliato sostanzialmente il numero di impianti di rigassificazione a 29. Attualmente c’è ancora spazio nei terminali di ricezione della rigassificazione europei per importare più GNL e un sacco di spazio di archiviazione per contenere forniture importate praticamente a tempo indeterminato. Ma molti dei principali fornitori mondiali sono al limite, con poca capacità di produrre e liquefare più gas naturale di quanto non stiano già muovendo.

Il mercato globale del GNL ha una certa flessibilità. Circa due terzi di tutto il GNL viene venduto con contratti fissi a lungo termine con destinazioni fisse. Alcuni importanti titolari di contratti come la Corea del Sud, il Giappone e la Cina ei loro fornitori sono disposti a reindirizzare i carichi verso l’Europa se un ulteriore taglio delle esportazioni russe crea un peggioramento della crisi dell’approvvigionamento.

I fornitori hanno già reindirizzato le spedizioni in questo modo?

L’esempio principale si è verificato nel 2011, quando uno tsunami ha innescato una fusione e il rilascio di radiazioni nella centrale nucleare giapponese di Fukushima Daiichi. Il Giappone ha chiuso tutte le sue centrali nucleari per valutare se fossero preparate a disastri simili. I fornitori di GNL hanno dirottato le spedizioni di gas in Giappone per aiutarlo a superare la crisi immediata.

Oggi, gli analisti affermano che i produttori o gli importatori di GNL potrebbero essere in grado di reindirizzare i carichi che potrebbero compensare circa il 10%-15% di qualsiasi carenza. Tuttavia, tali cambiamenti sarebbero probabilmente a prezzi premium, lasciando ai consumatori europei un conto ancora più alto di quello che devono affrontare ora.

L’aumento delle spedizioni di GNL dagli Stati Uniti in Europa farà aumentare i prezzi per i consumatori statunitensi?

Gli impianti di esportazione di GNL degli Stati Uniti esistenti funzionano a pieno regime da diversi mesi. Circa la metà delle spedizioni di GNL negli Stati Uniti nel dicembre 2021 erano destinate all’Europa, spinte dall’aumento dei prezzi nei mercati europei. In precedenza, una quota maggiore delle esportazioni di GNL degli Stati Uniti era diretta in Cina, dove i vincoli legati alla siccità sull’energia idroelettrica avevano creato un aumento della domanda di gas naturale.

In altre parole, i venditori statunitensi sono stati in grado di fornire più gas all’Europa deviando i carichi di esportazione, piuttosto che vendendo gas che altrimenti sarebbe stato utilizzato a livello nazionale. A mio avviso, se i prezzi del gas naturale negli Stati Uniti aumenteranno nelle prossime settimane, è probabile che il clima invernale sia un fattore trainante maggiore delle esportazioni di GNL.

La Russia non danneggerebbe la propria economia tagliando le esportazioni di gas verso l’Europa e perdendo quei ricavi?

Negli ultimi anni, la Russia ha strutturato il suo bilancio federale in modo da poter mettere da parte 630 miliardi di dollari in riserve valutarie: contanti detenuti dalla banca centrale in altre valute per uso discrezionale, proprio come i conti di risparmio individuali. I leader russi possono utilizzare questi fondi per resistere a nuove sanzioni o cambiamenti inaspettati nel prezzo del petrolio.

Ad esempio, l’anno scorso, il Cremlino ha basato la sua spesa su una stima del prezzo del petrolio di pareggio prudentemente bassa di $ 45 al barile, concedendosi una certa latitudine. In definitiva, i prezzi del petrolio nel 2021 hanno raggiunto una media di $ 71 al barile, fornendo una notevole manna di bilancio.

Attraverso questa strategia fiscale, il presidente russo Vladimir Putin ha accumulato uno scrigno di guerra per resistere a qualsiasi nuovo round di sanzioni, o anche alla perdita completa dei proventi delle esportazioni di gas naturale dall’Europa per un periodo di tempo.

Tuttavia, qualsiasi mossa russa per tagliare le esportazioni di gas in Europa potrebbe avere conseguenze a lungo termine. Putin potrebbe aver sperato che il suo blaterare sul gas naturale, e i prezzi elevati che ha innescato, avrebbero convinto gli europei che il gas russo è vitale e non può essere facilmente sostituito con l’energia rinnovabile. Ma ironia della sorte, questa tattica potrebbe già aver creato un disgusto duraturo che accelera il perno dell’Europa verso l’eolico offshore, gli hub dell’idrogeno euro-nordafricani e il GNL statunitense.

Gazprom, l’azienda russa con la più grande impronta di esportazione di gas in Europa, potrebbe anche trovarsi alla deriva in un mare di cause legali e sanzioni elevate per aver infranto i suoi impegni contrattuali sulla scia di un taglio. Ciò a sua volta potrebbe influenzare il popolo russo, che fa affidamento anche sulla solvibilità di Gazprom per il combustibile invernale per il riscaldamento.

Putin potrebbe essere disposto a scommettere che una crisi dei prezzi dell’energia in Europa seminerà malcontento popolare, interromperà la transizione energetica e aiuterà la Russia a ottenere concessioni sul posizionamento di truppe e missili da parte della NATO. Ma ci sono poche prove che l’Europa reagirà in questo modo. Sebbene il passaggio dell’Europa alle energie rinnovabili richiederà tempo, a lungo termine sarà comunque una cattiva notizia per la Russia, che ha 1.688 trilioni di piedi cubi di riserve di gas naturale da sfruttare per ben 100 anni di fornitura.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->