martedì, Maggio 17

Ucraina: 5 modi per individuare i video falsi L’analisi di TJ Thomson, Daniel Angus, Paula Dootson, esperti della Queensland University of Technology

0

Tra le immagini allarmanti dell’invasione russa dell’Ucraina negli ultimi giorni, milioni di persone hanno anche visto informazioni fuorvianti, manipolate o false sul conflitto su piattaforme di social media come Facebook, Twitter, TikTok e Telegram.

Un esempio è questo video di jet militari pubblicato su TikTok , che è un filmato storico ma sottotitolato come video dal vivo della situazione in Ucraina.

Gli elementi visivi, a causa del loro potenziale persuasivo e della loro natura che attira l’attenzione, sono una scelta particolarmente efficace per coloro che cercano di fuorviare. Laddove creare, modificare o condividere contenuti visivi non autentici non è satira o arte, di solito è motivato politicamente o economicamente.

Le campagne di disinformazione mirano a distrarre, confondere, manipolare e seminare divisione, discordia e incertezza nella comunità. Questa è una strategia comune per le nazioni altamente polarizzate in cui prevalgono le disuguaglianze socioeconomiche, la privazione dei diritti civili e la propaganda.

Come viene creato e diffuso questo contenuto falso, cosa viene fatto per sfatarlo e come puoi assicurarti di non innamorarci di te stesso?

Quali sono le tecniche di contraffazione più comuni?

Usare una foto o un video esistente e affermare che proveniva da un’ora o un luogo diverso è una delle forme più comuni di disinformazione in questo contesto. Ciò non richiede software o competenze tecniche speciali, solo la volontà di caricare un vecchio video di un attacco missilistico o un’altra immagine di arresto e descriverlo come nuovo filmato.

Un’altra opzione a bassa tecnologia è mettere in scena o mettere in scena azioni o eventi e presentarli come realtà. Questo è stato il caso dei veicoli distrutti che la Russia ha affermato essere stati bombardati dall’Ucraina.

L’uso di un particolare obiettivo o punto di osservazione può anche cambiare l’aspetto della scena e può essere utilizzato per ingannare. Un’inquadratura ravvicinata di persone, ad esempio, può rendere difficile valutare quanti erano in mezzo alla folla, rispetto a una ripresa aerea.

Andando ancora oltre, Photoshop o un software equivalente possono essere utilizzati per aggiungere o rimuovere persone o oggetti da una scena o per ritagliare elementi da una fotografia. Un esempio di aggiunta di oggetti è la fotografia qui sotto, che pretende di mostrare macchinari da costruzione all’esterno di un asilo nell’Ucraina orientale. Il testo satirico che accompagna l’immagine scherza sul “calibro delle macchine edili” – l’autore suggerisce che le segnalazioni di danni agli edifici da ordinanza militare siano esagerate o false.

Un’attenta ispezione rivela che questa immagine è stata modificata digitalmente per includere i macchinari. Questo tweet potrebbe essere visto come un tentativo di minimizzare l’entità del danno derivante da un attacco missilistico sostenuto dalla Russia e, in un contesto più ampio, di creare confusione e dubbi sulla veridicità di altre immagini che emergono dalla zona di conflitto.

Cosa si sta facendo al riguardo?

Organizzazioni europee come Bellingcathanno iniziato a compilare elenchi di dubbie affermazioni sui social media sul conflitto Russia-Ucraina e a sfatarli ove necessario.

Giornalisti e fact-checker stanno anche lavorando per verificare i contenuti e aumentare la consapevolezza sui falsi noti. Anche grandi testate giornalistiche con risorse adeguate come la BBC stanno denunciando la disinformazione .

Le piattaforme di social media hanno aggiunto nuove etichette per identificare le organizzazioni dei media statali o fornire maggiori informazioni di base su fonti o persone nelle tue reti che hanno anche condiviso una storia particolare.

Hanno anche ottimizzato i loro algoritmiper cambiare i contenuti amplificati e hanno assunto personale per individuare e segnalare contenuti fuorvianti. Le piattaforme stanno anche lavorando dietro le quinte per rilevare e condividere pubblicamente le informazioni sulle operazioni di informazione legate allo stato.

Cosa posso fare al riguardo?

Puoi provare a controllare le immagini per te stesso piuttosto che prenderle per valore nominale. Un articolo che abbiamo scritto alla fine dell’anno scorso per l’Associated Press australiana spiega il processo di verifica dei fatti in ogni fase: creazione, modifica e distribuzione delle immagini.

Ecco cinque semplici passaggi che puoi eseguire:

1. Esaminare i metadati

Questo post di Telegram afferma che sabotatori di lingua polacca hanno attaccato un impianto fognario nel tentativo di piazzare un serbatoio di cloro per un attacco ” falsa bandiera “.

Ma i metadati del video – i dettagli su come e quando è stato creato il video – mostranoche è stato girato giorni prima della presunta data dell’incidente.

Per verificare tu stesso i metadati, puoi scaricare il file e utilizzare software come Adobe Photoshop o Bridge per esaminarlo. Esistono anche visualizzatori di metadationline che consentono di controllare utilizzando il collegamento Web dell’immagine.

Un ostacolo a questo approccio è che le piattaforme di social media come Facebook e Twitter spesso rimuovono i metadati da foto e video quando vengono caricati sui loro siti. In questi casi, puoi provare a richiedere il file originale o consultare i siti Web di verifica dei fatti per vedere se hanno già verificato o sfatato il filmato in questione.

2. Consultare una risorsa di verifica dei fatti

Organizzazioni come l’ Associated Press australiana , RMIT/ABC , Agence France-Presse (AFP) e Bellingcat mantengono elenchi di fact-check che i loro team hanno eseguito.

L’AFP ha già smentito un video che afferma di mostrare un’esplosione dell’attuale conflitto in Ucraina come proveniente dal disastro portuale del 2020 a Beirut.

3. Cerca in modo più ampio

Se il vecchio contenuto è stato riciclato e riproposto, potresti essere in grado di trovare lo stesso filmato utilizzato altrove. Puoi utilizzare Google Immagini o TinEyeper “ricercare immagini inverse” un’immagine e vedere dove appare online.

Ma tieni presente che semplici modifiche come l’inversione dell’orientamento sinistra-destra di un’immagine possono ingannare i motori di ricerca e far loro pensare che l’immagine capovolta sia nuova.

4. Cerca le incongruenze

La presunta ora del giorno corrisponde alla direzione della luce che ti aspetteresti in quell’ora, per esempio? Gli orologi o gli orologi visibili nell’immagine corrispondono alla presunta sequenza temporale rivendicata?

Puoi anche confrontare altri dati, come i programmi dei politici o gli avvistamenti verificati, la visione di Google Earth o le immagini di Google Maps , per provare a triangolare le affermazioni e vedere se i dettagli sono coerenti.

5. Porsi alcune semplici domande

Sai dove , quando e perché è stata realizzata la foto o il video? Sai chi l’ha realizzato e se quella che stai guardando è la versione originale ?

L’uso di strumenti online come InVID o Forensical può potenzialmente aiutare a rispondere ad alcune di queste domande. Oppure potresti fare riferimento a questo elenco di 20 domande che puoi utilizzare per “interrogare” i filmati dei social media con il giusto livello di sano scetticismo.

In definitiva, in caso di dubbi, non condividere o ripetere affermazioni che non sono state pubblicate da una fonte attendibile come un’organizzazione giornalistica internazionale. E considera l’utilizzo di alcuni di questi principi quando decidi di quali fonti fidarti.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->