sabato, Ottobre 23

Uccidere il padre: ciao, Pietro Ingrao

0
1 2


Parlare, e scrivere, di Pietro Ingrao all’indomani della sua scomparsa è un dovere politico e umano, prima ancora di essere atto dovuto a una persona per bene, un intellettuale di grande spessore, un compagno di strada prezioso per tanti uomini e donne di sinistra.

È difficile quando, a più di cent’anni, muore uno come lui, liberarsi facilmente dei luoghi comuni e delle frasi fatte che puntualmente affiorano: ‘si chiude un’epoca’, ‘se ne va l’ultimo comunista’, ‘siamo tutti più soli e senza guida’.

Un’amica ha scritto una frase che mi ha colpito: “E ora? Sempre più verso una società senza padri”. Quanta drammatica verità, in questo pensiero secco come una freccia.

E allora partiamo da qui, per il nostro personale saluto a Pietro Ingrao.

Quanti, e quali, sono stati i ‘padri‘, i punti di riferimento indiscussi per la generazione che, dagli anni Sessanta al 2000, ha costruito l’Italia che abbiamo davanti agli occhi?  Non molti, in verità, e quasi tutti collocati a sinistra. Penso a Palmiro Togliatti, a Enrico Berlinguer, a Pietro Nenni, a Sandro Pertini. Alcide De Gasperi è figura paterna, ma per il centro. Anche Aldo Moro lo è, ma soprattutto in seguito alla tragica fine che ha contribuito a idealizzarne la figura politica. A destra, purtroppo, un vuoto tanto clamoroso da costringere il 50% degli italiani ad acclamare premier un Silvio Berlusconi, e a far affiggere ancora oggi manifesti con lo sguardo penetrante di Giorgio Almirante.

Chi sia stato in termini strettamente politici Pietro Ingrao per la sinistra italiana e per l’Italia tutta lo diranno molto meglio di me giornalisti e analisti di sicuro valore. Dal punto di vista simbolico, egli ha sintetizzato, incarnandolo in modo davvero mirabile, il modo di essere di sinistra più romantico e puro mai apparso sulla scena italiana, e forse europea: l’ideologo del dissenso verso qualsiasi proposta che rischiasse il deragliamento dal principio comunista, inteso nella sua forma salvifica, taumaturgica di tutti i mali generati dalla società capitalistica.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->