giovedì, Ottobre 28

Turbina eolica volante: prossima frontiera dell'energia verde

0

Si chiama ‘Altaeros BAT ed è frutto di un progetto durato 18 mesi e dal valore economico pari a 1,3 milioni di dollari. Assomiglia più ad un comune pallone aerostatico, che ad una turbina. Eppure, questa turbina eolica volante è progettata per produrre energiaverde‘, pulita e che rispetta l’ambiente. Avendo al suo interno 180 metri cubi di gas inerti, questo cilindro volante è più leggero dell’aria. L’acronimo BAT sta per ‘Buoyant Airborne Tourbine’ e sottolinea la sua natura ‘fluttuante’ poiché sembra galleggiare in aria. A svilupparla è stata la Altaeros Energies, compagnia legata al MIT (Massachusetts Institute of Technology) specializzata nel settore dell’energia eolica.

Ma come funziona? Lo scopo di questa piattaforma aerea è di catturare il vento ad alta quota, estrarne energia eolica, per poi inviarla alla stazione a terra. Inoltre, rispetto alle turbine a vento, questo prototipo non ha bisogno di un sostegno e di conseguenza può essere posizionato dove è ritenuto più necessario, raggiungendo volendo anche due chilometri di altezza dal suolo, altitudine in cui l’energia del vento è 8 volte più forte e le correnti più costanti, ottenendo quindi più energia.

(video tratto dal canale YouTube di Next Great Designs)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->