Ucraina e Taiwan, NATO Globale: le ambizioni di Tokyo e il delirio di Londra Il Ministro degli Esteri britannico, Liz Truss, fanastica «una NATO globale» che si spinga nel Pacifico; il Primo Ministro giapponese Fumio Kishida vorrebbe aiutare la NATO in Ucraina. Ma se Tokyo e Bruxelles intanto si assumessero la responsabilità della propria difesa?

Qualunque cosa si possa dire sull’approccio del Primo Ministro giapponese Fumio Kishida alla sicurezza del suo Paese in questo momento, è più proattivo di quanto non lo sia stato negli anni.

Kishida, eletto nell’ottobre 2021, ha affermato che potrebbe partecipare al vertice della NATO previsto per fine mese. Non è così sorprendente come sembra.
Il mese scorso,
il Ministro degli Esteri britannico, Liz Truss, ha annunciato la necessità di «una NATO globale» per affrontare la sicurezza indo-pacifica.
Queste sono
affermazioni da stupidi. Il Giappone non è una potenza europea e dovrebbe concentrarsi sulla costruzione delle sue difese contro la Repubblica popolare cinese e la Corea del Nord. Gli europei non dispiegheranno una seria flotta del Pacifico, piuttostodovrebbero concentrarsi sulla creazione di forze armate che agirebbero come qualcosa di più che dossi se la Russia attaccasse.
Tokyo ha spiegato che Kishida sperava di coordinare meglio la politica russa con la NATO. Tuttavia, se Tokyo non ha aiuti militari da offrire, perché preoccuparsi? La cooperazione sulle sanzioni potrebbe essere organizzata per telefono.

Kishida potrebbe sperare di vincere punti con l’Amministrazione Biden. Ma più importante è mantenere la promessa del Partito Liberal Democratico al governo di aumentare le spese militari, che richiede la creazione di un sostegno politico interno per un ruolo più attivo nella difesa delle acque dell’Asia orientale e del Pacifico. La Cina e, in misura minore, la Repubblica Democratica Popolare di Corea, non la Russia,dovrebbero essere la principale preoccupazione di Tokyo.
In una certa misura, Kishida lo ha implicitamente
riconosciuto nelle sue osservazioni allo Shangri-La Dialogue a Singapore, venerdì. Senza menzionare la NATO, il Presidente giapponese ha detto che prevede di lanciare un nuovopiano per la pacenell’indo-pacifico libero e aperto, entro la prossima primavera, che si concentrerà sul rafforzamento delle difese nella regione, comprese le capacità di attacco preventivo. Tokyo fornirà anche aiuti allo sviluppo, motovedette, forze dell’ordine marittime e altra assistenza ai Paesi del sud-est asiatico e del Pacifico -dove la Cina sta tentando di aumentare la sua influenza- per aiutarli a proteggersi meglio, secondo l’Associated Press . «L’Ucraina oggi potrebbe essere l’Asia orientale domani», ha avvertito Kishida nel suo discorso programmatico.

Questo è importante perché mentre negli ultimi anni Pechino ha intrapreso un rafforzamento militare sostenuto, gli Stati amici non sono riusciti a fare altrettanto.
Taipei è la più vulnerabile e quindi colpevole, non riuscendo «a garantire che Taiwan possa sfruttare la sua geografia, tecnologia avanzata, forza lavoro e popolazione patriottica per incanalare i vantaggi intrinseci di Taiwan necessari per una difesa resiliente».

La Corea del Sud deve affrontare sfide di difesa significative ma, nonostante il suo schiacciante vantaggio economico sul Nord, continua a fare affidamento sugli Stati Uniti per il supporto militare.
Il
Giappone è l’alleato americano più ricco e potrebbe fare di più. Durante la Guerra Fredda, Tokyo affrontò l’Unione Sovietica, che occupava il territorio giapponese, la RPC, un manicomio nazionale sotto Mao Zedong, e la Corea del Nord, responsabile della caduta in guerra della penisola coreana. Eppure il Giappone ha limitato rigidamente le sue spese militari all’uno per cento del PIL, contando sugli Stati Uniti per garantire la sua sicurezza. Nulla è cambiato anche quando il Presidente cinese e segretario generale del Partito Comunista, Xi Jinping, ha avviato la brutale repressione in patria e quella truculenta all’estero. Immaginate la differenza nell’equilibrio di potere regionale se Tokyo avesse dedicato dal due al tre per cento del PIL all’anno alla difesa negli ultimi dieci o due anni.

Kishida e il suo Partito Liberal Democratico stanno facendo pressioni sul governo per aumentare le spese militari dall’uno al due per cento del PIL. Seguire questa semplice raccomandazione sarebbe un notevole passo avanti. Tokyo può fare di più -assumersi insomma la responsabilità della propria difesa-, e sarebbe molto più importante che assumere una posa ostentata contro Mosca.

Le ambizioni di Truss nel Pacifico sono fuorvianti. I membri europei della NATO sono stati ancora più inetti di Tokyo. Durante la Guerra Fredda e oltre, gli europei hanno investito poco nella difesa, certi che Washington li avrebbe salvati.
Diciannove membri della NATO
dedicano meno del due per cento del PIL alla difesa. Solo Gran Bretagna e Francia mantengono forze armate ragionevolmente serie, più per interventi postcoloniali che per difesa dell’Europa. Gli sforzi della Germania, che hanno portato a livelli minimi di prontezza per la Bundeswehr, sono pietosi. Ora gli europei si proclamano scioccati, scioccati dal fatto che Mosca abbia attaccato il suo vicino.
Con la Russia e l’Ucraina impegnate nel più grande conflitto d’Europa dalla conclusione della seconda guerra mondiale,
il continente è pieno di mea culpa militari. Gli europei, che hanno trascorso decenni a buon mercato cavalcando gli Stati Uniti, dichiarano la loro determinazione a iniziare a trattare seriamente la difesa. Tuttavia, non vi è alcuna garanzia che l’imbarazzato impegno di oggi a spendere di più sopravviverà alla pace tra Russia e Ucraina.

I governi a lungo riluttanti a difendersi dalla vicina Russia sarebbero pronti a lanciare operazioni offensive dall’altra parte del mondo contro la Cina, con la quale hanno proficui legami economici? Molti europei hanno affermato di non essere disposti a combattere per i loro vicini e hanno dimostrato di non avere alcun interesse a farlo per l’Ucraina.

Anche se i politici europei iniziano a cantare interpretazioni aggiornate di ‘We are the World’, chi immagina un accumulo navale di massa, l’unico mezzo efficace degli europei per raggiungere militarmente la RPC? La maggior parte dei membri della NATO preferisce le navi da crociera alle navi da guerra.

L’interesse di Tokyo a guardare a est e la NATO a ovest riflette il duplice desiderio di diventare un Weltmacht e soddisfare una Washington sempre più infelice. Tuttavia, queste proposte avrebbero per lo più un effetto simbolico, riducendo al contempo gli sforzi militari più seri nelle rispettive regioni.

Il modo migliore per Tokyo e Bruxelles di aiutare l’America sarebbe seguire gli obiettivi dichiarati da Kishida nel Dialogo Shangri-La, e assumersi la responsabilità della propria difesa. Una volta eliminata la necessità di rivolgersi agli Stati Uniti, potrebbero espandere i loro sforzi in tutto il mondo.

Le ambizioni navali cinesi sono cresciute insieme alla potenza cinese. Pechino rivendica come suo territorio le isole Paracel, Spratly e Senkaku (Xisha, Nansha Qundao e Diaoyu in Cina), insieme alle acque circostanti. Ancora più importante, la RPC considera Taiwan parte della Cina ed è disposta a forzare la riunificazione. Sebbene Pechino finora non abbia mostrato alcun interesse a conquistare gli Stati vicini, soprattutto Giappone e Filippine, la possibilità aumenta insieme alla potenza economica e militare della Cina.
Tokyo dovrebbe concentrarsi sul Pacifico. Il Giappone dovrebbe rafforzare le sue capacità aeree e navali per scoraggiare l’azione militare contro la sua patria e possedimenti più lontani, come i Senkaku. Inoltre, se è seriamente intenzionato ad aiutare Taipei in caso di attacco della RPC -Kishida e altri funzionari giapponesi stanno suonando più da falco sulla questione in questi giorni-, Tokyo deve sviluppare sia una resilienza difensiva, poiché le sue basi diventerebbero obiettivi militari, sia una capacità offensiva.
Ciò lascerebbe poco spazio per considerare il coinvolgimento nelle contingenze europee. Inoltre, sarebbe molto più difficile convincere una popolazione da tempo riluttante a impegnarsi in operazioni militari locali per affrontare la Russia sull’Europa. Almeno la Cina rappresenta una minaccia potenzialmente esistenziale per il Giappone. L’Estremo Oriente interessa solo in modo limitato a Mosca, e sarebbe l’ultimo sito per le operazioni militari.

Per il Regno Unito e la NATO la situazione è opposta.Truss, che si pensa abbia l’ambizione di sostituire Boris Johnson come leader conservatore e britannico, ha riecheggiato Winston Churchill nell’affrontare la Russia: «La guerra in Ucraina è la nostra guerra -è la guerra di tutti perché la vittoria dell’Ucraina è un imperativo strategico per tutti noi. Armi pesanti, carri armati, aeroplani: scavando in profondità nei nostri inventari, aumentando la produzione. Dobbiamo fare tutto questo». I suoi obiettivi sono «spingere la Russia fuori dall’intera Ucraina», rafforzare «il fianco orientale» e «sostenere Stati cruciali come la Polonia».
Convincere il resto della NATO ad accettare non sarà facile. Se concordata, questa agenda richiederebbe molti soldi, un impegno politico straordinario e anni di sforzi.
Gli europei dovrebbero concentrarsi sulla sicurezza del loro continente, prima di fare piani per pattugliare il Pacifico e affrontare la RPC. Se si prendessero semplicemente cura dell’Europa, permetterebbero a Washington di fare ciò di cui ogni presidente dopo Barack Obama ha parlato di fare, ovvero concentrarsi sull’Asia-Pacifico.

Non c’è niente di sbagliato nel fatto che i governi giapponese ed europeo cerchino di espandere la loro portata. Tuttavia, dovrebbero iniziare a migliorare la sicurezza a casa. Invece di rivolgersi sempre agli Stati Uniti, dovrebbero sollevare Washington dalla responsabilità di mantenere un sussidio di difesa permanente per i ricchi Stati industrializzati. Una volta fatto, potrebbero iniziare a pensare di attraversare il globo e proteggere popoli lontani.