lunedì, Luglio 26

Ucraina: il 2021 è diverso dal 2014? Ecco perché non necessariamente la Russia sta per lanciare una nuova offensiva ora, ma l'Ucraina ha motivi per essere preoccupata

0

I rapporti secondo cui la Russia ha spostato un gran numero di truppe e materiale militare verso il confine ucraino hanno sollevato i timori di una nuove violenze nella regione. Kiev ha accusato Mosca di aggravare la situazione della sicurezza nel sud-est dell’Ucraina. Il Cremlino, nel frattempo, ha affermato che tutti gli schieramenti delle truppe russe sono difensivi e non rappresentano una minaccia per nessuno.

Per comprendere la situazione attuale, secondo  è importante capire cosa è successo sette anni fa nel bacino del Donets (Donbas) dell’Ucraina orientale. Il 13 aprile 2014, uno scontro tra uomini armati e forze di sicurezza ucraine nei pressi della città di Sloviansk ha provocato le prime vittime di una guerra che, secondo le stime dell’Onu, è costata ormai più di 13mila vite.

Negli ultimi anni, l’intensità dei combattimenti è diminuita, ma la pace duratura è rimasta sfuggente. Nel 2020, la parte ucraina ha registrato ancora 104 morti lungo la linea del fronte delle ostilità.

Proprio come le dichiarazioni sugli ultimi movimenti di truppe russe, afferma Hauter, il dibattito sulle cause di questa guerra è dominato da due narrazioni diametralmente opposte. La leadership politica ucraina afferma che la guerra è stata un’invasione russa in risposta alla rimozione dell’ex presidente filo-russo dell’Ucraina nella ‘Rivoluzione della dignità’ del febbraio 2014. La Russia, nel frattempo, nega ogni coinvolgimento e afferma che la guerra è un conflitto interno tra l’esercito ucraino e il popolo del Donbas, scatenato da quello che il Cremlino chiama abitualmente un ‘colpo di stato’ a Kiev.

Una ricerca di Hauter sta tentando di stabilire se le tensioni interne o l’intervento russo siano state la causa principale della guerra nel Donbas. Il mio recente articolo su The Soviet and Post-Soviet Review – una rivista accademica sottoposta a revisione paritaria pubblicata da Brill e incentrata sulla storia dell’Unione Sovietica e dei suoi Stati successori – è un primo passo in questa direzione. Hauter ha esaminato una serie di dati di rapporti scoprendo che il modo migliore per analizzare il conflitto senza impantanarsi nelle diverse narrazioni di propaganda è concentrarsi sui dettagli di eventi specifici un passo alla volta.

Hauter ha ricostruito la sequenza di eventi che hanno spostato il Donbas da uno stato di relativa calma all’inizio del 2014 a una guerra su vasta scala ad agosto. Questa sequenza è composta da sei episodi chiave che hanno avuto un impatto duraturo sul corso della guerra.

Tutte le parti in conflitto concordano ampiamente su questo corso fondamentale degli eventi. Nessuno contesta che questi episodi si siano verificati o che abbiano svolto un ruolo importante nel conflitto. I resoconti divergono solo quando si tratta dei dettagli degli eventi e del modo in cui vengono interpretati i vari attori.

Ad esempio, i rapporti non sono quasi mai in disaccordo sul fatto che gli scontri armati abbiano avuto luogo in un determinato luogo in un determinato momento. Quello su cui non sono d’accordo praticamente in tutti i casi è se le persone che combattevano contro le forze di sicurezza ucraine fossero normali locali o mercenari sotto il comando dell’esercito russo.

Dettagli come questi sono al centro della confusione su ciò che sta accadendo in Ucraina. Quindi ha senso avvicinarsi agli episodi chiave uno per uno, piuttosto che perdersi in narrazioni generali.

Per ciascuna delle sei fasi della sequenza originale di escalation della guerra, Hauter cerca di stabilire se sia stato principalmente il risultato di fattori interni o dell’intervento russo. Per la fase finale, la maggior parte di questa analisi è già completa e i risultati sono stati pubblicati online.

Un’indagine dell’agenzia di ricerca Forensic Architecture, a cui Hauter ha partecipato, raccoglie, ad esempio, i filmati che mostrano soldati russi catturati e modelli di carri armati usati solo dall’esercito russo. Include anche immagini satellitari di Google Earth che mostrano grandi convogli che si muovono attraverso il territorio ucraino nell’area compresa tra il campo di battaglia e il confine russo.

Questi risultati mostrano che la sconfitta ucraina nell’agosto 2014 è stata principalmente il risultato dell’intervento russo. Ciò non significa, afferma Hauter, necessariamente che la Russia stia per lanciare una nuova offensiva ora, ma significa che l’Ucraina ha motivi per essere preoccupata.

Questo approccio graduale alla ricerca sugli eventi del 2014 potrebbe anche essere utile per analizzare la situazione attuale: potrebbe essere più utile concentrarsi sui dettagli degli eventi sul campo e fare piani di emergenza basati sulla posizione, la portata e la velocità del attuali movimenti di truppe.

Dove e con quante truppe la Russia potrebbe attaccare? E quale potrebbe essere la risposta nel caso in cui si verifichi un attacco, dopotutto? Date le gravi conseguenze di una nuova offensiva russa contro l’Ucraina, la comunità internazionale deve avere risposte a queste domande, indipendentemente dalla probabilità di un simile scenario.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->