giovedì, Ottobre 28

Turchia e America Latina: il punto sulle relazioni commerciali field_506ffb1d3dbe2

0

Il fallito tentativo di colpo di stato in Turchia è stata seguito con particolare attenzione in molti Paesi dell’America Latina. Le relazioni tra il continente sudamericano e quello turco si sono moltiplicate negli ultimi anni, grazie all’attenta politica estera che ha dimostrato Recep Tayyip Erdogan. Il Presidente ha dimostrato, negli ultimi dieci anni, di contare molto negli accordi bilaterali con altri Paesi e nel rafforzamento della presenza turca nel mondo. Ultimo e più eclatante caso è stato quello della Somalia, in cui la Turchia si è resa protagonista di numerosi investimenti e la costruzione dell’ambasciata più grande del continente africano. La strategia di Erdogan è quella di espandere la presenza turca nel mondo tramite l’introduzione diplomatica ed economica nei diversi Paesi.

Nel caso dell’America Latina, il commercio con la Turchia si è moltiplicato nell’ultimo decennio: si è passati infatti da un capitale coinvolto di circa 1.000 milioni di dollari a una cifra vicina agli 8.000 milioni. Accordi di libero scambio sono stati inoltre siglati negli ultimi anni con Colombia, Ecuador, Messico e Perù, ma il più importante, a livello economico, rimane quello siglato con il Cile nel 2011. Il Ministro dell’Economia turco, Mustafa Elitas, ha dichiarato all’inizio del 2016, di voler aumentare ulteriormente gli scambi con il Sud America. La maggior parte delle importazioni turche che provengono dall’America Latina consistono in materie prime e risorse naturali (gas, petrolio, rame) mentre le esportazioni si concentrano su prodotti di media o bassa tecnologia.

(video tratto dal canale Youtube di ‘teleSUR Tv’)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->