martedì, Aprile 13

Tsunami, 10 anni dopo

0

Bangkok – Un decennio esatto. Andiamo, è il tempo delle celebrazioni e della memoria. Sì, perché la memoria degli uomini procede a tappe: un anno, cinque anni, dieci anni. Poi l’oblìo e qualche rigo in una qualche pagina dei libri di Storia. Lo Tsunami del 26 Dicembre 2004 sta vivendo lo stesso andamento. O per meglio dire, lo sta subendo.

Un decennio dopo lo Tsunami, nella Provincia di Aceh, nella sezione Nord Occidentale dell’Indonesia che fu profondamente devastata da un disastro naturale di proporzioni tra le più immani nella storia dell’Uomo, spesso ribattezzato appunto lo Tsunami di Aceh, tutto è pronto. Dopo anni di lavori e opere di restauro, oggi la Provincia ed il popolo di Aceh hanno svolto tanto di quel che andava fatto per superare la catastrofe e continuare l’opera di ricostruzione delle città e dei centri abitati oltre che loro stessa vita. Per ricordare a tutti noi quella immane tragedia che accadde dieci anni fa, la Decima Commemorazione dello Tsunami dell’Oceano Indiano si terrà tra il 25 ed il 28 Dicembre 2014 nella locale Capitale città, Banda Aceh.

La commemorazione è focalizzata soprattutto affinché le persone riflettano su quanto accadde ma soprattutto ricordino le migliaia di persone che persero la vita in quella tremenda tragedia. Un apprezzamento profondo per la risposta sincera e la grande solidarietà che si risvegliò a livello globale affinché Aceh continuasse a sopravvivere e riprendesse il suo sviluppo, non foss’altro che per costituire un esempio e operare nel senso della riduzione della quota di rischio nel caso in cui si ripresentasse qualcosa anche di vagamente simile a quello che accadde dieci anni fa. L’evento sarà anche un’occasione per promuovere Aceh come sede turistica a livello internazionale.

Preghiere solenni e sermoni religiosi risuoneranno presso la Grande Moschea Baiturrahman il giorno 25 Dicembre in occasione della riunione di migliaia di persone per rinnovare il ricordo di quella tragedia ed operare attraverso attività religiose in nome della Riflessione sul Disastro di Aceh. Il culmine della serie di eventi avverrà il giorno 26 Dicembre, alla presenza di numerosi esponenti ufficiali e governativi sia del Governo centrale sia di quello provinciale e anche alla presenza di numerose delegazioni straniere e dei Paesi vicini che vissero unitamente quella tragedia, oltre a organizzazioni sociali e rappresentanze del popolo di Aceh.

Il tema-guida sarà: “Continuiamo a costruire Aceh col cuore” e si spera possa rinnovare la disponibilità dei donatori internazionali nel continuare a sostenere con fondi  di carattere caritatevole e solidaristico il Governo e tutti i corpi legislativi e di governo nazionale e locale. La commemorazione sarà anche illuminata da una Global Disaster Expo che si terrà nell’area di Blang Padang, oltre ad una mostra creativa e fotografica presso l’Aceh Tsunami Museum   nella data del 26 Dicembre. Per due giorni, il 26 e 27 Dicembre, si avranno anche le Notti Artistiche di Aceh in modo da mostrare Aceh nella sua migliore vetrina nel contesto internazionale. I migliori artisti locali si esprimeranno attraverso le proprie competenze artistiche al meglio delle loro capacità artistiche.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->