sabato, Aprile 17

Tutti all'arrembaggio… dei sottomarini field_506ffb1d3dbe2

0

La base di sottomarini nucleari in Gran Bretagna ha subito un aggiornamento di £ 500 milioni che hanno creato migliaia di posti di lavoro. La nuova nave con ascensori, dighe marittime e pontili sarà costruita a Faslane, in Scozia, dove hanno sede le barche che trasportano missili Trident Vanguard del Regno Unito. Il progetto che ha avuto un’incubazione di 10 anni ha fatto arrabbiare i nazionalisti scozzesi, che vedono il Tridente come una zona da rottamare. Il governo non ha ancora deciso come sostituire le vecchie quattro Avanguardie. Faslane ospita attualmente 6.700 personale e imprese appaltatrici militari e civili, e ministri ritengono che l’annuncio di oggi creerà migliaia di posti di lavoro. Faslane sarebbe la base per i nuovi sottomarini. Sul Getty The new Royal Navy submarine HMS Astute Difesa, il nuovo sottomarino HMS Astute della Royal Navy il cancelliere George Osborne ha detto: “Un paese forte e sicuro è di vitale importanza per la nostra prosperità e sicurezza nazionale.” Tuttavia la difesa portavoce del SNP Brendan O’Hara ha detto: George Osborne sta essenzialmente anticipando un voto e la decisione effettiva sul rinnovo del Tridente. Essa si presenta come ingegneri che rivelano come navi della Marina potevano traguardare verso decenni a venire. Il design della Dreadnought 2050 include una sala operativa di nuovo stile che permette comandanti di concentrarsi sulle aree migliaia di miglia di distanza. Gli ingegneri del sottomarino Royal Navy HMS Astute Defence ritengono che la nave da guerra potrebbe essere presidiata da un equipaggio da 50 a 200  persone a bordo rispetto alle navi moderne. Il comandante della flotta della Marina robotica ufficiale, Steve Prest, ha dichiarato: “Accogliamo con favore un progetto che permette alcuni dei migliori e più brillanti giovani ingegneri della Gran Bretagna a venire con le idee su quello che una nave da guerra potrebbe essere simile o essere dotati nel 2050. Vogliamo attrarre i migliori nuovi talenti in mare per gestire, mantenere e sviluppare sistemi con questo livello di ambizione“.

(tratto dalla sezione video di ‘The Mirror’, sito on-line del ‘Daily Mirror’) 

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->