mercoledì, Maggio 19

Turnbull imita Trump, ed è bufera

0

Donald Trump non sta simpatico ai politici mondiali. O almeno non si fa apprezzare da molti di questi. Saranno le sue gaffe, sarà il suo modo di fare e agire, sta di fatto che il magnate ora alla Casa Bianca riceve critiche a non finire, non solo in patria.

L’ultimo a prendersi gioco di Trump il primo ministro australiano Malcolm Turnbull, che in occasione dell’annuale Midwinter Ball del Parlamento, a Canberra, ha imitato nel suo discorso lo stile oratorio del collega americano.  Parlando poi del calo nei sondaggi, Turnbull ha tirato in ballo il presidente Usa: «The Donald e io, siamo avanti, avantissimo nei sondaggi. Siamo un sacco avanti! Siamo avanti come non siamo mai stati prima. Siamo avanti nei sondaggi, lo siamo eccome! Non nei sondaggi falsi, non in quelli falsi. Quelli in cui non siamo avanti sono falsi. Siamo avanti nei sondaggi veri».

In teoria il discorso del primo ministro non dovrebbe essere registrato e i giornalisti non dovrebbero scriverne, quindi Turnbull non si aspettava che Trump sarebbe venuto a sapere della presa in giro. A darne conto per primo il canale televisivo australiano ‘Channel Nine‘, poi nella rete ecco spuntare anche i video. E la frittata per Turnbull è fatta. Nell’audio si senta anche il primo ministro australiano tirare in ballo Trump citando il Russiagate: «Sapete come sono fatti i sondaggi online. È così facile essere avanti nei sondaggi online, lo so. Voi lo sapevate? Io lo so. È facilissimo essere avanti. Io conosco questo tipo russo. Credetemi, è vero, è vero».

Turnbull ha detto poi che la sua era una presa in giro affettuosa. Ma sarà davvero così?

(video tratto dal canale Youtube della CNN)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->