martedì, Maggio 17

Ucraina: e la Germania del ‘mai più’? ‘Mai più’ non significa solo parlare contro le svastiche. Significa combattere con tutte le forze contro i crimini di guerra. Non esiste un modo semplice per sconfiggere il male e porre fine alle atrocità che si verificano in Ucraina senza un certo grado di rischio e sacrificio

0

Sei mesi fa, al Babyn Yar Holocaust Memorial Center di Kiev, abbiamo commemorato gli 80 anni dalla fucilazione di massa degli ebrei ucraini da parte dei soldati tedeschi. Ho avuto l’onore di parlare dopo tre capi di stato tra cui il Presidente della Germania.

Il Presidente Frank-Walter Steinmeier, che rispetto molto per il suo impegno nei confronti dei valori europei, ha citato le lezioni che la Germania aveva imparato dal suo passato nazista. “Noi tedeschi sappiamo della nostra responsabilità. È una responsabilità che non finisce”, ha commentato.

Il Presidente federale ha parlato di diritto internazionale e dignità umana, libertà individuali e un’Europa pacifica e sicura. “Questa base dobbiamo proteggere. Anche questo fa parte della nostra responsabilità legata alla nostra storia”, ha affermato. “Se i demoni malvagi del passato si mostrano oggi in abiti nuovi, allora per noi tedeschi la risposta può essere una sola: Mai più! La lotta deve continuare”.

Sfortunatamente, la Germania che vedo oggi non è il Paese del ‘mai più’.

La Russia ha attaccato un vicino pacifico. Bombarda e uccide migliaia di civili. Affama gli abitanti delle città bloccate e li lascia morire di malattie. Le truppe russe commettono esecuzioni di massa di ucraini che ricordano visivamente le uccisioni di Babyn Yar. Per quasi due mesi, i tedeschi hanno assistito allo svolgersi di questo incubo al telegiornale in tempo reale.

Sì, la Germania applica sanzioni fornendo aiuti umanitari e anche armi, cosa inimmaginabile fino a non molto tempo fa. Ma oggi, sei mesi dopo la potente e fiduciosa dichiarazione del Presidente Steinmeier del ‘Mai più’, è la Germania che ora blocca l’attuazione delle sanzioni per escludere le banche russe dal sistema di pagamento SWIFT. È la Germania che non vuole introdurre un embargo immediato su petrolio, carbone e gas russi perché l’economia tedesca ne risentirà. La Germania sta anche prendendo tempo per la consegna di armi pesanti di cui l’Ucraina ha un disperato bisogno.

Capisco che per essere in grado di fare la cosa giusta domani, la Germania deve rimanere economicamente forte. Sono un realista. Ma ‘Mai più’ significa non solo parlare contro le svastiche. Significa combattere con tutte le tue forze contro le uccisioni di massa, i crimini di guerra e il genocidio. Credo che la Germania debba fare tutto il possibile ed essere pronta a correre dei rischi. Non esiste un modo semplice per sconfiggere il male e porre fine alle atrocità che si verificano in Ucraina senza un certo grado di rischio e sacrificio.

Ha lasciato che il male diventasse troppo forte. Ha fatto un sacco di soldi lungo la strada, anche se in buona fede. Tuttavia, per la sua storia e per i suoi recenti guadagni, penso che sia giusto che Berlino si faccia avanti e riconosca che questa buona fede è stata un grave errore che sta costando vite umane. Con questo riconoscimento deriva una responsabilità speciale.

Cosa bisogna aspettare? Attacchi con armi chimiche in un paese a 700 km dalla Germania? Altre decine di migliaia di civili ucraini uccisi dai bombardamenti di artiglieria? L’uso delle armi nucleari? Mentre (tu Germania) elabori ciò che è necessario prima di impegnarti davvero, vorrei dare alcuni suggerimenti per futuri discorsi di alti politici tedeschi.

Invece di dire: “Ci può essere una sola risposta per noi tedeschi: mai più”, dovresti dire: “Ci può essere solo una risposta per noi tedeschi: speriamo che non accada di nuovo. E se succede qualcosa, discuteremo sicuramente su come aiutare, se possiamo farlo senza perdere troppo noi stessi”.

I tedeschi hanno svolto un lavoro unico nel riconoscere gli orribili crimini del loro passato. Quello che non vedo sono i tedeschi che riconoscono la verità del presente.

So bene che la mia reazione è emotiva perché sono un ebreo ucraino e credevo nella nuova Germania. Sono anche consapevole del fatto che non posso presentare il modo perfetto per andare avanti. Tuttavia, permettetemi di descrivere la verità sulla Germania di oggi come la vedo io.

All’epoca, i tedeschi erano i carnefici. I tedeschi hanno commesso l’Olocausto. Ora, anche i tedeschi hanno la responsabilità. (Tu Germania) Stai permettendo che accadano crimini di guerra. Ottant’anni dopo il genocidio nazista in Ucraina, non stai facendo tutto il possibile per impedire che un nuovo genocidio russo abbia luogo in Ucraina. Questo non è ‘Mai più’ e non è abbastanza.

Vi imploro di agire con la necessaria urgenza per fermare la macchina da guerra russa. Per favore, dimostrate che niente è più importante per i tedeschi che difendere la libertà e la vita dall’oppressione e dalla morte. Ricordate al mondo che quando i tedeschi dicono ‘Mai più’, lo fanno sul serio.

 

 

Questo articolo è una versione tradotta in lingua italiana di un articolo in lingua tedesca pubblicato dalla Frankfurter Allgemeine Zeitung il 14 aprile. Una versione in lingua inglese è stata pubblicata anche da Evropaiska Pravda.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

Victor Pinchuk è un uomo d'affari, filantropo, fondatore e membro del consiglio di Yalta European Strategy. È anche membro dell'International Advisory Board dell’Atlantic Council. La Fondazione Victor Pinchuk è un donatore dell’Atlantic Council.

End Comment -->