sabato, Maggio 21

Ucraina, il flop ‘ibrido’ della Russia? “I russi si stanno rendendo conto delle così tante difficoltà della guerra armata convenzionale che non sono ancora riusciti a integrare le componenti informatiche. Ma, essendo molto capaci, sembra che si stiano trattenendo, sia per scelta che per necessità”. Intervista a Justin Pelletier (Rochester Institute of Technology)

0

In Ucraina, come è ovvio nel XXI secolo, l’invasione russia non è solo una guerra convenzionale, combattuta con missili, aerei, carri armati, ma anche una guerra irregolare, informatica, elettronica e, ovviamente, di informazione/disinformazione, molta della quale passa attraverso i social media e, più in generale, internet. Per questo, i servizi di intelligence raccolgono grandi quantità di dati dall’intelligence open source (OSINT) – informazioni raccolte da notizie, social media e altre fonti pubblicamente disponibili – nonché da fonti segrete. Per analizzare tutte le informazioni, utilizzano con sempre maggior frequenza l‘intelligenza artificiale, di cui la Russia non è novizia.

La guerra di informazione è guerra di propaganda per esaltare le giuste cause e i successi della propria parte tentando, al contempo,  di fiaccare il morale dell’avversario mediante materiale multimediale falso o notizie false, riprese da testate e/o postate sui social media.

Un altro piano riguarda la guerra informatica comporta l’infiltrazione e l’interruzione dei sistemi informatici del nemico. Funzionali a Rieti obiettivi gl iattacchuDenial of Service per bloccare l’accesso ai siti Web, l’irruzione nei sistemi informatici per rubare o distruggere dati e assumere il controllo dei sistemi informatici per interrompere infrastrutture critiche come le reti elettriche.

C’è poi la la guerra elettronica descrive gli sforzi per interrompere o indirizzare in modo errato i sistemi elettronici del nemico come i radar e le reti di comunicazione. Può includere il blocco dei segnali radio, la distruzione a distanza dei circuiti dei computer e lo spoofing dei segnali GPS per interrompere la navigazione. La Russia ha una lunga storia nel controllo dello spettro elettromagnetico. A causa delle avanzate capacità di guerra elettronica della Russia , la sua forza potrebbe essere in grado di abbattere Internet e i ripetitori cellulari utilizzando una serie di tecniche.

Come valutare, dunque, l’offensiva russa in questi quattro campi, a quattordici giorni dall’inizio delle ostilità? Lo abbiamo chiesto a Justin Pelletier, Professore di Pratica della Sicurezza Informatica alla Rochester Institute of Technology (RIT) del cui Global Cybersecurity Institute è Direttore del Cyber Range and Training Center.

 

Professor Pelletier, l’Intelligenza artificiale sta aiutando l’intelligence russa? In che modo?

Non è chiaro quanto della loro intelligenza open source utilizzi l’IA, ma esistono strumenti robusti per estrarre volumi di dati disponibili su Internet aperto. Queste capacità fanno quasi certamente parte del set di strumenti russo ed è ragionevole presumere che il Cremlino abbia utilizzato vari strumenti di Machine Learning per dare un senso alle informazioni aperte e segrete per informare la Russia dello spazio di battaglia in Ucraina e probabilmente nelle ex Repubbliche sovietiche. Detto questo, mi piace particolarmente la citazione di Craig Nazareth dell’Università dell’Arizona: “Nessuno sarà in grado di utilizzare la combinazione di OSINT e apprendimento automatico per leggere la mente del presidente russo Vladimir Putin, ma gli strumenti potrebbero aiutare gli analisti a valutare come, per esempio, potrebbe svolgersi un’invasione russa dell’Ucraina”.

Lei sostiene che “la guerra dell’informazione è la battaglia condotta nei media e sui social media per rafforzare il sostegno popolare; persuadere e indurre la simpatia di potenziali alleati”. Sulla Tv di stato russa non si parla di ‘guerra’. Che effetto sta avendo la campagna di disinformazione sul popolo russo? E sugli alleati della Russia?

L’avventura militare russa in Ucraina ha dimostrato una mancanza di capacità di coordinare le risorse aeree, terrestri e marittime. Questo è fondamentale per gli eserciti moderni e la capacità combinata delle armi è stata determinante nel definire i risultati della seconda guerra mondiale e essenzialmente di ogni altra guerra da allora. Sebbene i russi abbiano recentemente dimostrato un certo successo in Siria, finora i loro coordinamenti tattici e operativi in ​​Ucraina sono apparsi troppo deboli per sopraffare la resistenza ucraina motivata e ben organizzata. Inoltre, i pretesti per la disinformazione russa — che il leader ebreo dell’Ucraina è lui stesso un nazista — non sembrano convincenti. Infine, i notevoli miglioramenti militari ucraini dal 2014 e i messaggi sull’eroismo delle persone comuni che si difendono potrebbero aver motivato alcuni Unità russe alla resa. Sembra che, nonostante tutta la presunta abilità della Russia, non siano ancora riusciti a orchestrare un risultato decisivo. Detto questo, non dovremmo sottovalutare l’esercito russo, non importa quanto scarsamente dotato o coordinato.

Lei ha affermato che la guerra dell’informazione “contemporaneamente diffondeva confusione, incertezza e sfiducia nella popolazione nemica. La Russia ha utilizzato ed è probabile che continui a utilizzare le operazioni informatiche per sovvertire il governo ucraino”. Ci riuscirà? Al momento, i cittadini ucraini sembrano resistere anche alla campagna di disinformazione russa. Cosa li aiuta a resistere? L’uso di social media e tv da parte del Presidente ucraino, Volodimyr Zelensky? 

Penso che dovremmo ricordare che la leadership ha un effetto sul morale e sull’organizzazione di un’organizzazione. Tra tutti i grandi momenti storici della leadership in tempo di guerra, pochi, se non nessuno, sono più motivanti del presidente ucraino Zelensky. Personalmente penso che abbia ispirato la sua gente a scavare in profondità e dimostrare la propria grinta quando ha detto “Ho bisogno di munizioni, non di un passaggio” in risposta all’offerta di evacuazione degli Stati Uniti. I suoi messaggi e l’effusione sui social media dei cittadini ucraini stanno creando un messaggio di eroica resistenza alla tirannia. Questo probabilmente risuona in tutto l’Occidente e ispira molti a ignorare i tentativi russi di razionalizzare l’aggressione ingiustificata. Questa, credo, sia la fonte della loro resistenza ideologica. È una lezione per tutti noi che l’oscurità oppressiva della disinformazione orchestrata dallo Stato non può sopraffar le persone comuni elevando la luce della verità.

Come commenta la decisione russa di oscurare in Russia internet, censurare i social e tanti giornali/tv? Un segno di debolezza?

La censura è un elemento importante dei tentativi russi di dominare l’informazione. Nella loro mente, potrebbero vederlo come un segno di forza per controllare la narrazione in un modo attivo. Per me e forse altri in Occidente, la dilagante censura del governo sembra indebolire la fiducia generale che abbiamo nel governo. La verità alla fine viene sempre fuori.

Come valuta l’offensiva informatica della Russia? A molto è sembrata una guerra informatica limitata, tu che ne pensi? C’è qualcosa che non sta funzionando?

Penso che stiano riscontrando più complessità operative di quanto previsto, ma non posso essere sicuro del problema esatto. Immagino che si stiano rendendo conto di così tante difficoltà con la guerra armata combinata convenzionale che non sono ancora riusciti a integrare le componenti informatici. Detto questo, sono molto capaci, quindi sembra che si stiano trattenendo, sia per scelta che per necessità.

L’Ucraina è praticamente disarmata dal punto di vista informatico rispetto alla Russia? Ha un suo arsenale elettronico? E che ruolo sta avendo Anonymous?

Non credo che l’Ucraina sia disarmata. Internet sembra essere per lo più attivo e le reti di telefoni cellulari funzionano in gran parte. I partigiani informatici si stanno mobilitando per la causa da tutto il mondo. Sebbene molti degli sforzi di Anonymous possano essere attacchi molesti che non sono minacce esistenziali alla proiezione del potere informatico russo, penso che rappresentino qualcosa di più: il mondo è in questa lotta. Il coinvolgimento di attori relativamente indipendenti e canaglia potrebbe indurre il Cremlino a pensarci due volte prima di scatenare i propri attacchi debilitanti alle infrastrutture critiche, per paura di vederli rivoltarsi contro la Russia. Inoltre, l’Ucraina ha lavorato per aumentare la resilienza della sua infrastruttura di comando e controllo per renderla meno dipendente da qualsiasi attrezzatura elettronica specifica e più resistente agli attacchi russi. Anche così, l’infrastruttura delle telecomunicazioni ucraine è stata degradata, ma mai completamente dominata, nemmeno durante l’invasione del 2014. Infine, l’Ucraina ha messo in campo alcune apparecchiature elettroniche che consentono loro di contestare le apparecchiature di guerra elettronica russe nella regione del Donbass, ad esempio il Bukovel-AD di Proximus e Nota di Tritel. Penso che l’Ucraina sia ancora molto armata dal punto di vista informatico.

Ci può spiegare l’arsenale elettronico militare russo? Cosa sono i Krasukha-2, i  Su-24MR, i Tirada: la Russia li sta utilizzando, insieme ai satelliti? 

Belle domande. Detto questo, non posso commentare l’impiego attivo di attrezzature specifiche o la logica della tempistica tattica/operativa.

Lei ha osservato “il ruolo dell’intelligence è quello di ottenere informazioni sull’attività del nemico. Il ruolo del controspionaggio è quello di accecare il nemico o distorcere il suo punto di vista”. Lo spionaggio e il controspionaggio russi stanno venendo penalizzati dal punto di vista elettronico e informatico? E come valuta, complessivamente, la capacità russa di padroneggiare lo strumento elettronico per condurre la sua guerra ‘ibrida’ contro l’Ucraina?

Non sono sicuro del successo dello spionaggio e del controspionaggio russi a questo punto. Penso che stiamo vedendo i russi elaborare l’integrazione tecnologica in tempo reale e la padronanza non sarà chiara fino a quando l’invasione non sarà finita. Penso che i russi abbiano ancora degli ostacoli per perfezionare quei processi e, naturalmente, anche gli ucraini hanno un apparato di intelligence e controspionaggio capace. Travolgere un avversario adattivo è la gara letale che decide la guerra.

L’Ucraina, complessivamente, quanto potrà resistere dal punto di vista elettronico, informatico e della disinformazione?

Questa è una delle domande nella mente di tutti. Ho visto alcuni rapporti secondo cui la Russia ha pianificato di completare l’invasione dell’Ucraina in 15 giorni dal lancio. Le cose potrebbero andare secondo quella sequenza temporale sugli spazi elettronici e informatici, ma non credo che la Russia sarà in grado di vincere la campagna d’informazione in tempi brevi, dato quello che abbiamo visto finora.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

emanuele.cuda@lindro.it

End Comment -->