martedì, Maggio 17

Ucraina: anche la Germania manda i carri armati La Germania di oggi dovrebbe essere un leader globale, ma questo significa aderire a un chiaro insieme di valori nazionali, anche quando hanno un costo. Il pubblico tedesco ha già dimostrato di essere pronto a pagare il prezzo della leadership. Il Bundestag ora ha fatto altrettanto. Questa è la Germania di cui il mondo ha bisogno

0

Il 28 aprile il parlamento tedesco ha finalmente accettato di fornire armi pesanti all’Ucraina. Inoltre, la decisione è stata sostenuta dalla stragrande maggioranza dei deputati parlamentari, con 586 voti favorevoli e appena 100 contrari. Potremmo ora assistere all’emergere di una Germania diversa che ha messo da parte le sue paure geopolitiche ed è pronta a prendere il comando sulla scena internazionale.

In Ucraina, la decisione del Bundestag è stata salutata come ‘l’ultimo chiodo nella bara del lobbismo di Putin in Europa’, secondo il consigliere presidenziale Mykhailo Podolyak. Personalmente, non sono così sicuro che sia davvero l’ultimo chiodo o se possiamo parlare di una bara in questa fase, ma il voto è stato sicuramente uno sviluppo importante per tutti gli ucraini e per l’Europa nel suo insieme.

Dall’inizio dell’invasione russa due mesi fa, la Germania è stata vista in Ucraina come una delle nazioni europee meno favorevoli. Ogni volta che la mia stazione radiofonica ha ospitato discussioni sull’integrazione euro-atlantica dell’Ucraina e sugli aiuti militari occidentali a Kiev, i due Paesi costantemente citati come i maggiori ostacoli sono Germania e Ungheria. Posso capire perché il leader ungherese sempre più autoritario Viktor Orban potrebbe considerare il sostegno russo come una fonte di legittimità, ma è difficile per me capire perché una Germania libera ed economicamente potente dovrebbe compromettersi per coltivare stretti legami con il Cremlino.

Quando si tratta di minimizzare il conflitto con Putin, il nuovo cancelliere tedesco Olaf Scholz ha affinato le sue capacità alla perfezione. Si è mosso a zigzag tra la Russia, l’opinione pubblica tedesca, gli industriali tedeschi e il resto del mondo occidentale con il messaggio che mentre si oppone alla guerra, qualsiasi sostegno significativo all’Ucraina sarebbe una pericolosa escalation. Per me, la logica di questa posizione è simile a privare una vittima di abusi domestici del sostegno per paura di offendere chi abusa. Ciò consente anche alla Germania di rimanere nella sua attuale zona di comfort.

I tentativi di Berlino di evitare anche il minimo confronto con Mosca sono in netto contrasto con l’effusione del sostegno pubblico tedesco all’Ucraina dall’inizio della guerra. Mi sono commosso quasi fino alle lacrime quando ho visto oltre 100.000 persone per le strade della capitale tedesca esprimere solidarietà all’Ucraina. Ho anche sentito numerose segnalazioni di rifugiati dall’Ucraina che hanno ricevuto un caloroso benvenuto in paesi e città di tutta la Germania.

I miei colleghi dei media tedeschi hanno offerto parole di sostegno e, con mia sorpresa, l’hanno sostenuto con un generoso aiuto finanziario dalle loro stesse tasche. In via ufficiale, alcuni mi hanno detto che si vergognano della posizione adottata dal loro governo. In un Paese autoritario come la Russia o l’Iran, non mi avrebbe sorpreso incontrare una divergenza così evidente tra l’opinione pubblica e la politica del governo. Ma in Germania è stato un vero shock.

Come giornalista, sono stato a lungo incuriosito dal fenomeno tedesco dei ‘Putinversteher’ o ‘Putin Understanders’ e ho discusso spesso di questo argomento durante i viaggi a Berlino. Mi sono imbattuto in tre argomenti comuni che aiutano a spiegare perché così tanti membri delle élite economiche e politiche tedesche sono ansiosi di trovare scuse per Putin e costruire legami con la Russia a spese dei valori europei e degli interessi dei vicini come l’Ucraina.

Il motivo più comunemente citato è il senso di colpa della Germania nei confronti della Russia a causa dei crimini della seconda guerra mondiale. Questa argomentazione mi ha sempre sconcertato perché identifica direttamente la Russia moderna con l’Unione Sovietica ignorando completamente le sofferenze in tempo di guerra delle altre repubbliche sovietiche. In realtà, l’Ucraina e la Bielorussia hanno subito una distruzione molto peggiore e hanno perso relativamente più persone della Russia durante l’invasione nazista dell’URSS.

Mio nonno, Efrem Grygorovych Sych, fu arruolato nell’Armata Rossa all’inizio del 1945. Non credo che avesse molta scelta in materia. Mio padre nacque subito dopo, ma non incontrò mai mio nonno, ucciso nella primavera del 1945 da qualche parte vicino a Berlino. Ho ancora la breve lettera ufficiale dell’Armata Rossa che annuncia la sua morte.

Non mi sono interessato personalmente alla propaganda sovietica da quando ero molto giovane. Di conseguenza, non ho mai considerato la Germania una minaccia, né per la mia famiglia direttamente né per la civiltà moderna nel suo insieme. Lo stesso non si può dire per la Russia, purtroppo. Sia come viaggiatore d’affari che come turista, ho avuto la fortuna di visitare molte regioni della Germania. Nel frattempo, negli ultimi dieci anni circa non sono stato nemmeno in grado di transitare attraverso la Russia per paura di essere detenuto e incarcerato in relazione al mio lavoro di giornalista in Ucraina. Sono sicuro che mio nonno sarebbe rimasto sbalordito nel vedere le cose andare in questo modo.

La seconda giustificazione comune per la cultura ‘Putinversteher’ nella Germania di oggi è la forza del sentimento antiamericano. Posso capire perché alcuni tedeschi potrebbero risentirsi dell’influenza degli Stati Uniti, ma faccio fatica a capire perché questo risentimento dovrebbe tradursi in sostegno alla Russia. In che modo i disaccordi tra le altre democrazie possono portare a una maggiore simpatia per uno stato tirannico a partito unico?

Il terzo argomento che sento spesso è finanziario. È semplicemente un buon affare per la Germania promuovere forti legami con la Russia, qualunque sia la natura del regime di Putin. Ciò non richiede ulteriori spiegazioni, ma mi sento obbligato a fare un’osservazione. Come persona che viene da un paese con una lunga storia di battaglie contro i politici sporchi, mi sembra ovvio che numerosi politici tedeschi stiano ricevendo un ingente compenso dal Cremlino in cambio del loro sostegno. Appare altrettanto evidente che per molti anni questi politici hanno pesantemente influenzato la politica estera tedesca.

La pervasività del sentimento ‘Putinversteher’ all’interno dell’establishment tedesco rende il recente voto del Bundestag sull’armare l’Ucraina ancora più simbolico e, spero, storico. Questo voto potrebbe aiutare il mio Paese a difendersi dalla Russia e potrebbe consentire alla mia famiglia di tornare a casa a Kiev in un futuro non troppo lontano. Rappresenta anche un’importante pietra miliare nel ritorno della Germania a una posizione di leadership morale che corrisponde allo status del Paese.

La Germania di oggi dovrebbe essere un leader globale, ma questo significa aderire a un chiaro insieme di valori nazionali, anche quando hanno un costo. Il pubblico tedesco ha già dimostrato di essere pronto a pagare il prezzo della leadership. Il Bundestag ora ha fatto altrettanto. Questa è la Germania di cui il mondo ha bisogno.

 

 

 

Una versione di questo articolo è stata originariamente pubblicata in lingua tedesca dal quotidiano Die Zeit.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

Vitaly Sych è caporedattore della casa dei media NV che include un settimanale, una stazione radiofonica nazionale e un sito di notizie (NV.ua).

End Comment -->