lunedì, Maggio 10

Tutto quello che c’è da sapere sulla Banda Larga La situazione dell' ADSL in Italia è molto positiva. I motivi? Grandi investimenti pubblici e privati che ottimizzano la rete

0

Quando si parla di sistemi di trasmissione dati, a molti sorgono dei dubbi sull’argomento di cui si sta parlando, soprattutto quando si sente parlare di banda larga. Pur non esistendo una definizione ufficiale, per via della “liquidità” di questo termine, è comunque possibile spiegarlo. Per banda larga s’intendono tutte quelle tecnologie di trasmissione dati che permettono il cosiddettoInternet veloce’: dunque quei sistemi in grado di far viaggiare il flusso dati ad una velocità superiore ai precedenti. Oggi per banda larga s’intendono soprattutto le connessioni ADSL, e in genere tutti i sistemi con velocità superiori ai canonici modem dial-up.

Lo stato della fibra ottica in Italia secondo AGCOM

Una volta chiarita la definizione di banda larga, è interessante scoprire qual è la situazione dell’ADSL in Italia. In nostro soccorso vengono i report ufficiali dell’Agenzia Garante per le Comunicazioni (AGCOM). Secondo i dati più recenti, al momento l’87% del territorio italiano può contare sulla copertura delle connessioni a banda larga. Connessioni che, fra le altre cose, hanno conosciuto un aumento pari a +1 milione di unità. La situazione attuale dell’ADSL è dunque positiva, cosa che ha portato anche ad una riduzione della forbice con gli altri paesi europei più importanti. I motivi che hanno spinto verso questa direzione dipendono soprattutto dalla grande mole di investimenti, sia nel pubblico che nel privato. Tra questi emblematico è il caso di Vodafone, un operatore che mette a disposizione interessanti promozioni sulla fibra ottica: si parla di una copertura che raggiunge 1.600 città circa, e che provvede a fornire connessioni fino a 1 GB di velocità. Infine, è doveroso citare gli investimenti pubblici più recenti: circa 7 miliardi di euro, per un valore complessivo del settore pari a 32 miliardi.

La nuova rete ottimizzata per il Gaming

Dall’ADSL alla fibra ottica: i passi in avanti, a livello tecnologico e infrastrutturale, sono sempre più evidenti. Non stupisce, dunque, assistere alla nascita di servizi Internet rivolti a nicchie ben precise. Non a caso, alcuni operatori hanno scelto di fornire un servizio fibra esclusivo, ottimizzato per il gaming. Gli appassionati dei videogiochi in multiplayer possono dunque contare su una connessione progettata per le loro specifiche esigenze. Naturalmente il suddetto sistema sfrutta la FTTH (fibra a casa) e fornisce velocità dai 300 ai 1000 Mbps (rispettivamente upload e download).

Hi-tech e aree bianche: i big lavorano ai satelliti

Le connessioni satellitari rappresentano un’opportunità unica per chi vive nelle zone sprovviste di connessioni cablate. Queste aree (dette ‘bianche’) sono costrette a fare a meno della banda larga, per la mancanza di infrastrutture. Ecco che il problema pare sia finito nel mirino di big del calibro di Facebook, Google e Tesla. L’obiettivo è progettare una vasta rete di satelliti, in grado di coprire tutte le aree più remote della Terra con la banda larga. Questa idea ha spinto in secondo piano la soluzione dei droni in grado di fornire ‘connessioni volanti’.

Il mondo e l’Italia, dunque, viaggiano con la medesima idea in mente: fornire servizi come la banda larga a tutta la popolazione, abbattendo il digital divide’.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->