martedì, Aprile 13

Trump tra insuccessi, paure e popolarità in calo

0

Continua tra tanti dubbi e inciampi il cammino alla Casa Bianca di Donald Trump. I tentativi di smontare le riforme di Barack Obama si sono arenati con la mancanza dei voti necessari per far passare i cambiamenti in ambito sanitario. Ma anche la gente non è con Trump: secondo alcuni sondaggi, solo il 17% degli elettori sosteneva la riforma. E gli ultimi dati nei confronti del presidente sono impietosi: il gradimento è al 35%. Nessun presidente ad inizio mandato era stato a quel livello.

Ma non finisce qui: tante sono le grane per Trump. Dall’indagine sui rapporti con la Russia, poi la commissione per affrontare la crisi della dipendenza da oppiacei, che in realtà con le misure pronte per essere approvate da Trump potrebbe subire un brusco stop. Per non parlare dei ruoli di Ivanka e del genero Jared Kushner, che tanto fanno discutere, poi lo scontro con le città. In questo caso si pensa al blocco dei fondi federali per le città che decideranno di non collaborare con l’amministrazione nell’espulsione degli immigrati senza documenti. E lo scontro si sposta anche in campo agricolo, con il rifiuto di Trump di vietare un pesticida che l’amministrazione Obama aveva cercato di mettere fuori legge sulla base di timori crescenti per la salute delle persone.

basta? No, perché a preoccupare è l’atteggiamento di Trump in campo internazionale: i rapporti tesi con l’Europa e la Nato, l’appoggio alla Turchia, lo scontro con il Messico, infine la tensione con la Cina. Si avvicina l’incontro con il presidente Xi Jingping, ma l’approccio è di quelli da dimenticare: prima la volontà di iniziare una guerra commerciale, bloccando prodotti che portano ad una concorrenza sleale verso le aziende Usa, poi le parole poco distensive su come comportarsi con la Corea del Nord, alleato di Pechino. Trump minaccia di fare da sè se la Cina non fermerà Pyongyang: e allora cosa accadrà? Tutto il mondo guarda, ma la realtà è che anche la stessa America comincia a capire (e sopportare) sempre meno il presidente.

(video tratto dal canale Youtube di Business Insider)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->