martedì, Maggio 18

Truppe USA ancora in addestramento militare? L'addestramento continua nonostante i recenti accordi tra le due Coree

0

Gli annuali addestramenti militari di Corea del Sud e delle truppe USA sulla linea di confine con la Corea del Nord, anche quest’anno, hanno provocato danni.

Il presidente della Corea del Nord, Kim Jong-un è arrivato persino a ordinare ai suoi soldati di mettersi in assetto di ‘semi- guerra’, pronti in ogni momento ad attaccare i vicini di casa.

La stampa internazionale sminuisce la vicenda, negando che nelle prossime ore si assisterà ad un vero attacco di Pyongyan a Seoul. Nel frattempo però, il presidente della Corea del sud, Park Geun-hye, ha convocato un meeting straordinario delle Nazioni Unite e ha ordinato una ‘risposta severa’ contro ogni provocazione del regime del Nord. Gli Stati Uniti e l’Onu, che hanno dislocato 28. 500 truppe in aiuto a quelle sudcoreane, loro alleate, hanno espresso grandi preoccupazioni e monitorano la situazione con attenzione. L’origine di questa quasi dichiarazione di guerra sarebbe da rintracciare comunque nella dislocazione di alcuni altoparlanti, dall’una e dall’altra parte del confine: i governi di Pyongyang e di Seoul se ne servono, per inviare messaggi di propaganda alla popolazione, contro i rispettivi governi.

Vi è stato pochi giorni fa un accordo tra le due Coree, tuttavia il ministro della Difesa della Corea del Sud ha fatto sapere che l’attività di propaganda contro il regime di Kim Jong-un continuerà. La decisione di erigere questi altoparlanti da parte di Seoul è arrivata agli inizi di agosto, quando dei soldati sudcoreani sono rimasti feriti, a causa di alcune mine piazzate dalla Corea del nord sulla linea di confine. Così, per reazione, Seoul ha fatto costruire gli altoparlanti e ha trasmesso dei messaggi contro il governo di Kim Jong-un che, poco dopo, si è comportato di conseguenza. E così il 20 agosto la Corea del nord ha attaccato due volte la controparte, con colpi di artiglieri da 76,2 millimetri, che hanno colpito senza fare vittime. E a questi assalti la Corea del Sud ha risposto con colpi da 155 millimetri.

(tratto dal canale ‘Youtube’ della ‘CNN’)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->