giovedì, Maggio 19

Ucraina: Biden invia più truppe nell’Europa orientale L’analisi di Michael A. Allen, Boise State University, Carla Martinez Machain, Kansas State University, Michael E. Flynn, Kansas State University

0

Il 2 febbraio 2022 il Presidente Joe Biden ha annunciato che gli Stati Uniti stanno inviando diverse migliaia di militari per assistere gli alleati della NATO in Europa, poiché un massiccio accumulo di truppe russe minaccia di violare la sovranità dell’Ucraina.

Si stima che circa 2.000 soldati statunitensi si stiano dirigendo dagli Stati Uniti alla Polonia e alla Romania, che confinano entrambe con l’Ucraina. Il resto delle truppe nello schieramento proverrà da quelle già in Germania.

Questa mossa arriva poco dopo che l’amministrazione Biden ha annunciato che stava mettendo in allerta 8.500 persone in risposta all’accumulo militare russo di 100.000 soldati lungo i confini dell’Ucraina.

Gli Stati Uniti affermano che non dispiegheranno truppe all’interno dell’Ucraina, che non è un membro della NATO. Ma cosa succede quando gli Stati Uniti inviano migliaia di truppe vicino all’Ucraina, invece?

Riteniamo che ci siano alcuni fattori importanti da considerare, poiché la mossa militare statunitense accresce ulteriormente le tensioni nell’Europa orientale.

Biden ha l’autorità per farlo?

La Costituzione degli Stati Uniti stabilisce il presidente come comandante in capo delle forze armate del paese. Questo ruolo dà al presidente la possibilità di regolare il numero delle truppe all’estero, sia in tempo di pace che di crisi.

Ma l’uso di questo potere da parte del Presidente è stato controverso in passato.

Il Congresso ha cercato di limitare il dispiegamento di truppe nelle zone non di combattimento all’estero. Ad esempio, il Senato tenne udienze nel 1951 sulla possibilità che il presidente potesse schierare più truppe presso i membri della NATO durante il tempo di pace.

Testimoni, tra cui l’ex Segretario di Stato Dean Acheson, hanno affermato che la Costituzione e il Trattato del Nord Atlantico garantivano il diritto del presidente di effettuare tali schieramenti.

Il Congresso ha il potere di finanziare l’esercito e di dichiarare ufficialmente guerra e da oltre 100 anni discute di limitare i fondi a diverse operazioni militari. Ma poche misure politiche o legali hanno ridotto il controllo di un presidente sull’esercito.

Se vuole limitare il potere del presidente in questo senso, il Congresso ha due opzioni: può destinare zero dollari a un piano presidenziale, oppure può approvare una legge che proibisce attivamente il finanziamento di quel piano.

Ma in realtà tagliare i finanziamenti militari statunitensi è difficile. Un Presidente ha una certa capacità di trasferire fondi dalle operazioni militari esistenti a quelle che non sono completamente finanziate.

Ad esempio, il Presidente Donald Trump ha dirottato fondi da altre fonti militari per costruire il muro di confine tra Stati Uniti e Messico nel febbraio 2020 dichiarando un’emergenza nazionale.

In alternativa, se il Congresso approvasse una legge che prevenga attivamente le spese in un’area specifica, il successo di quel disegno di legge richiederebbe un voto a maggioranza assoluta di due terzi dei membri del Congresso per annullare un probabile veto presidenziale.

La risoluzione sui poteri di guerra del 1973, nota anche come legge sui poteri di guerra, è un esempio di un caso in cui il Congresso ha tentato di riaffermare i suoi poteri di guerra e limitare la capacità del presidente di decidere unilateralmente sugli schieramenti militari.

Tuttavia, è improbabile che il War Powers Act abbia importanza quando si tratta di aumentare gli schieramenti militari di Biden presso i membri della NATO.

Uno dei motivi è che l’amministrazione Biden ha esplicitamente affermato che le forze statunitensi non avrebbero combattuto all’interno dell’Ucraina e l’avrebbero difesa da un’invasione russa.

Molti presidenti di entrambe le parti hanno contestato la costituzionalità del War Powers Act. Negli ultimi decenni hanno regolarmente citato i loro poteri costituzionali dell’Articolo II, nominando il presidente comandante in capo delle forze armate, come fornendo l’autorità per condurre operazioni militari.

Oggi, il Congresso deve ancora utilizzare con successo il War Powers Act per ritirare le forze militari schierate all’estero da un presidente.

Altri presidenti degli Stati Uniti hanno fatto qualcosa di simile?

I precedenti presidenti hanno spostato regolarmente truppe in tutto il mondo e hanno anche schierato truppe in regioni che affrontano crescenti tensioni.

Il presidente John F. Kennedy, ad esempio, aumentò il numero dei membri in servizio nel Vietnam del Sud da 700 a 16.000 entro la fine del 1963. Questo potenziamento militare avvenne ben otto mesi prima che il Congresso autorizzasse l’uso della forza nell’Asia meridionale attraverso il Golfo della risoluzione del Tonchino.

Il presidente George H.W. Bush dispiegò truppe in Medio Oriente prima dell’approvazione del Congresso della Prima Guerra del Golfo nel gennaio 1991.

Storicamente, non tutti gli schieramenti come quelli in Vietnam o in Iraq finiscono in conflitto.

Solo negli ultimi cinque anni gli Stati Uniti hanno creato e spostato flotte navali in risposta allo sviluppo di situazioni in Europa e nella penisola coreana.

Il presidente Barack Obama ha aumentato la presenza militare statunitense in Polonia nel 2016 per scoraggiare potenziali minacce russe.

Obama ha anche aumentato l’attività militare nelle Filippine e in Australia a causa delle rivendicazioni territoriali della Cina nella regione.

Nel 2019, Trump ha schierato più truppe in Arabia Saudita a seguito dell’aumento delle tensioni con l’Iran.

Perché Biden invia più truppe in Europa?

La decisione di Biden di inviare più truppe in Europa può servire a diversi scopi nell’attuale crisi Ucraina-Russia.

Il riposizionamento del personale e delle risorse militari prima o durante le crisi militari è comune. La decisione di Biden potrebbe assicurare agli alleati esistenti che gli Stati Uniti li sostengono e si impegnano a difendere l’Europa.

Lo spettacolo della forza militare potrebbe anche dissuadere la Russia da ulteriori incursioni in Ucraina e rafforzare la capacità di rispondere a un’effettiva invasione, qualora si verificasse.

Le maggiori potenze militari come gli Stati Uniti spesso rispondono ai potenziamenti militari con i propri schieramenti. La nostra ricerca mostra che anche quando rispondono alle azioni militari di altri paesi, le grandi potenze sono caute nel mantenere questi schieramenti all’interno delle proprie sfere di influenza, come stanno facendo gli Stati Uniti, per evitare di provocare un rivale.

Nel complesso, i dati mostrano che gli schieramenti statunitensi di truppe aggiuntive in risposta alle crescenti preoccupazioni regionali sono comuni.

L’amministrazione Biden sta tentando sia di dimostrare il sostegno degli Stati Uniti agli alleati della NATO sia di rassicurare i paesi alleati, sperando nel contempo di scoraggiare un’incursione russa in Ucraina.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->