sabato, Maggio 21

Ucraina: come Putin ha usato un lungo conflitto per procura per giustificare l’invasione L'escalation dei combattimenti sulla linea del fronte del Donbas è stato uno strumento essenziale per la Russia per aumentare le tensioni al livello successivo, fomentando la peggiore crisi nelle relazioni est-ovest dalla guerra fredda. L’analisi di Vladimir Rauta, Università di Reading, e di Giuseppe Spatafora, Università di Oxford

0

Nelle prime ore del 24 febbraio, la Russia ha attaccato l’Ucraina, iniziando con una raffica di attacchi aerei nelle regioni orientali del Paese. Altre grandi città furono assediate nel giro di poche ore, inclusa Kiev. Il Presidente russo Vladimir Putin ha minacciato conseguenze catastrofiche se qualche attore straniero avesse interferito in questa ” operazione militare speciale “, aumentando ulteriormente lo spettro della guerra.

Il Presidente dell’Ucraina, Volodymyr Zelenskiy, ha promesso di resistere all’invasione, mentre i leader occidentali hanno condannato l’attacco e hanno emesso una nuova serie di sanzioni contro Mosca. Dopo due mesi di crescenti tensioni, sembra che la guerra interstatale sia tornata nel continente europeo, con possibili conseguenze terribili. Ma perché questa escalation sta accadendo ora?

L’intelligence occidentale aveva avvertito che un’invasione russa era imminente. Ma ciò che ha permesso alla Russia di intensificarsi c’era già: la possibilità di rinnovare i combattimenti nel conflitto per procura tra i separatisti filorussi e il governo di Kiev.

La crisi attuale deriva dalla guerra civile scoppiata nella primavera del 2014 . All’indomani delle proteste di Euromaidan, due regioni di lingua russa (Donetsk e Luhansk, conosciute collettivamente come Donbas) si sono ribellate al governo centrale di Kiev. La Russia ha sostenuto le regioni separatiste dopo aver occupato e annesso la penisola di Crimea.

L’anno successivo, Russia e Ucraina hanno firmato il protocollo di Minsk II del 2015, che consente una graduale reintegrazione del Donbas in Ucraina con ampia autonomia. Da allora, le due autoproclamate repubbliche non hanno rinunciato alla loro lotta per la secessione totale da Kiev.

Tensioni crescenti

Negli ultimi due mesi, le relazioni tra Mosca, Kiev e l’Occidente sono diventate sempre più tese. Tuttavia, la prima linea nel Donbas è rimasta per lo più silenziosa. I dati mostrano che i combattimenti nell’Ucraina orientale sono diminuiti dal 2020 .

Le discussioni sull’accumulo di truppe russe lungo il confine con l’Ucraina si sono concentrate maggiormente sull’accordo della Russia con l’Occidente e sulla questione della potenziale adesione dell’Ucraina alla Nato, rispetto allo status delle repubbliche separatiste. In breve, la dimensione della contrattazione internazionale sembrava aver oscurato il conflitto per procura.

La situazione è cambiata il 17 febbraio, quando i leader ribelli nel Donbas hanno affermato di essere stati sottoposti al fuoco di artiglieria delle forze governative ucraine. Il giorno seguente, hanno iniziato a evacuare le popolazioni di etnia russadalle aree soggette a incursioni aeree. Tuttavia, le prove in seguito hanno dimostrato che si trattava, in realtà, di un attacco sotto falsa bandiera , orchestrato appositamente per intensificare le tensioni nel Donbas.

Considerando che le forze armate di Kiev hanno adottato una posizione non provocatoria di fronte alla crisi, è estremamente improbabile che l’esercito ucraino abbia preso provvedimenti per recuperare il Donbas in questo momento. Perché aspettare otto anni e poi attaccare quando si è circondati da quasi 200.000 soldati russi?

Falsa bandiera

Con il senno di poi, si può sostenere che le autorità russe abbiano utilizzato l’attacco per giustificare il riconoscimento dell’indipendenza delle regioni del Donbas e la successiva invasione. Come ogni procuratore, i leader ribelli hanno visto un’opportunità nella loro ricerca dell’indipendenza dall’Ucraina . Un’escalation del conflitto internazionale tra Mosca e Kiev alla fine gioverebbe alla loro causa. Come ogni sponsor, la Russia ha visto un’opportunità per negare il coinvolgimento nella messa in scena dell’attacco, non ultimo dato il modo casuale in cui è stato condotto.

Indipendentemente da chi ha causato l’attacco false flag, i nuovi sviluppi hanno segnato una svolta. Prima dell’escalation, la diplomazia coercitiva russa era in una situazione di stallo, presentando ampie richieste alla Nato senza alcuna assicurazione di de-escalation se soddisfatte. Gli incessanti avvertimentidell’Occidente che la Russia stesse cercando una scusa per invadere, hanno ridotto la legittimità delle richieste del Cremlino. I sondaggi hanno mostrato che l’opinione pubblica russa era in gran parte contraria alla guerra , rendendo meno credibile un’azione seria da parte della Russia.

In questo contesto, l’episodio sotto falsa bandiera in Ucraina ha permesso a Putin di raggiungere tre obiettivi: trovare un motivo giustificato per usare la forza militare, vendere l’operazione a livello nazionale e mostrare all’Occidente che la sua minaccia di intraprendere un’azione militare era seria.

La Russia si è prontamente mossa per riconoscere l’indipendenza di Donetsk e Luhansk , il che giustificherebbe un intervento in difesa di una nazione straniera sotto attacco militare. Anche la macchina di propaganda russa contro l’Ucraina, rimasta silenziosa fino alla scorsa settimana , è stata messa in moto, e lo sfollamento dei russi etnici ha permesso al Consiglio di sicurezza nazionale di accusare l’Ucraina di “genocidio” .

In un discorso televisivo, Putin ha contestato la pretesa dell’Ucraina sul Donbas e oltre, definendolo un paese senza storia, governato da un regime corrotto sostenuto dall’Occidente. Questo linguaggio aggressivo sembrava destinato a raccogliere il sostegno interno per l’azione in Ucraina, proprio come prima dell’annessione della Crimea . Infine, Putin ha inviato forze russe nel Donbas per “funzioni di mantenimento della pace”, prima di dichiarare finalmente un attacco alle forze ucraine.

L’escalation dei combattimenti sulla linea del fronte del Donbas è stato uno strumento essenziale per la Russia per aumentare le tensioni al livello successivo, fomentando la peggiore crisi nelle relazioni est-ovest dalla guerra fredda .

Senza questo sviluppo nella guerra per procura, Putin avrebbe trovato molto più difficile giustificare un’invasione dell’Ucraina. Le conseguenze di questa escalation potrebbero essere enormi, dal cambio di regime a una nuova guerra tra le “grandi” potenze. Qualunque sia l’esito, la guerra di aggressione russa contro l’Ucraina altererà in modo significativo la sicurezza in Europa.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->