mercoledì, Luglio 28

Tutto ciò che c'è da sapere sui Panama Papers

0

Ormai da un paio di giorni non si fa altro che parlare dei Panama Papers. Ma cosa sono? Si tratta di 11,5 milioni di documenti emersi grazie a un’inchiesta giornalistica che si sta delineando come la più clamorosa della storia, alla pari di Wikileaks, e che riguarda lo studio legale Mossack e Fonseca di Panama, che ha creato un numero incredibile di società offshore. La scelta del nome Panama Papers richiama i ‘Pentagon Papers’, i documenti pubblicati nel ’71 sul New York Times contro il segretario alla difesa di Nixon sulla guerra in Vietnam. Una inchiesta quella dei Panama Papers a livello internazionale che ha visto la partecipazione di ben 378 giornalisti, appartenenti a testate di diversi Paesi, associate nel ‘The International Consortium of Investigative Journalists’ (ICIJ). Per l’Italia, l’esclusiva è stata de ‘l’Espresso’. Il lavoro ha portato alla luce l’esistenza di società offshore riconducibili, direttamente o indirettamente, a 140 fra politici e uomini di Stato nel mondo. Fra questi 12 attuali ed ex leader politici. Coinvolte anche 550 banche che, attraverso lo studio legale panamense Mossack Fonseca, hanno creato più di 15 mila società offshore (per l’Italia Ubi e Unicredit). Ecco qui un altro video che spiega anche alcuni dei nomi coinvolti.

(video tratti dal canale Youtube di USA Today)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->