venerdì, Maggio 20

Ucraina: Giappone, il cauto risveglio del ‘samurai’ “Da Paese del G7, il Giappone ha poco da perdere schierandosi contro la Russia. Tuttavia, è fuorviante parlare di ‘riarmo’ anche perché l'opinione pubblica giapponese non è ancora pienamente favorevole agli impegni militari all'estero“

0

Anche il Giappone, a fronte dell’invasione russa dell’Ucraina, non è rimasto a guardare, ma ha reagito immediatamente. Da membro del G7, non si è per nulla smarcato dalla politica delle sanzioni economiche da infliggere a Mosca: il 23 febbraio, il giorno dopo che Vladimir Putin ha riconosciuto l’indipendenza delle “Repubbliche popolari” di Donetsk e Lugansk (DNR e LNR), il primo ministro Kishida Fumio ha annunciato le prime sanzioni, tra cui in particolare l’esclusione della Russia dal sistema di regolamento interbancario SWIFT, il congelamento dei beni del Presidente russo e di una sessantina di oligarchi e banche, la sospensione del beneficio della clausola della nazione più favorita di cui gode la Russia in quanto membro dell’OMC e il congelamento dei diritti russi al finanziamento della Banca Mondiale o del FMI.

Inoltre, il Giappone mantiene le sanzioni adottate nel 2014 dopo l’invasione della Crimea, che prevedono il congelamento dei beni in Giappone di 66 persone e 16 entità, il divieto di emissione di titoli sul mercato giapponese mirato cinque istituti bancari, il divieto di importazione dalla Crimea (salvo autorizzazione del governo ucraino) e la sospensione delle esportazioni che potrebbero avere applicazioni o usi militari.

Al contempo, nei giorni successivi all’inizio della guerra in Ucraina, il Giappone ha deciso, in modo inedito, di contribuire allo sforzo militare dell’Ucraina attraverso la fornitura di dispositivi di protezione militare individuali quali i giubbotti antiproiettile. Inoltre, rapidamente, Tokyo ha stanziato un sostegno umanitario di 100 milioni di yen (circa un milione di euro) e, per quanto riguarda i rifugiati, sono state adottate misure insolite. Il governo prevede inizialmente di accogliere le famiglie dei 1.900 ucraini residenti in Giappone. Ha avviato un processo di consultazione interna per determinare quali comunità sarebbero disposte ad accogliere più rifugiati, non escludendo in seguito l’accoglienza di altri profughi, ma mandando in soffitta la sua riluttanza ad aprire le frontiere ai richiedenti asilo: nel 2017 ha concesso lo status di rifugiato solo a 20 siriani.

La Camera Alta e la Camera Bassa, dal canto loro, hanno adottato risoluzioni in sessione plenaria, sostenute dalla maggioranza dei loro membri, che invitavano la Russia a procedere all’immediato ritiro delle sue truppe, mentre il Primo Ministro ha definito l’invasione una “manifesta violazione legge internazionale”. Consapevole dello status del Giappone come unica potenza asiatica nel G7, Kishida Fumio si è anche fatto portavoce delle posizioni dei paesi asiatici con altre potenze industriali. Ha anche cercato di influenzare due dei suoi vicini, India e Cambogia, che si erano astenuti nel voto sulla risoluzione A/RES/ES-11/1 dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite che condanna l’aggressione da parte dell’Ucraina ma non ha ottenuto alcuna condanna esplicita dalla Russia.

La risposta della Russia non si è fatta attendere: il 7 marzo Mosca ha designato il Giappone come un “Paese ostile” e, attraverso il Ministro degli Esteri, Sergei Lavrov, ha dichiarato che “per la Russia non ci sono le condizioni per portare avanti con un Paese che mostra tanta ostilità nei nostri confronti il dialogo sul trattato di pace”che porrebbe fine alla Seconda guerra mondiale tra le potenze. Sono 76 anni che i due Paesi sono formalmente in conflitto, da quell’8 agosto 1945, tra la bomba atomica di Hiroshima e quella di Nagasaki, quando l’Unione Sovietica dichiarò guerra al Giappone dell’imperatore Hirohito e, secondo Tokyo, si impossessò illegalmente, dopo la resa giapponese, di quattro isole – Kunashiri, Etorofu, Shikotan e delle isole di Habomai – le cosiddette Isole Curili, di cui Mosca rivendica la legittimità dell’operazione ed ha svolto imponenti esercitazioni militari. Un’involuzione rispetto alle speranze dell’ex Premier Shinzo Abe (Primo Ministro nel 2006-2007 poi dal 2012 al 2020), che ha incontrato Vladimir Putin un gran numero di volte nell’intento di recuperare almeno due di queste quattro isole.

Anche questione nucleare è tornata nel dibattito pubblico giapponese, dopo che Vladimir Putin ha brandito la minaccia di usare quest’arma nella sua guerra di conquista in Ucraina. Ave si è quindi detto favorevole alla messa in comune delle armi nucleari americane, il che presuppone non che il Giappone abbia una propria arma ma che potrebbe far conto sulla deterrenza garantita dalle armi nucleari degli Stati Uniti in un’alleanza come la NATO. Il governo si è subito dissociato da questa ipotesi per ribadire la posizione giapponese di rifiutare le armi nucleari e il loro possesso, anche in questa forma indiretta – che gli Stati Uniti probabilmente non sarebbero peraltro favorevoli.

A livello economico, il Giappone deve trovare prodotti sostitutivi rispetto a quelli ‘Made in Russia’. I prodotti importati dal Giappone dalla Russia si suddividono in queste categorie principali: gas (24%), carbone (18%), petrolio greggio (16,6%), metalli (10%), frutti di mare (9%) . Circa l’8,5% del gas e il 14% del carbone importato in Giappone provengono dalla Russia (la dipendenza è molto maggiore dall’Australia, da cui il Giappone importa oltre il 37% del suo gas e il 68% del suo carbone). Importa il 10% del suo grano saraceno dalla Russia (è il principale produttore) senza alcuna prospettiva di sostituzione immediata. Questo grano saraceno viene utilizzato nella composizione di alcune paste, le soba. Il grano viene utilizzato per la produzione di altra pasta e il prezzo dell’udon dovrebbe aumentare del 5% a maggio, mentre il governo ha, per il mese di aprile, aumentato del 17% gli aiuti alle imprese importatrici di grano, aiuti destinati a contenere prezzi. Inoltre, il salmone che normalmente arriva in Giappone via Norvegia sorvolando la Russia dovrà ora essere trasportato via Medio Oriente: il settore della ristorazione è quindi alla ricerca di prodotti sostitutivi. Il Giappone vedrà quindi probabilmente aumentare la sua inflazione a partire da maggio e questa avrà un impatto negativo sulla crescita e sulle risorse delle famiglie.

Per capirne di più, ne abbiamo parlato con Ross Darrell Feingold, analista esperto di Asia.

 

“Un cambiamento unilaterale dello status quo tramite il ricorso alla forza nell’Indo-Pacifico, e in particolare nell’Asia Orientale, non può essere consentito”, ha dichiarato il Primo Ministro giapponese, Fumio Kishida. Diversi esperti fanno osservare che lo scopo di queste azioni è mandare un chiaro messaggio, soprattutto alla Cina (con le sue mire su Taiwan), che il Giappone sarà pronto ad un’eventuale invasione di territorio, ma anche perché – come spiegato dall’ex-Ministro degli Esteri e della Difesa, Taro Kono – “per proteggerci dobbiamo anche aiutare gli altri” (alleati occidentali). Lei è d’accordo? Perché questa guerra ‘europea’ in Ucraina ha scatenato la dura e immediata reazione di Tokyo?

Che si tratti dell’attuale Primo Ministro Fumio Kishida, dell’ex Primo Ministro Shinzo Abe o dell’ex Ministro degli Esteri e della difesa Taro Kono, gli influenti politici giapponesi sollevano ripetutamente e pubblicamente la questione di ciò che il Giappone deve fare di più per garantire la propria sicurezza e la possibilità di venire in aiuto di altri paesi che la pensano allo stesso modo che vengono attaccati. A parte la sicurezza del Giappone (e investire di più nella difesa del Giappone), Taiwan è sicuramente una priorità in queste affermazioni. La verità è che il Partito Liberal Democratico al governo giapponese ha già adottato questo punto di vista per diversi anni, soprattutto per quanto riguarda gli investimenti maggiori nella difesa e la possibilità che le truppe giapponesi si impegnino in combattimenti al di fuori del Giappone. Esperti negli Stati Uniti e, in misura minore, altrove hanno da tempo invitato il Giappone a unirsi ai suoi alleati e partner in un’azione militare quando necessario, tuttavia, sia le restrizioni nella costituzione del Giappone che un pubblico riluttante devono ancora renderlo realtà. Tuttavia, il Giappone ha sicuramente aumentato la sua partecipazione alle esercitazioni militari all’estero. La guerra in Ucraina ha suscitato simpatia in Giappone come altrove, quindi ora è un “buon momento” per porre al pubblico giapponese domande come “Sostieni la difesa collettiva contro stati totalitari aggressivi?” Quindi questo processo va avanti, anche se l’opinione pubblica giapponese non è ancora pienamente favorevole agli impegni militari all’estero (compreso a Taiwan).

Pur essendo entrambi competitor della Cina, l’atteggiamento del Giappone, però, è quasi opposto a quello assunto dall’India in questa crisi. Perché?

L’alleanza per la sicurezza con gli Stati Uniti e le relazioni generalmente strette che il Giappone ha con gli “alleati occidentali” e i Paesi del G-7 sono un fattore significativo nel processo decisionale del Giappone di sostenere le sanzioni e altrimenti condannare l’invasione russa dell’Ucraina. Il Giappone potrebbe deviare dall’imporre sanzioni o dalla critica pubblica quando un paese più piccolo ha un colpo di stato (soprattutto se è un luogo in cui il Giappone ha investimenti e/o programmi di aiuto a lungo termine), ma, rischiando “sanzioni secondarie” imposte dagli Stati Uniti e altri Paesi occidentali se il Giappone dovesse continuare a fare affari con la Russia semplicemente non è nello stile del Giappone, specialmente in una grave crisi globale come questa. Inoltre, il rapporto Giappone – Russia è controverso, data la questione irrisolta dei Territori del Nord (Isole Curili) detenuti dalla Russia dalla fine della seconda guerra mondiale ma rivendicati dal Giappone. A questo punto, nonostante molti anni di sforzi, il Giappone ha fatto pochi progressi nel persuadere la Russia a restituire le isole al Giappone. Quindi, il Giappone ha poco da perdere schierandosi contro la Russia. D’altra parte, l’India ha perseguito a lungo una politica estera indipendente e ha un’amicizia con l’ex Unione Sovietica e poi con la Russia che manca al Giappone. L’India è sempre più parte dell’alleanza occidentale contro la Cina, ma è chiaro ora che l’India non si considera parte di un’ampia alleanza contro tutti i Paesi totalitari come la Russia.

Pochi giorni fa c’è stato un corteo di protesta contro l’aggressione di Putin che ha marciato da Omotesandō a Shibuya, e le migliaia di partecipanti erano guardate da chi si trovava in giro con uno sguardo solidale di approvazione e non con la solita freddezza che si percepisce a Tokyo verso queste manifestazioni. Nel corteo c’erano attivisti giapponesi, ucraini, russi, bielorussi e georgiani, e in coda hanno sfilato con striscioni e bandiere gruppi di taiwanesi e uiguri. L’invasione russa dell’Ucraina preoccupa i giapponesi: anche per il 77% vi è il rischio di uso analogo della forza di Pechino verso Taiwan. Lo afferma un sondaggio di Nikkei Inc. e TV Tokyo che mostra che il dato sale all’83% fra i 40 e i 50enni. Non stupisce, quindi, che il sostegno al primo ministro giapponese Fumio Kishida sia balzato di sei punti percentuali rispetto al mese scorso al 61%. Quanto conta la dimensione interna/nazionale nelle decisioni di Kishida considerato anche che tra quattro mesi si terranno le elezioni chiave della camera alta?

Con il Partito Liberal Democratico che gode di una comoda maggioranza nella camera alta, o Camera dei Consiglieri, e dopo i risultati deludenti dello scorso anno (ancora una volta) per i partiti di centrosinistra alla Camera, o Camera dei Deputati, elezioni, il l’aspettativa al momento è che l’LDP dovrebbe facilmente mantenere se non aumentare la maggioranza della Camera dei Consiglieri. Ciò accadrebbe probabilmente anche senza la guerra in Ucraina; i partiti di opposizione sono semplicemente troppo deboli e non offrono un messaggio in cui gli elettori in Giappone attualmente accettano. E se non ci fosse una guerra in Ucraina, nella misura in cui le questioni di sicurezza sono rilevanti nelle elezioni della Camera dei Consiglieri, allora l’LDP farebbe una campagna sui suoi punti di forza nell’affrontare i rischi della Cina e della Corea del Nord. La partecipazione ai raduni di Tokyo per l’Ucraina è un argomento molto interessante. All’inizio di marzo si è tenuta una manifestazione e gli organizzatori hanno fatto molti sforzi per scoraggiare i partecipanti dall’esporre bandiere o cartelli per altre cause come quelle di Hong Kong, Taiwan o uigura. È comprensibile che in questo momento in cui il loro Paese è invaso, non vogliono che una manifestazione per l’Ucraina perda la concentrazione e diventi anche una manifestazione per le questioni cinesi. Sembra che gli organizzatori di Tokyo abbiano perso il controllo di questo problema ora, con altre organizzazioni che portano i propri problemi ai raduni in Ucraina.

 

Nel 2014, quando la Russia annetté la Crimea, il Premier giapponese era Abe Shinzo, esponente dell’ala destra del partito e alla guida di un governo molto vicino all’amministrazione USA di Barack Obama, seguì la politica delle sanzioni occidentali ma non senza reticenza anche perché, dal 2012, l’ex premierShinzo Abecercò di stringere relazioni più solide con Putin, più di quanto fece per i vicini sudcoreani, con l’obiettivo di opporsi alla Cina e scongiurare un avvicinamento tra Mosca e Pechino. Condivide questa analisi? Perché nel 2014 il Giappone riteneva l’invasione dell’Ucraina una questione europea ed oggi la considera una questione di sicurezza nazionale? Cosa è cambiato? Ha sbagliato Shinzo Abe? 

Ci sono una serie di ragioni per cui il Giappone è stato reticente a imporre sanzioni più ampie sulla Crimea nel 2014. Per cominciare, Abe ha mantenuto la speranza di poter costruire una relazione con Putin che potrebbe portare a concessioni se non a un accordo finale sui Territori del Nord (Isole Curili) . In secondo luogo, i combattimenti erano troppo “localizzati” in una piccola parte dell’Ucraina (Donbas e Crimea) per attirare molta attenzione in Giappone. In terzo luogo, e quindi, imporre sanzioni alle persone coinvolte in decisioni politiche più ampie (come i molti decisori nel governo federale russo) non era un passo che il Giappone riteneva necessario, quindi, invece, ha limitato le sanzioni a un gruppo più ristretto “direttamente coinvolto nel annessione della Crimea e destabilizzazione della parte orientale dell’Ucraina”. In quarto luogo, all’epoca il Giappone importava circa il 9% di petrolio, carbone e gas naturale liquefatto dalla Russia e non voleva danneggiare quel rapporto. Alla fine, più tardi, nel 2014, Abe ha dovuto rimescolare il suo gabinetto e poi ha indetto elezioni anticipate e l’Ucraina semplicemente non era una priorità.

Quali furono le misure criticate come ‘tardive ed inefficienti’ decise il Giappone otto anni fa?

Il 28 luglio 2014, il Giappone impose sanzioni nei confronti di individui ed entità russi coinvolti nell’annessione della Crimea, sebbene in realtà c’erano poche persone di questo tipo con beni in Giappone. Altre sanzioni includevano restrizioni all’ingresso in Giappone per un numero limitato di cittadini russi e ucraini e restrizioni alle istituzioni finanziarie russe che offrono azioni e obbligazioni in Giappone e restrizioni all’esportazione di tecnologia a duplice uso in Russia. Il Giappone ha anche annunciato che cesserà di finanziare futuri progetti del settore pubblico in Russia, in modo simile alla decisione della Banca europea per gli investimenti e della Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo di limitare tali finanziamenti. Poiché il numero di persone o le dimensioni dei rapporti d’affari coinvolti erano esigui, non vi è stato alcun effetto significativo sulla Russia, e ciò è meglio illustrato dal fatto che negli anni successivi Abe e Putin si sono incontrati molte volte.

Può spiegare quali sono le misure che Tokyo ha deciso sulla guerra Ucraina? Quali sanzioni il Giappone ha inflitto alla Russia e quali equipaggiamenti ha inviato alla resistenza?

Ore prima dell’invasione, ma dopo che la Russia ha riconosciuto l’indipendenza della Repubblica popolare di Donetsk (“DPR”) e della Repubblica popolare di Luhansk (“LPR”), il 23 febbraio 2022 il Giappone ha imposto una serie limitata di sanzioni che includevano la sospensione dei visti per i funzionari di il DPR e l’LPR, hanno congelato i beni di questi funzionari, vietato le esportazioni e le importazioni dalle due regioni e vietato l’emissione e il commercio di nuove obbligazioni sovrane russe in Giappone. Il 25 febbraio 2022, il Giappone ha imposto sanzioni che includevano controlli sulle esportazioni di prodotti high-tech come i semiconduttori, il congelamento dei beni detenuti dalle istituzioni finanziarie russe e la sospensione del rilascio dei visti per alcuni individui ed entità russi. Il 27 febbraio 2022 il Giappone si è unito ad altri paesi per isolare la Russia dal sistema internazionale di trasferimento di denaro SWIFT e ha imposto divieti di visto a politici come Putin e il presidente bielorusso Lukashenko. A marzo, il Giappone ha sanzionato ulteriori società e individui russi, nonché ulteriori restrizioni alle esportazioni in Russia, seguite a fine marzo da un ulteriore round di sanzioni contro individui russi e transazioni con entità in Russia. Il Giappone prevede anche di revocare lo status di “nazione più favorita” alla Russia, in modo simile a un’azione che altri paesi del G7 intendono intraprendere. Ad aprile, il Giappone ha sanzionato altri 398 russi, comprese le figlie di Putin, e ha anche espulso diplomatici russi.

Quali sono i rapporti commerciali ed energetici tra  Giappone e Russia?

Le statistiche commerciali del Ministero delle finanze giapponese mostrano che nell’anno solare 2021, il valore delle importazioni giapponesi dalla Russia è aumentato del 34,8% dal 2020, a 1,5 trilioni di yen (circa 12 miliardi di dollari), che rappresenta solo l’1,8% delle importazioni totali del Giappone; le importazioni dalla Russia sono per lo più gas naturale liquefatto, carbone e petrolio. Le esportazioni del Giappone verso la Russia nel 2021 sono aumentate del 37,4% a 862,4 miliardi di yen (6,8 miliardi di dollari), principalmente automobili e componenti di automobili, una piccola parte delle esportazioni totali del Giappone di 83,1 trilioni di yen (660 miliardi di dollari) nel 2021.

Qual’è stata la ‘rappresaglia’ economica russa alle sanzioni giapponesi?

La Russia ha interrotto l’attività economica congiunta nei Territori del Nord. Inoltre, la Russia ha condotto esercitazioni militari vicino al Giappone e ha concluso i negoziati sui Territori del Nord e un trattato di pace per porre fine formalmente alla seconda guerra mondiale.

Quali sono i rapporti economici tra Giappone e Ucraina?

Il Giappone e l’Ucraina hanno una relazione commerciale modesta, stimata in circa 70 milioni di dollari di esportazioni annuali del Giappone in Ucraina e 197 milioni di dollari in esportazioni annuali dell’Ucraina in Giappone.

Dal punto di vista energetico, il Giappone sembra vivere, sebbene con sfumature diverse, il dilemma di alcuni Paesi europei come Italia e Germania. Infatti, nonostante la condanna dell’invasione e le sanzioni, il Giappone ha deciso, per esempio, di non abbandonare il progetto di sfruttamento del giacimento di gas Sakhalin-2, che lo vede impegnato con Mosca attraverso i keiretsu (conglomerati) nipponici Mitsui e Mitsubishi che non usciranno dal progetto neanche dopo che uno dei partner pesante, l’anglo-olandese Shell, l’ha abbandonato. Secondo una fonte nel METI, il Ministero dell’Economia, Commercio e Industria nipponico che ha parlato a ‘Nikkei’: “La posizione del Giappone sui suoi interessi a Sakhalin è totalmente differente da quella dell’Europa e degli Usa”. Il timore di Tokyo, sostanzialmente, è che “un frettoloso ritiro sia pericoloso” e “benefici Russia e Cina”. È così oppure ci sono anche altri motivi? Il Giappone può fare facilmente a meno del gas russo?

Un ritiro frettoloso è ovviamente finanziariamente “pericoloso” per le aziende coinvolte. I progetti Sakhalin-1 e Sakhalin-2 sono in fase di sviluppo da decenni e la quantità di denaro investita è enorme. La possibilità che la Cina intervenga per sostituire le società giapponesi è una preoccupazione per il Giappone nella misura in cui rafforza solo le già forti relazioni Cina-Russia, anche se, a quel punto, la questione chiave per il Giappone è la perdita di denaro e la fine di la fonte per il petrolio e il gas; da quel punto di vista, se i progetti si interrompono o se la Cina interviene per sostituire il Giappone è irrilevante poiché la questione chiave è che il Giappone non è più in grado di importare energia. Un altro fattore significativo per il Giappone è il coinvolgimento di società indiane e coreane. L’India è un partner di sicurezza sempre più importante per il Giappone attraverso il Quad e bilateralmente, e la Corea del Sud ha un nuovo presidente che dovrebbe essere più amichevole con il Giappone. Pertanto, il Giappone dovrà coordinarsi con entrambi i Paesi. È anche possibile che il Giappone speri che, anche se i progetti vengono sospesi, non vengono chiusi, in modo che se c’è un cessate il fuoco o anche un accordo di pace, il progetto possa riprendere. Pertanto, il Giappone è riluttante a uscire dai progetti.

Cosa rischia, dal punto di vista economico, il Giappone a causa di questa guerra? Inflazione? Recessione?

Il Giappone affronta lo stesso rischio di inflazione e recessione di altri paesi del mondo e, poiché il Giappone importa la sua energia, è particolarmente sensibile all’aumento dei prezzi dell’energia a livello mondiale. Inoltre, il Giappone deve affrontare la pressione economica di dover aumentare drasticamente la sua spesa per la difesa; sembra che Kishida e l’LDP si impegnino a farlo comunque, anche se in caso contrario, ci saranno pressioni da parte degli Stati Uniti affinché il Giappone lo faccia.

Tuttavia, sulla risposta di Tokyo, il 61% dei giapponesi vorrebbe l’inasprimento delle sanzioni contro Mosca. Come? Allargando le sanzioni all’energia?

È facile per un sondaggista ottenere dal pubblico una risposta del tipo “Più sanzioni alla Russia”. Le domande raramente pongono all’intervistato il dolore economico che potrebbe derivare da tali sanzioni. Nel caso del Giappone, non è tanto una perdita di esportazioni o l’assenza di manufatti importati, beni di lusso, ecc. (poiché il Giappone importa poche di queste cose dalla Russia). Invece, il problema è l’aumento globale dei prezzi dell’energia e la decisione del Giappone di collaborare alle sanzioni sulle esportazioni di energia dalla Russia (a differenza della decisione dell’India di continuare ad acquistare dalla Russia e ora può farlo con uno sconto). È più probabile che il Giappone continuerà a identificare i prodotti di cui vietare l’importazione o l’esportazione e ad ampliare l’elenco delle persone sanzionate. Ciò mostra al pubblico e ai paesi occidentali che il Giappone sta facendo qualcosa, anche se l’effetto pratico di tali azioni è limitato.

I costi economici che la guerra in Ucraina sta imponendo alle principali economie del mondo, anche a causa delle sanzioni alla Russia, non spaventano i cittadini giapponesi?

I giapponesi sono abituati alle sfide economiche dato il lungo periodo di crescita lenta dalla fine del “boom” anni trenta anni fa. Diversi primi ministri hanno cercato di cambiare questa situazione attraverso modifiche al sistema fiscale e programmi di spesa, ma di solito con scarso successo. L’invecchiamento della popolazione è un altro fattore significativo che rallenta la crescita economica e di cui i giapponesi sono molto consapevoli. Pertanto, sebbene l’aumento dei prezzi dell’energia spaventi i giapponesi proprio come spaventa le persone in tutto il mondo, è improbabile che altre sanzioni imposte dal Giappone alla Russia spaventino molto i giapponesi.

Dal punto di vista politico, la Russia ha risposto in modo netto, pochi giorni fa, attraverso il Ministro degli Esteri, Sergei Lavrov il quale ha dichiarato che “per la Russia non ci sono le condizioni per portare avanti con un Paese che mostra tanta ostilità nei nostri confronti il dialogo sul trattato di pace”che porrebbe fine alla Seconda guerra mondiale tra le potenze. Sono 76 anni che i due Paesi sono formalmente in conflitto, da quell’8 agosto 1945, tra la bomba atomica di Hiroshima e quella di Nagasaki, quando l’Unione Sovietica dichiarò guerra al Giappone dell’imperatore Hirohito e, secondo Tokyo, si impossessò illegalmente, dopo la resa giapponese, di quattro isole – Kunashiri, Etorofu, Shikotan e delle isole di Habomai – le cosiddette Isole Curili, di cui Mosca rivendica la legittimità dell’operazione. Ci puoi raccontare la storia di questa contesa e i vari trattati firmati nel corso del tempo? E perché non sono riusciti a compiere passi avanti definitivi su questa disputa?

Le Isole Curili sono una catena di circa 56 isole che si estendono per 1.300 km dall’estremità della penisola russa di Kamchatka alla punta dell’Hokkaido giapponese. Vari trattati nel 19° e nella prima metà del 20° secolo si occupavano della sovranità delle isole e generalmente le cedevano al Giappone. Le dichiarazioni fatte dagli alleati della seconda guerra mondiale e il Trattato di San Francisco tra il Giappone e gli alleati (che l’Unione Sovietica non ha firmato) hanno costretto il Giappone a richiedere al Giappone di rinunciare alla sovranità sui suoi Territori del Nord, ma per ragioni storiche e di altro tipo c’è un disputa sul fatto che quattro isole – Iturup, Kunashir, Shikotan e Habomai (tutte occupate dall’Unione Sovietica alla fine della seconda guerra mondiale) – facciano parte delle “Isole Curili” su cui il Giappone avrebbe dovuto rinunciare alla sovranità. Un’altra “stranezza” del Trattato di San Francisco è che richiedeva al Giappone di rinunciare alla sovranità ma non la sovranità statale apparteneva all’Unione Sovietica; in ogni caso, l’Unione Sovietica non ha firmato il Trattato di San Francisco. Nel 1956, il Giappone e l’Unione Sovietica firmarono una Dichiarazione Congiunta per porre fine allo stato di guerra tra di loro (sebbene non fosse un trattato di pace definitivo). La dichiarazione prevedeva il ritorno di due delle isole al Giappone. Successivamente, sorsero disaccordi sul fatto che il ritorno di due isole avrebbe posto fine alle discussioni sulla demarcazione territoriale (la posizione sovietica e poi russa) o se ci fossero ancora ulteriori discussioni su dove sarebbe stato il confine marittimo e possibilmente sul successivo trasferimento del altre due isole (posizione del Giappone). Inoltre, gli Stati Uniti temevano che il Giappone cedesse formalmente la sovranità all’Unione Sovietica su due delle isole. Questo è sostanzialmente il punto in cui le posizioni dei due Paesi rimangono oggi. I tentativi di Abe Shinzo di raggiungere un accordo con Putin essendo amico di Putin non hanno avuto successo e la Russia ha consentito solo visite o investimenti giapponesi limitati nella regione. Con la guerra in Ucraina, le probabilità di una risoluzione sono scarse e non dobbiamo sottovalutare l’importanza di ciò che questo significa per l’orgoglio nazionale russo, poiché le Isole Curili sono viste come “bottino di guerra” che la Russia merita per il suo ruolo sconfiggendo il Giappone nella seconda guerra mondiale anche se l’Unione Sovietica ha dichiarato guerra al Giappone solo nell’agosto 1945, o in alternativa, la Russia lo considera bottino di guerra che la Russia merita a causa di ciò che ha sofferto per mano della Germania nazista, alleata del Giappone.

Il 9 marzo, la Russia ha introdotto un’esenzione dall’imposta sulle società per incoraggiare le società russe a investire in queste isole, rompendo con un accordo bilaterale con il quale si impegnava a mantenere lo status quo. Perché? Cosa vuole fare Mosca?

La Russia vuole consolidare il suo controllo sulle isole e un modo per farlo è espandere le attività commerciali delle società russe e/o il numero di russi che vivono lì. Dovremmo anche aspettarci che la Russia espanda la sua presenza militare lì e che Putin faccia una visita non appena gli sarà conveniente farlo durante la guerra in Ucraina e il COVID-19.

Ai primi di febbraio c’erano state delle esercitazioni russe, più recentemente quelle giapponesi. Taro Kono, ministro per le riforme ma già energico ministro della difesa, ha poi denunciato lo sconfinamento di un elicottero russo nello spazio aereo nazionale. Pochi giorni fa, una flotta russa di 10 navi ha attraversato il Tsugaru Strait. Cosa comporta per il futuro delle relazioni bilaterali l’interruzione del dialogo tra Tokyo e Mosca sul trattato di Pace? È possibile che le tensioni degenerino in un conflitto militare tra i due Paesi, magari per un incidente nei pressi delle isole contese?

Come nel Mar Cinese Meridionale, un aumento dell’attività militare aumenta la possibilità di incidenti che possono sfociare in conflitti. I negoziati sul trattato sono andati avanti per decenni senza soluzione, quindi la conclusione non è di per sé il motore di un deterioramento delle relazioni bilaterali. La causa principale del peggioramento delle relazioni bilaterali è l’imposizione da parte del Giappone di sanzioni e la critica del Giappone all’invasione russa dell’Ucraina. Tuttavia, nella misura in cui la Russia ha le risorse militari per farlo, ora sono probabili esercitazioni e azioni provocatorie nel suo Estremo Oriente e nei Territori del Nord / Isole Curili, o più al largo e vicino alle Isole Aleutine statunitensi. Il risultato sarà una maggiore spesa ed esercitazioni militari giapponesi, spesso in collaborazione con gli Stati Uniti e forse la Corea del Sud. Ciò renderà le Isole Curili ancora una disputa nelle pericolose controversie nella regione, oltre alla disputa di Senkakus tra Cina e Giappone, alle minacce della Cina di invadere Taiwan e alle controversie sulla sovranità nel Mar Cinese Meridionale.

“L’ambiente della sicurezza attorno al nostro Paese sta diventando notevolmente più problematico”, ha affermato il Premier giapponese. Tuttavia, per qualsiasi questione relativa alla guerra, il Giappone deve fare i conti con l’articolo numero 9 della sua costituzione. Quello che, dal 1947 in poi, ha vietato a Tokyo di possedere “forze di terra, del mare e dell’aria” e lo ha costretto a rinunciare “per sempre alla guerra” e alla “minaccia o all’uso della forza” come mezzo per risolvere le controversie internazionali. Al momento, il Giappone può contare su militari definiti “di supporto” (o forze di autodifesa), che può utilizzare soltanto in operazioni umanitarie coadiuvate dall’Organizzazione delle Nazioni Unite, in risposta esclusiva a disastri naturali, oppure per offrire assistenza e aiuti umanitari in aree di crisi. Il governo Kishida sta effettivamente pensando ad una riforma costituzionale oppure si limiterà ad una revisione delle linee guida della difesa a lungo termine, contenute nella Strategia di sicurezza nazionale, e di due altri documenti chiave della difesa? Quali sarebbero i tempi e l’iter costituzionale necessari?

È difficile essere ottimisti sulla riforma costituzionale sotto Kishida. È vero che ha la maggioranza in entrambe le camere della Dieta giapponese, o parlamento, e l’opposizione è molto debole. Il tasso di approvazione di Kishida è aumentato a causa del suo desiderio di aderire alla risposta dei paesi occidentali alla guerra in Ucraina. Tuttavia, gli manca il carisma di Shinzo Abr, e senza quello, è difficile vedere come possa persuadere personalmente il pubblico a votare su qualcosa di così controverso come l’articolo 9. Ai sensi dell’articolo 96 della Costituzione, gli emendamenti richiedono l’approvazione di due terzi o più di ciascuna Camera del parlamento giapponese e quindi devono essere sottoposti agli elettori per la ratifica a maggioranza. La costituzione non è stata modificata dalla sua attuazione nel 1947, nonostante le lunghe discussioni sulla revisione dell’articolo 9.

Molti paragonano il Giappone al ‘riarmo’ della Germania che ha deciso di stanziare oltre 100 miliardi in difesa. C’è veramente un’analogia? Anche per il Giappone si può parlare di ‘riarmo’?

Non è corretto descrivere il Giappone come un ‘riarmo’, perché in realtà il Giappone ha già uno degli eserciti più forti al mondo. A volte ce ne dimentichiamo, soprattutto a causa della natura del trattamento della Corea del Nord (come missili o possibilmente armi nucleari) e delle dimensioni delle forze aeree, marittime e terrestri cinesi che, in confronto, potrebbero ancora far sembrare debole il Giappone. Di solito i problemi con l’esercito giapponese non sono le sue capacità, ma invece, la fidelizzazione dei talenti (e la retribuzione/benefici) e l’interoperabilità con partner come i Paesi Quad, sebbene esercitazioni più frequenti stiano cercando di cambiarlo. Inoltre, c’è l’ovvia domanda sull’esercito giapponese, che è la mancanza di recente esperienza di combattimento.

Cosa pensano i diversi partiti giapponesi e  cosa ne pensano i cittadini giapponesi dell’ipotesi di un ‘riarmo’?

Nel tempo il sostegno pubblico e politico cresce soprattutto tra la minaccia in corso dalla Corea del Nord, la minaccia in rapida crescita dalla Cina e ora la nuova minaccia dalla Russia. Il problema però rimane che i giapponesi potrebbero ancora vedere la difesa come guidata dal principio di “autodifesa” dalla costituzione e dalle sue interpretazioni, e che la difesa collettiva o il combattimento al di fuori delle isole di origine del Giappone o di Okinawa non è costituzionale.

La comunità di esperti della difesa e delle relazioni internazionali del Giappone è favorevole all’acquisizione di sistemi d’arma in grado di colpire basi e infrastrutture militari nel territorio di Paesi ostili per neutralizzare minacce alla sicurezza nazionale. Di che tipo di armi si parla? E quanto grande sarebbe il budget?

Come ha affermato l’ex primo ministro Abe Shinzo nel settembre 2020 poco prima di dimettersi, “c’è da chiedersi se sia possibile proteggere e difendere le vite e i mezzi di sussistenza pacifici del popolo giapponese solo migliorando la nostra capacità di intercettazione”. In altre parole, la capacità di colpire per primi e neutralizzare le minacce è qualcosa che ha sostenuto. Tuttavia, questa questione rimane oggetto di molto dibattito all’interno del Partito Liberal Democratico e, in particolare, se il Giappone dovrebbe permettersi di colpire per primo o solo contrattaccare dopo che il Giappone è stato attaccato. Nel 2017 il Giappone ha annunciato l’intenzione di acquistare due sistemi missilistici Aegis Ashore da aggiungere ai suoi missili lanciati da cacciatorpediniere equipaggiati con Aegis e missili Patriot Advanced Capability-3. Le due unità avevano un costo stimato di 4,2 miliardi di dollari in tre decenni, avrebbero dovuto coprire tutto il Giappone da una stazione nel sud del Giappone e un’altra nel nord del Giappone. Tuttavia, nel giugno 2020 il Giappone ha annullato il contratto, sebbene ciò mostri la quantità di denaro che il Giappone è disposto a spendere per la difesa missilistica.

“La probabilità che la Russia utilizzi armi nucleari sta diventando più reale”, ha dichiarato una settimana fa il premier giapponese Fumio Kishidanel corso di una visita a Hiroshima con l’ambasciatore Usa in Giappone Rahm Emanuel. Il primo ministro attuale, Kishida, proviene da una famiglia che ha le sue radici a Hiroshima ed è sempre stato impegnato in favore del disarmo, a differenza Shinzō Abe, esponente di rilievo del partito liberaldemocratico ed ex primo ministro dimessosi nel 2020, che, insieme ad alcuni leader della fazione Ishin no Kai, ha rilanciato la proposta per cui anche il Giappone si debba munire di armi atomiche entrando in un’associazione come la NATO, nella quale poter condividere gli armamenti americani come deterrente. Tale proposta va contro quanto affermato dalla costituzione pacifista e contraria all’uso del nucleare per scopi militari. Questa guerra in Ucraina potrebbe far cambiare idea al Giappone sulle armi nucleari? Cosa ne pensano i cittadini giapponesi e, sopratutto, i vari partiti politici di un arsenale nucleare giapponese?

Nonostante la guerra in Ucraina e le minacce dalla Russia, c’è poco sostegno tra il pubblico giapponese affinché il Giappone abbia armi nucleari, e anche molti esperti negli Stati Uniti mettono in guardia contro questo, sebbene nel tempo il sostegno negli Stati Uniti affinché il Giappone disponga di armi nucleari è probabile che le armi crescano nella misura in cui la Cina aumenterà le proprie capacità militari, e in particolare le armi nucleari.

Alcuni osservatori affermano che, anche in questi giorni, come già avvenuto in altre crisi degli ultimi anni, i giapponesi si stanno chiedendo se gli americani interverranno veramente in caso di attacco cinese. Tokyo, che ha controversie territoriali con la Russia, potrebbe intanto rivalutare e rafforzare ulteriormente la propria sicurezza nel quadro del Trattato bilaterale sulla sicurezza Giappone-Stati Uniti. La crisi ucraina spingerà effettivamente Tokyo a rafforzare l’alleanza con gli Stati Uniti in ottica anti-russa, ma anche anti-cinese? Oppure un eventuale ‘riarmo’ giapponese potrebbe ostacolare il rafforzamento dell’alleanza tra USA e Giappone?

Gli Stati Uniti sono obbligati in base a un trattato a venire in aiuto del Giappone se il Giappone viene attaccato, quindi i giapponesi non dovrebbero chiedersi se ci sarà davvero tale assistenza. La presenza in Giappone di oltre 50.000 soldati statunitensi dovrebbe anche dare conforto al Giappone sull’impegno degli Stati Uniti. Questo è molto diverso da Taiwan, con la quale gli Stati Uniti non hanno un trattato di difesa. Inoltre, il 25 marzo 2022, il parlamento giapponese ha approvato un nuovo accordo quinquennale da 8,6 miliardi di dollari con gli Stati Uniti per ospitare le truppe americane. Le minacce di Cina e Corea del Nord erano già sufficienti per rafforzare l’alleanza USA-Giappone. Aggiungi il Quad e altri esercizi congiunti e questa relazione si stava già rafforzando in modo significativo negli ultimi anni. L’invasione russa dell’Ucraina non farà altro che rafforzarla ulteriormente. In generale, il governo e l’esercito degli Stati Uniti accolgono con favore maggiori investimenti giapponesi nella sua difesa e nel rendere le forze di autodifesa più attraenti come opzione di carriera per i giovani giapponesi. Pertanto, dal punto di vista degli Stati Uniti, a parte le armi nucleari, gli Stati Uniti non sono preoccupati per il “riarmo” giapponese.

La crisi ucraina rafforza il QUAD? E nei prossimi mesi, il Giappone potrebbe spingere a trasformare il QUAD in una NATO asiatica, anche per poter condividere il deterrente nucleare americano? Peraltro, recentemente, il Giappone ha partecipato alla riunione dei ministri degli Esteri della NATO.

Il problema con la crisi ucraina che rafforza il Quad è la riluttanza dell’India per ora ad aderire alle severe sanzioni imposte da altri paesi alla Russia. Inoltre, l’India si è astenuta dal votare per condannare la Russia alle Nazioni Unite e l’India continua a importare energia dalla Russia. Se il Quad si rafforzerà a breve termine, sarà grazie all’interesse condiviso dei membri nel rispondere alla crescente forza militare della Cina nell’Asia nord-orientale, nel Mar Cinese Meridionale e nell’Oceano Indiano.

Isole contese sono anche le Dokdo/Takeshima, al centro della disputa tra Giappone e Corea del Sud che, peraltro, da poche settimane, ha un nuovo Presidente, il conservatore Yoon Suk-yeol. Quali conseguenze avrà la guerra in Ucraina e la nuova postura più assertiva di Tokyo nelle sue relazioni con Seoul?

C’è molto ottimismo sul fatto che il nuovo presidente sudcoreano Yoon migliorerà le relazioni con il Giappone. Anche se Dokdo / Takeshima è una questione di disaccordo (insieme a questioni storiche come l’occupazione giapponese della Corea e le “donne di conforto”), la storia recente indica che i presidenti conservatori sudcoreani e i primi ministri giapponesi conservatori vanno d’accordo meglio di quando la Corea del Sud ha un presidente più progressista. La tensione su questo problema è probabilmente ridotta dalla realtà che la Corea e non il Giappone detiene le isole. In altre parole, se le isole fossero state detenute dal Giappone, un governo coreano progressista (come il presidente uscente Moon Jae-in) avrebbe reso questa questione un fastidio significativo nelle relazioni bilaterali.

Se il Giappone si riarma, il QUAD così come la presenza degli Stati Uniti si rafforzano e la Russia si indebolisce, chi ha davvero da perdere dalla guerra in Ucraina è la Cina, sia dal punto di vista economico sia da quello militare regionale, considerate anche le sue mire su Taiwan. Condivide questa analisi?

È molto comune dopo che la Russia ha invaso l’Ucraina per fare confronti tra Ucraina e Taiwan. Molti giornalisti e studiosi hanno fatto simili paragoni. Per ragioni proprie, Cina e Taiwan hanno minimizzato questi confronti. La Cina sostiene che la questione di Taiwan è una questione interna (mentre Russia e Ucraina sono due paesi in guerra) e Taiwan sostiene che le sue capacità di difesa significano che l’invasore non può occupare rapidamente parti del territorio. In ogni caso, sono molto cauto nel fare confronti specifici per quanto riguarda gli aspetti militari, tuttavia, vale sicuramente il confronto concettuale (un paese grande che minaccia un vicino più piccolo). La Cina ha sicuramente molto da perdere dall’invasione russa. Ciò include l’interruzione delle catene di approvvigionamento, l’interruzione del trasporto marittimo (in particolare la rete ferroviaria tra la Cina e l’Europa attraverso l’Asia centrale e la Russia, che stava diventando sempre più popolare come alternativa al trasporto marittimo e poiché i costi sono diminuiti nel tempo), l’inflazione e una recessione in alcuni paesi. Contro gli interessi della Cina sono anche il rafforzamento delle alleanze tra i paesi occidentali (e Australia e Giappone) e il rafforzamento delle relazioni dei paesi con Taiwan.

Considerato il ‘riarmo’ giapponese, le nuove tensioni con la Russia e i rapporti che Mosca ha con Pechino, quale impatto avrà la guerra in Ucraina sulle relazioni tra il Giappone e la Cina, segnate da tensioni storiche, ma anche sul possesso delle isole Senkaku-Diaoyu (sotto autorità giapponese ma rivendicate dalla Cina) e sul futuro status di Taiwan?

Anche prima dell’invasione russa dell’Ucraina, Kishida ha dovuto bilanciare le crescenti tensioni politiche con la Cina con il desiderio della comunità imprenditoriale di fare soldi in Cina. Almeno negli ultimi anni, i politici e i funzionari della difesa in Giappone non hanno più ceduto alle decisioni dei leader aziendali su quali saranno le politiche cinesi del Giappone. A breve termine, lavorando con Stati Uniti, Australia, India, Unione Europea e, in misura minore, Taiwan, è probabile che le relazioni Cina-Giappone peggioreranno. Se gli Stati Uniti sanzionano le società cinesi che fanno affari con la Russia, probabilmente seguirà il Giappone, che introdurrà la guerra in Ucraina più direttamente nelle relazioni Cina-Giappone.

Ancora recentemente, Pyongyang ha lanciato missili nella Zona economica del Giappone. Dopo lo scoppio della guerra in Ucraina, torneranno ad aumentare le ostilità tra Giappone e Corea del Nord?

Kim Jong-un si sente ignorato e, quando si sente ignorato, intraprende azioni per ricordare a Corea del Sud, Giappone e Stati Uniti che è lì, e il rischio di un’arma nucleare nordcoreana è molto reale. È probabile che il nuovo presidente conservatore sudcoreano aumenterà l’intelligence e altre cooperazioni di sicurezza con il Giappone. Ciò significa che Kim e l’esercito nordcoreano percepiranno un nemico congiunto (o un nemico trilaterale con gli Stati Uniti), un cambiamento significativo rispetto alla distensione di cui hanno goduto la Corea del Nord e quella del Sud dal 2018. È probabile che le relazioni tra Giappone e Corea del Nord peggiorino notevolmente .

In generale, secondo Lei, la guerra in Ucraina e le sue conseguenze renderanno più instabile anche l’Indo-Pacifico?

L’Indo-Pacifico era già sempre più instabile e la guerra in Ucraina farà aumentare le spese per la difesa, condurre più esercitazioni e forse anche aumentare la retorica. Sebbene ciò non renda inevitabile il conflitto militare, significa che le tensioni aumenteranno.

Il Giappone ha deciso di inviare alcuni carichi di gas naturale liquefatto (gnl) verso l’Europa “in segno di solidarietà”. Perché? Sta provando a rafforzare i suoi rapporti con l’Europa?

Questa è la buona volontà che il Giappone costruisce nell’Unione Europea su cui il Giappone può raccogliere in futuro su una serie di questioni. Gli esempi potrebbero includere controversie commerciali, l’uso da parte del Giappone della pena di morte o l’approvazione del Giappone per la caccia alle balene.

Secondo un recente sondaggio Nikkei, il 90% degli intervistati ha affermato di essere d’accordo con la decisione del governo di accettare i rifugiati dall’Ucraina, il che è un passo insolito per il Giappone. Tokyo ha reso nota la disponibilità ad accogliere i rifugiati che scappano dalla guerra in Ucraina, o comunque riconoscere loro la protezione umanitaria una volta arrivati in Giappone. Nel 2017, però, ha concesso lo status di rifugiato solo a 20 siriani. Quella attuale, allora, è una rivoluzione permanente o un cambiamento momentaneo?

Questo è un cambiamento momentaneo. Molto probabilmente pochissimi ucraini si recheranno fino in Giappone per cercare lo status di rifugiato. Ciò che è più probabile è che alcuni del piccolo numero di ucraini che risiedono in Giappone cercheranno di portare temporaneamente parenti in Giappone durante la guerra. Alla fine, il numero di persone sarà piccolo.

Spesso Tokyo è stata criticata da parte degli alleati (per esempio gli USA guidati da Trump) per l’indisponibilità a prendere maggiori impegni internazionali. Questa volta però il Giappone si sta dimostrando determinato a partecipare agli sforzi della comunità internazionale contro la Russia. Cosa sta cambiando nella politica estera giapponese a causa della guerra in Ucraina? Cosa dobbiamo imparare sul futuro del ruolo internazionale del Giappone?

Il Giappone potrebbe assumere un profilo più alto, ma non è ancora leader. In generale, è un seguace e coopererà con l’iniziativa presa dagli Stati Uniti. Anche se questo è positivo per gli Stati Uniti e per ora anche per il Giappone, dovremmo essere cauti nel valutarlo. I leader giapponesi impiegano molto tempo per cambiare l’opinione pubblica su questi temi e, nel breve termine, i leader politici saranno probabilmente in vantaggio rispetto all’opinione pubblica.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

emanuele.cuda@lindro.it

End Comment -->