venerdì, Maggio 14

Trump si mette contro anche lo sport Usa Il presidente non manda giù il comportamento dei giocatori che si inginocchiano in segno di protesta

0

Donald Trump non riesce proprio a farsi voler bene. Praticamente contro di lui tutto il mondo dello sport ‘made in Usa’ come Nfl, Nba e Mlb, ossia football, basket e baseball. I big dello sport, in segno di protesta, si sono messi in ginocchio o sono rimasti nello spogliatoio durante l’inno americano prima delle partite.  E il presidente ha attaccato sui social.

Trump, dopo aver suggerito ai proprietari delle franchigie di licenziare i giocatori che compiono questo gesto in segno di protesta per il trattamento ricevuto dalle persone di colore da parte della polizia, e ai tifosi di uscire dallo stadio in segno di protesta, ha reagito postando semplicemente l’hashtag #StandForOurAnthem (‘in piedi per il nostro inno’), ricordando poi che «il problema di inginocchiarsi non ha niente a che fare con la razza. Si tratta del rispetto per il nostro Paese, la Bandiera e l’Inno Nazionale. La Nfl deve rispettare tutto questo».

Il portavoce della Nfl, Joe Lockhart, ha risposto per le rime: «Tutti dovrebbero sapere, incluso il presidente, che è questo quello di cui si parla negli spogliatoi. Niente di più», con evidente riferimento ai nastri registrati e resi pubblici in cui Trump in uno spogliatoio parlava di donne più o meno disponibili. Ma Trump ha continuato, portando avanti diversi esempi. Insomma una ‘guerra’ che sembra essere solo all’inizio.

(video tratto dal canale Youtube della BBC)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->