martedì, Maggio 17

Ucraina: come si indaga sui crimini di guerra Come le squadre forensi indagheranno sulle prove delle atrocità a Bucha. 50 esperti forensi sono al lavoro per verificare e provare se le forze russe hanno commesso crimini di guerra. Questa è la chiave per fornire giustizia dopo un conflitto come la guerra in corso in Ucraina

0

Dopo la denuncia, lo scandalo, l’orrore, a Bucha, a nord-ovest di Kiev, dove sono state trovate prove raccapriccianti che potrebbero indicare crimini di guerra commessi dalle truppe russe durante la loro occupazione dell’area, è iniziato il lavoro degli investigatori forensi.

«Le forze dell’ordine ucraine e gli esperti forensi stanno documentando i crimini di guerra commessi dalle truppe russe a Bucha e Borodianka, nella regione di Kiev», riferiva il 6 aprile l’agenzia stampa nazionale ucraina ‘Ukrinform‘. Precisando che «I pubblici ministeri dell’ufficio del procuratore regionale di Kiev, insieme agli investigatori del dipartimento principale del servizio di sicurezza dell’Ucraina a Kiev e nella regione di Kiev, nonché 50 esperti di istituti di ricerca forense del Ministero della Giustizia dell’Ucraina provenienti da diverse regioni del Paese stanno documentando attivamente i crimini di guerra commessi dalle forze armate russe a Bucha e Borodianka, informano i servizi stampadell’Ufficio del procuratore generale e del servizio di sicurezza dell’Ucraina».

I media internazionali hanno mostrato corpi di civili con le mani legate, apparentemente giustiziati, oltre a prove che le donne sono state violentate prima di essere uccise. Se tutto questo sarà confermato, sarebbe la prova che le forze russe hanno commesso crimini di guerra. Spetterà agli inquirenti stabilirlo.
Chi sono e come lavorano questi inquirenti?

Gli inglesi Nicholas Marquez-Grant, docente senior in Antropologia forense all’Università di Cranfield, e Jamie Pringle, Lettore di Geoscienze Forensi presso l’Università di Keele, spiegano il lavoro che attende questo gruppo di inquirenti.
«
Il lavoro degli archeologi forensi e degli antropologi forensi tende a concentrarsi sulla ricerca e l’identificazione dei corpi delle persone in modo che i resti possano essere restituiti alle loro famiglie e data una sepoltura adeguata. Ma in molti casi c’è anche la domanda su come sia morta la persona. Questa è la chiave per fornire giustizia di transizione dopo un conflitto come la guerra in corso in Ucraina, dove ora c’è una ricerca di prove per dimostrare l’attività criminale da parte delle truppe di occupazione».

«La ricerca di individui scomparsi in tombe nascoste di solito inizia con la ricerca di un’areaprima di qualsiasi lavoro fisico. Ciò può includere la raccolta di testimonianze, l’esame di vecchie mappe e fotografie, l’uso del telerilevamento e della fotografia aerea, nonché l‘esame dei dati digitali disponibili, come le immagini geolocalizzate e datate dai telefoni cellulari. Gli investigatori cercheranno anche eventuali modifiche al paesaggio che potrebbero nascondere una tomba. Una volta identificata un’area sospetta, che può essere in campi, grotte, pozzi, foreste, edifici o nell’acqua, la sfida iniziale è trovare la tomba stessa».
«
La recente scoperta di fosse comuni in Ucraina è stata effettuata utilizzando immagini satellitari di telerilevamento. Questa tecnologia è stata regolarmente utilizzata per trovare vittime da quando sono state trovate fosse comuni durante le guerre in Iraq negli anni ’90. Cani da ricerca specializzati per il recupero delle vittime, droni e indagini geofisiche(comprese squadre di metal detector esperti) possono tutti aiutare con il rilevamento delle tombe. La geofisica non invasiva può rilevare vittime nascoste dietro i muri e persino sotto il cemento. Ma questo è difficile e il lavoro invadente che ne risulta per cercare di identificare i resti umani è meticoloso e lento.
La ricerca di vittime in acqua è possibile con i moderni sonar e radar a penetrazione d’acqua. Ma questo è sia tempo che critico, poiché i resti cadranno a pezzi dopo lunghi periodi di immersione, a seconda di fattori specifici del sito come la profondità e le correnti dell’acqua e i livelli di ossigeno nell’acqua
».

«Una volta individuate le aree anomale nel terreno, queste vengono scavate, a mano o con escavatori meccanici, sotto la supervisione di archeologi forensi e altri professionisti. Le tecniche di scavo possono variare ma mirano a catturare quanti più dati possibili sulla posizione e l’ubicazione dei corpi all’interno della tomba, nonché su eventuali oggetti associati al corpo che potrebbero consentire una corretta identificazione. L’obiettivo sarà anche trovare qualsiasi altra prova che possa aiutare con un’indagine su un’attività criminale, ad esempio quando la tomba è stata originariamente scavata o come è stata successivamente scavata dopo essere stata scoperta».

«Metodi accurati di acquisizione dei dati digitali, come droni o scanner da terra, dovrebbero essere utilizzati per registrare le prove forensi man mano che vengono recuperate in modo che possano essere successivamente presentate in tribunale. Ciò può includere oggetti contemporanei come sigarette scartate, bossoli e proiettili stessi, che possono aiutare a identificare quando una vittima è stata uccisa e potenzialmente fornire prove balistiche che potrebbero aiutare a identificare gli autori. Tutto questo dovrebbe seguire i protocolli forensi standard, inclusa la catena di custodia».

«Nella camera mortuaria, antropologi forensi,dentisti e patologi, esamineranno i resti di un luogo di sepoltura per capire quante persone sono presenti e aiutare a identificarle.
Nei conflitti del 20° secolo, gli antropologi forensi sono spesso necessari per esaminare i resti scheletrici umani e valutare l’età alla morte, il sesso biologico e qualsiasi altra caratteristica identificativa. A volte sono ancora necessari per questo lavoro. Ma in questi giorni l’identificazione positiva tendeinvece a basarsi principalmente sul DNA, sulle impronte digitali, sul lavoro dentale o su qualsiasi caratteristica unica dell’individuo durante la vita rispetto alle informazioni ottenute dal corpo dopo la morte.
È importante comprendere questo processo e gestire le aspettative della famiglia riguardo ai limiti dei metodi forensi, alla durata dell’analisi ed essere consapevoli di qualsiasi pratica etica, culturale e religiosa con i resti umani.

Le squadre forensi cercheranno anche prove di traumi al corpo relativi al combattimento, alle ferite da esplosione e all’esecuzione (ad esempio, ferite da arma da fuoco alla parte posteriore della testa). Questo può essere complicato da alterazioni del corpo apportate dopo la morte, come i tentativi di bruciare il cadavere, ma di solito possono ancora essere rilevate».

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->