lunedì, Maggio 16

Ucraina: il Caucaso meridionale trema all’ombra della guerra Armenia, Azerbaigian e Georgia sono in equilibrio tra potenziali rappresaglie russe e la necessità, quasi necessaria, di stare insieme all'Ucraina

0

Bilanciamento è la parola più comune nel Caucaso meridionale. Questo è il modo in cui i tre stati affrontano la guerra con l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia.

Mentre l’invasione russa dell’Ucraina si riverbera in tutto il mondo, la regione del Caucaso meridionale è particolarmente suscettibile all’oscura musica d’atmosfera geopolitica. Armenia, Azerbaigian e Georgia sono in equilibrio tra potenziali rappresaglie russe e la necessità, quasi necessaria, di stare insieme all’Ucraina.

La Georgia è la più minacciata. Invasa e parzialmente occupata dalla Russia nel 2008, ha inviato segnali contrastanti nelle ultime due settimane. Il paese ha presentato domanda di adesione all’UE all’inizio del mese scorso, ma si è anche ampiamente astenuto dal criticare pubblicamente la Russia. La popolazione, tuttavia, ha espresso un sostegno schiacciante: un sondaggio ha suggerito che l’88% si è schierato con l’Ucraina e l’1% con la Russia. Ci sono state grandi manifestazioni nel centro di Tbilisi, viene inviato un flusso costante di aiuti umanitari e un certo numero di volontari militari georgiani hanno combattuto (e sono morti) in Ucraina.

La probabile spiegazione del divario tra il governo e i suoi cittadini è che il partito al governo Sogno georgiano non è disposto a prendere posizione fino a quando l’esito della guerra non sarà chiaro. Una vittoria russa sarebbe di cattivo auspicio per la Georgia, che è l’altro paese citato nell’elenco originale della Russia di richieste alla NATO e agli Stati Uniti a dicembre, che hanno cercato un nuovo accordo di sicurezza per l’Europa. Una Russia vittoriosa sarebbe in una posizione molto forte per chiedere obbedienza alla Georgia riguardo alla promessa di 14 anni dell’alleanza di rendere il paese un membro.

Ma il gioco di equilibrio del governo sta diventando sempre più insostenibile. La pressione dall’interno è scomoda, così come gli appelli a fare di più da parte dei partner internazionali. Sebbene la logica del comportamento della Georgia sia cauta e riconosca la disparità di potere con la Russia, l’idea che il Cremlino possa essere meno impegnativo nei confronti della Georgia è prematura. La Russia continua ad occupare i territori georgiani dell’Abkhazia e dell’Ossezia meridionale ed è improbabile che cambi. Non vi è alcuna indicazione che il regime di Vladimir Putin sorriderà favorevolmente alla Georgia quando i suoi obiettivi dichiarati sono espansionistici e intransigenti.

In Azerbaigian, la Russia continuerà il suo approccio transazionale di grande successo. Il recente accordo sulla cooperazione alleata lo ha sottolineato. Inoltre, significa anche che la Russia ha probabilmente gettato le basi per una presenza militare continua in Azerbaigian dopo il 2025, uno dei suoi obiettivi chiave nella regione che garantisce che tutti e tre i paesi del Caucaso meridionale abbiano truppe russe all’interno dei loro confini internazionalmente riconosciuti. Come i leader della Georgia, i ministri azeri hanno evitato di criticare apertamente la Russia, poiché anche loro temono potenziali rappresaglie russe. In un certo senso, l’Azerbaigian, stretto tra Russia e Iran, ha poco spazio di manovra. Anche la sua alleanza con la Turchia non può proteggere il Paese da una minaccia russa.

L’Armenia è forse meno scossa dalla guerra in Ucraina. Il trauma del 2020 e il modo in cui l’Occidente è stato in gran parte assente dalla sua sconfitta nella seconda guerra del Nagorno-Karabakh e le sue successive ricadute hanno suscitato rabbiosa considerazione e sostegno all’indipendenza dell’Ucraina. Come i suoi piccoli vicini, l’Armenia ha semplicemente pochissima libertà di manovra e la sua decisione di sostenere la Russia, o di astenersi, durante le votazioni nelle organizzazioni internazionali dall’inizio della guerra sottolinea i crescenti limiti che deve affrontare, soprattutto dopo la guerra del 2020.

Quindi, sebbene ognuno abbia le proprie considerazioni nazionali, hanno anche una preoccupazione chiave in comune: evitare le rappresaglie russe.

Nel frattempo, anche altri sviluppi non correlati all’invasione russa dell’Ucraina stanno plasmando il futuro della regione. Armenia e Turchia, che da anni sono in rapporti tutt’altro che amichevoli, si stanno muovendo verso un miglioramento globale delle relazioni bilaterali. L’apertura del loro confine a lungo chiuso e il ripristino dei rapporti diplomatici sono oggetto di seria discussione. Se implementato, ciò avrebbe enormi effetti sulla geopolitica della regione. L’apertura della regione altrimenti geograficamente chiusa, che negli ultimi decenni è stata per lo più dipendente dalla Russia per le infrastrutture, si aprirebbe e darebbe alla Turchia un interesse maggiore nel destino della regione.

Anche l’Armenia e l’Azerbaigian, sebbene continuamente coinvolti in riacutizzazioni lungo la loro linea di contatto in Nagorno-Karabakh, sembrano avviarsi verso una svolta significativa nel loro enigma decennale, che risale almeno alla prima guerra del Nagorno-Karabakh del 1992 -94. Vari accenni da parte armena indicano che potrebbero accettare di considerare il Nagorno-Karabakh come una parte dell’Azerbaigian in cambio si aspettano una sorta di autonomia e garanzie per la popolazione armena nell’enclave.

Il terzo grande sviluppo è l’indicazione che è improbabile che un progetto di rilancio ferroviario proposto vada avanti sotto gli auspici della Russia. L’Azerbaigian e l’Iran hanno recentemente firmato un accordo in base al quale la Repubblica islamica svolgerà un ruolo nei progetti di transito tra l’Azerbaigian vero e proprio e Nakhichevan, il suo territorio distaccato oltre l’Armenia.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->