sabato, Maggio 8

Trump, stop anche per il Travel Ban 2

0

Non trova pace Donald Trump. Un giudice federale delle Hawaii ha bloccato temporaneamente su base nazionale anche il secondo ‘bando’ sull’immigrazione, la versione ‘rivista e corretta’ del Travel Ban, a poche ore dalla sua prevista entrata in vigore.

Il nuovo testo è stato definito ‘discriminatorio’ sulla base della nazionalità e, secondo il giudice, danneggerebbe i cittadini dello Stato in quanto impedirebbe loro di ricevere visite da parenti provenienti dai sei Paesi a maggioranza musulmani interessati dal provvedimento. E non è tutto: infatti questo Travel Ban 2 arrecherebbe un grosso danno al settore turistico delle Hawaii, oltre a limitare fortemente l’afflusso di studenti e lavoratori stranieri nelle isole.

Furioso, ovviamente, Trump: «Il pericolo è chiaro, la legge è chiara, il bisogno per il mio ordine esecutivo è chiaro. Lotteremo e vinceremo. E’ abuso senza precedenti». Ammette che «la sentenza indebolisce il sistema di azione politica» e fa anche capire di preferire comunque il primo ordine esecutivo «quello che volevo. Questa non è altro che una versione annacquata». E Trump, che già dopo lo stop dell’ordine esecutivo firmato il 27 gennaio scorso di arrivare fino alla Corte Suprema (accusando i giudici di essere politicizzati), medita vendetta.

Ricordiamo che il ‘nuovo bando’ riduce da sette a sei i Paesi a maggioranza musulmana interessati dal blocco temporaneo dei visti (escluso l’Iraq), inoltre non prevede più lo stop all’ingresso negli Usa per coloro in possesso di carta verde e visto. Eliminata anche la parte in cui si garantiva un particolare trattamento per i cristiani.

(video tratto dal canale Youtube di Usa Today)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->