domenica, Settembre 26

Tutti i cavi ‘invisibili’ di Internet

0

Noi ci navighiamo, ma non la vediamo. Parliamo della linea internet, che non è qualcosa di immateriale ma una serie infinita di cavi che scorrono sotto di noi. Infatti internet è una rete fisica globale di cavi interconnessi. All’inizio erano di rame e oggi, sempre più spesso, sono di un insieme di filamenti polimerici e vetrosi: la fibra ottica.

Su submarinecablemap.com è possibile farsi un’idea di come sia sviluppato internet e la sua linea fisica. Il sito praticamente non è altro che un planisfero open source costantemente aggiornato che monitora e traccia i cavi sottomarini. E il paesaggio cambia di continuo. O per meglio dire si aggiorna e migliora.

Secondo le rilevazioni fatte dagli esperti, all’inizio di quest’anno si contavano 428 cavi in servizio in tutto il mondo, che si stima sviluppino 1,1 milioni di chilometri. Alcuni cavi sono lunghi poche centinaia di chilometri, altri, come l’Asia America gate, arriva a superare i 20 mila. E, come detto, tutto questo sta diventando un business che frutta eccome. Non ci sono solo le compagnie telefoniche e i privati legati alla finanza, ma ora la voce grossa la fanno le compagnie Internet come Google, Amazon, Facebook e Microsoft, che sono diventate attivissime nella posa di cavi sottomarini, a volte persino alleandosi, visto che operazioni del genere sono costosissime.

(video tratto dal canale Youtube di Business Insider)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->