giovedì, Agosto 5

Tunisia, scontri e manifestazioni in tutto il Paese field_506ffbaa4a8d4

0

Dopo la morte suicida di un giovane disoccupato la settimana scorsa (che manifestava per la sua eliminazione da un concorso per un posto di lavoro), non si ferma l’ondata di protesta sociale a Kasserine, una delle zone più povere della Tunisia. A Feriana, negli ultimi scontri tra polizia e manifestanti, un agente è morto e intanto le manifestazioni dilagano. La morte del poliziotto è stata confermata dal Ministero dell’Interno di Tunisi tramite un comunicato: l’agente di 25 anni è morto dopo essere rimasto gravemente ferito a causa del ribaltamento del mezzo su cui si trovava.

Le manifestazioni che si stanno svolgendo in tutto il Paese, che contano decine di feriti sia tra la folla che tra gli agenti dell’ordine, mostrano il ‘punto di non ritorno’ entro cui si trova la popolazione, che scende in strada per chiedere posti di lavoro e sviluppo. “Lavoro, libertà e dignità”, questo è lo slogan dei manifestanti. In risposta alle proteste, il Presidente Beji Caid Essebsi ha dichiarato ieri di voler varare un piano per l’assunzione di oltre 6 mila giovani disoccupati di Kasserine, ma questo non basta ancora.

Il Paese si trova in questa situazione anche a causa degli ultimi attentati, che sono state il freno di tutto il sistema turistico della Tunisia.

 

 

(video tratto dal canale YouTube Euronews)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->