martedì, Settembre 28

Turchia, gommoni e giubbotti di salvataggio difettosi field_506ffbaa4a8d4

0

Gommoni e imbarcazioni di scarsa affidabilità da vendere ai profughi diretti in Grecia: questa la produzione trovata dalla polizia turca, che ha sequestrato tre fabbriche illegali nella città di Smirne. Per i proprietari, al momento, nessuna incriminazione, ma solo una multa perché le aziende operavano senza licenza commerciale. Le 49 barche ritrovate negli stabilimenti sono state distrutte.

Non si tratta del primo caso di questo genere in Turchia, dove negli ultimi mesi perquisizioni simili sono state condotte in alcuni laboratori per la produzione di giubbotti di salvataggio difettosi che si appesantivano in acqua o scivolavano via. Erano imbottiti di materiale per imballaggio che in un istante, impregnandosi d’acqua, si appesantiva, provocando l’inevitabile affondamento del migrante. Questi giubbotti erano prodotti da profughi siriani, alcuni dei quali minorenni impiegati clandestinamente.

Poco lontano da queste fabbriche poste sotto sequestro, un tratto di mare diventato un cimitero. Su una spiaggia di Smirne sono sepolti 150 migranti senza nome, bambini compresi, annegati e riportati indietro dalle onde.

 

(video tratto dal canale YouYube Euronews)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->