giovedì, Maggio 19

Ucraina: il Davide della resistenza può ferire Putin Intervista a Brian S. Petit, Colonnello in pensione dell'esercito degli Stati Uniti esperto in costruzione delle resistenze. “L'Ucraina sta incanalando l'energia della resistenza per creare al meglio l'attrito che rallenterà l'invasione o la farà finire”

0

Vladimir Putin nell’aggredire l’Ucraina ha avuto molte ragioni per essere fiducioso. «Ha trascorso decenni a modernizzare le forze armate russe, ridisegnandole e riconfigurandole per questo tipo di campagna, quindi testando e temprando sistemi, uomini e attrezzature in combattimento in Siria. Inoltre, deve affrontare in Ucraina un Paese le cui capacità militari sono, sia molto più deboli delle sue, sia basate in gran parte su equipaggiamenti russi familiari e facilmente contrastabili. Ha anche, e soprattutto, ricevuto una chiara indicazione dalle Nazioni occidentali che non si schiereranno militarmente all’interno dell’Ucraina», afferma John Rain, consulente senior in geopolitical due diligence dell’International Institute for Strategic Studies (IISS). E però: «Il rischio più grande di Putin è di aver calcolato male la capacità dell’Ucraina di infliggere danni materiali alle sue forze armate attraverso la resistenza». «Se la resistenza ucraina avrà successo», quella in Ucraina potrebbe essere la sua ultima mossa «da dittatore canaglia».
La resistenza della quale Rain parla è quella delle Territorial Defense Forces (TDF), le Forze Armate Territoriali. La resistenza dei civili, la resistenza partigiana che da giovedì è al centro dell’attenzione nello scenario ucraino. Motivo di sorpresa ma anche di preoccupazione da parte degli osservatori militari, soggetto al centro delle speranze del Davide Ucraina di riuscire avere la meglio sul Golia Russia.

Brian S. Petit, Colonnello in pensione dell’esercito degli Stati Uniti, è un ex ufficiale delle operazioni speciali dell’esercito americano, che, come dice di se stesso, ha passato molto tempo a costruire resistenze ma anche a combatterle. È docente a contratto per la Joint Special Operations University (l’agenzia designata all’interno dell’United States Special Operations Command per condurre l’istruzione congiunta della Special Operations Force), dove si concentra su resilienza e resistenza, e per questa agenzia ha lavorato in svariati Paesi per aiutare a elaborare strategie di resistenza come parte dei loro piani di difesa. Ora è CEO di Garfield Syndicate, LLC. Insegna e fornisce consulenza su strategia, pianificazione, operazioni speciali e resistenza.
Brian ha studiato a fondo la resistenza ucraina. In queste settimane, ha prodotto una attenta analisi sul tema. Lo abbiamo intervistato nel tentativo di capire qualcosa di più di questa caratteristica della guerra ucraina che potrebbe diventare decisiva.

Brian, tu sei al momento tra le montagne rocciose degli Stati Uniti, segui ovviamente da distanza questi primi giorni di guerra, ma certamente avrai informazioni qualificate e hai grandi capacità di valutazione professionale. Dunque ti chiedo: come credi stiano andando questi primi giorni di guerra per i russi e per gli ucraini?

I primi giorni di guerra stanno iniettando un tremendo shock nella popolazione ucraina. La maggior parte non si aspettava che si verificasse questa invasione, e ora che è successo, è completo: un attacco di tipo ‘triplo involucro’ da sud (Mar Nero, Odessa), est (Russia) e nord (Bielorussia). Sono trascorsi solo quattro/cinque giorni, sembra che le difese ucraine stiano fornendo una difesa credibile e rallentando l’avanzata russa. Sappiamo che le formazioni di resistenza dei cittadini ucraini si stanno mobilitando. Sappiamo anche che l’esercito russo non ha scatenato le sue formazioni complete, né consegnato la guerra ad alta intensità di cui sono capaci; quindi sono cauto nel sopravvalutare questa situazione positiva per l’Ucraina.

In base alle informazioni qualificate che hai, cosa pensi del livello qualitativo dell’esercito ucraino? E come si sta comportando?

L’esercito ucraino che era così impreparato nel 2014 non è più ‘in ritardo’. Sono più professionalizzati, più esperti di combattimento, meglio equipaggiati, meglio addestrati e meglio guidati. Grazie all’Ucraina per questo, ma anche alle Nazioni della NATO che hanno contribuito a sostenere le riforme militari ucraine. La NATO non combatterà in trincea, a quanto pare, ma le sue impronte digitali sono dappertutto in questa lotta. Sappiamo che l’esercito ucraino sta esigendo dei costi per i russi e si ritiene che la Russia non abbia rispettato la tempistica per assicurarsi gli obiettivi chiave (non posso confermare questo rapporto sui piani russi).

E l’esercito russo?

L’esercito russo -una combinazione di forze aeree, terrestri, marittime e informatiche- supera notevolmente l’esercito ucraino. Quando e dove scelgono di dominare o impossessarsi, possano e lo fanno, lo faranno. La mia domanda è: possono tenerlo? 190.000 stivali russi a terra, tutti cercando di tenere il territorio e consolidare i guadagni, è un compito difficile in un grande Paese con 40 milioni di cittadini. Grandi Paesi come l’Ucraina che possono continuare a fornire resistenza violenta e civile tendono a inghiottire gli eserciti di professionisti ‘che tengono ovunque’. Questa è una parte della strategia dell’Ucraina.

L’esercito russo sta combattendo contro un ‘popolo – fratello’. Questo nel conflitto che peso psicologico e relativo riflesso sull’andamento della guerra avrà?

Vorremmo tutti ascoltare interviste veritiere con i soldati russi invasori che sono più in pericolo. Quali informazioni vengono fornite e in cosa credono? In questo momento, questa è una domanda accademica. Sul campo, la nostra ipotesi di pianificazione deve essere che i ‘fratelli’ russi che invadono l’Ucraina siano soldati impegnati e pieni di adrenalina che sono profondamente impegnati a combattere per la patria russa. Se ci sono punti deboli nella mente russa, aspettati che le operazioni psicologiche ucraine (sia formali che di crowdsourcing) lo attacchino in modo aggressivo.

Come giudichi il livello di preparazione militare dei civili che compongono la resistenza ucraina?

La resistenza civile ucraina sarà abbastanza ben armata: armi leggere, esplosivi leggeri, radio non sicure, giubbotti antiproiettile, elmetti. Sono psicologicamente impegnati a difendere la loro patria. Putin lo ha aiutato con la sua affermazione che l’Ucraina non è una Nazione e che gli ucraini non sono un popolo. Ci sono parti meno note della resistenza che potrebbero fare la differenza: la logistica; trasporto; servizi di base come acqua, luce, energia, calore; supporto medico; informazioni e intelligence; allerta precoce. Per questo motivo, la resistenza ucraina ha una ‘struttura’ di base chiamata di difesa territoriale, e ci si attende che siano in molti in ogni regione e villaggio.

Come si sta comportando questa resistenza composta dai civili armati?

Non possiamo ancora dirlo. È ancora una lotta in stile ‘manovra’ in cui le forze di sicurezza ucraine rimangono in testa. Storicamente, quando il cittadino è coinvolto nella difesa del suo villaggio o della sua casa, ci si aspetta che sia disordinato, extragiudiziale, dilettantistico o brutale. Può anche essere molto efficace nel rispondere alle minacce ‘immediate’ come le rivolte separatiste o le azioni di sabotaggio nemico. Otterremo molte informazioni e disinformazione sulla ‘resistenza dei cittadini’ in questi prossimi giorni da entrambe le parti; ci vorrà tempo per giudicare adeguatamente quanto bene i cittadini stiano combattendo le forze d’invasione.

Quali problemi comportano per l’Ucraina questa resistenza?

Ogni volta che uno Stato autorizza i suoi cittadini a portare violenza, apre un ‘vaso di Pandora’ di problemi. Secondo me, l’Ucraina non ha altra scelta che aprire completamente il vaso di Pandora, capovolgerlo e svuotarne il contenuto. Il rischio che i cittadini vadano male per la causa è un rischio necessario da correre in questo momento. Mentre ci sono russi invasori nel territorio ucraino, questo rischio rimane basso proprio perché c’è un nemico chiaro e presente a portata di mano. Un problema peggiore da avere è una Nazione che è stordita o non vuole combattere. In questo momento, l’Ucraina sta incanalando energia di resistenza per creare al meglio l’attrito che rallenterà l’invasione o la farà finire.

Quali problemi pongono ai russi le forze partigiane?

Le forze partigiane pongono grossi problemi ai russi. In primo luogo, i russi sentiranno una pressione costante, costringendoli a muoversi in formazioni grandi e ben armate e preoccupandoli quando rimarranno in posizioni statiche per lunghi periodi. I partigiani tendono a rendere costosa la mobilità; noi (gli Stati Uniti, l’intera coalizione) lo abbiamo visto nelle nostre esperienze in Iraq e Afghanistan. Abbiamo avuto problemi a guidare in strade tra luoghi sicuri senza essere attaccati. Le strade e i corridoi di mobilità sono un punto chiave di vulnerabilità, di cui i partigiani conoscono il terreno, possono attaccare e ritirarsi con basso rischio. In secondo luogo, i russi avranno difficoltà a decidere chi sono i combattenti e chi no. È possibile che semplifichino e rendano tutti nemici. Se lo fanno, sarà orribile e barbaro. In questi casi, i partigiani possono vincere la narrazione ma pagarla con la vita umana. Infine, se i partigiani impediscono ai russi di consolidare i guadagni nel breve termine, come può il Cremlino aspettarsi di controllarlo ragionevolmente a lungo termine?

Il fatto che in Ucraina gli oligarchi siano di fatto soggetti a capo di eserciti privati, che in alcuni casi hanno finanziato, o potrebbero farlo, gruppi di cittadini partigiani, quali rischi comporta? Non c’è la possibilità che in un secondo momento la lotta partigiana diventi una guerra civile interna all’Ucraina?

Sì, c’è questa possibilità. Sorprendentemente, l’Ucraina ha vissuto proprio questo scenario per sette anni, eppure ha mantenuto la sua democrazia elettiva e ha stabilizzato il suo governo. Gli oligarchi che finanziano eserciti privati sono, o possono essere, un patto faustiano. Con ciò, le milizie private ucraine hanno fornito un eccellente servizio di combattimento all’Ucraina durante la crisi del marzo 2014 e, con poche eccezioni, da allora. Alcuni sono stati quasi formalizzati o delegati; un piede nel settore privato, un piede nelle forze armate ufficiali. Alcuni sono motivati da ideologie estremiste o si aggirano per proteggere interessi commerciali. Per quanto imperfetto sia, è un modello di cui l’Ucraina ha bisogno in questo momento per esercitare la forza su un esercito russo superiore e invasore.

In questa fase ci pare di capire che la resistenza abbia il compito di rallentare la presa dell’Ucraina da parte della Russia. Ipotizziamo però che la Russia prenda il controllo del Paese, a quel punto il ruolo e il compito dei civili che compongono la resistenza cambierà. Su di loro graverà in solitaria la responsabilità di sconfiggere i russi. Cosa succederà a quel punto? Come cambierà lo scenario?

Se i russi prenderanno il controllo dell’intero Paese -e cercheranno di tenerlo e governarlo- avranno una popolazione armata, irrequieta e arrabbiata da gestire. Non credo che possano farlo, a meno che non trasformino tutto in un vero e proprio macello. Le sole resistenze generalmente non sconfiggono i poteri occupanti. In questo scenario che hai dipinto, la resistenza adotterebbe una strategia di ‘esaurimento’ in cui non possono sconfiggere in modo decisivo l’occupante, ma esigerebbero costi sufficienti per drenare risorse e volontà. I talebani hanno utilizzato una strategia simile contro la coalizione guidata dagli Stati Uniti in Afghanistan. È lungo e costoso, ma senza liberatori esterni all’orizzonte esistono poche altre opzioni strategiche.

In uno scenario in cui governo ed esercito dell’Ucraina sono caduti e i russi hanno il controllo del Paese, gli Stati Uniti e i Paesi europei come potranno continuare ad armare la resistenza?

A ovest, l’Ucraina ha confini terrestri con le Nazioni NATO di Polonia, Slovacchia, Ungheria e Romania e un corridoio del Mar Nero verso Romania, Bulgaria e Turchia. Anche la Moldova si trova a disagio nel sud-ovest. Questi sono un sacco di punti di accesso. I russi occupanti possono mantenere l’intera massa terrestre dell’Ucraina bloccando anche tutti i confini aerei, terrestri e marittimi? Non possono. Almeno non possono senza forze militari massicce e costi elevati. È insostenibile. Il supporto esterno fornito da ratlines continuerà e troverà un modo per penetrare nella sicurezza russa. C’è un altro modo: i soldi. Questa è una regione notoriamente corrotta in cui il denaro può creare accesso rapidamente.

Il fatto che la resistenza si troverà a quel punto senza un comando che fa riferimento -come sembra sia al momento- all’esercito ucraino, cosa comporterà? Si creerà il caos?

Questo dipende dal fatto che il governo ucraino mantenga la sua legittimità come potere dominante legittimo e che legittimamente comandi l’Ucraina e il suo popolo. Il governo può mantenere questa legittimità, anche se viene esiliato o costretto alla clandestinità. Se in qualche modo perdono la legittimità, o il sentimento degli ucraini cambia, allora questo sarà un pericoloso ‘Game of Thrones‘. Putin apprezzerebbe questo risultato se la sua mossa di installare un governo fantoccio non funzionasse. Gli ucraini devono sostenere il loro status quo ante governo per fare in modo che l’ambiente caotico della resistenza ritorni con successo a una Nazione pacifica e basata sullo stato di diritto.

Questa resistenza è attiva anche sul fronte informatico?

Sì, ne stiamo solo vedendo la punta ora con i messaggi ucraini sulla sua volontà e capacità di resistere. A livello meta, la guerra informatica è in corso prima dell’invasione del 2014 e da allora ogni giorno. L’offesa informatica russa è molto buona e l’Ucraina ha subito arresti, hack, denial of service e disinformazione viziosa. Questo è proprio ciò che vediamo, visibilmente; c’è altro in agguato nell’oscurità come il kompromat, l’inganno finanziario e la geolocalizzazione. Dal lato della resistenza, è troppo presto per giudicare gli effetti dei video dei cittadini, dei post di Tik-Tok, degli influencer di Instagram, degli hacker lupi solitari, degli investigatori in stile Bellingcat e delle difese informatiche.

In chiusura: cosa ti aspetti da questa resistenza? E’ ipotizzabile che uno degli eserciti più forti al mondo venga sconfitto da civili che abbracciano un fucile?

In questi primi giorni, lo ‘spirito’ della resistenza è genuino e vero. L’attacco sfacciato di Putin ha radunato lo spirito nazionale. Quando un Paese rischia l’annientamento, questa non è una sorpresa. All’inizio, mi aspetto che la resistenza sostenga le forze di sicurezza ucraine più professionalizzate. Nel tempo, la resistenza ‘colmerà il divario’ nel modo in cui potrà. Non possiamo aspettarci che le resistenze travolgano i regolari russi, ma possono creare nuovi fronti, imporre costi mortali, creare organizzazioni di sicurezza locali, negare ai russi la capacità di muoversi, ispirare i colleghi ucraini a sopportare sofferenze e difficoltà e, naturalmente, riforniranno la comunità internazionale con storie che tutti amiamo: David che combatte Golia.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->