lunedì, Settembre 20

Trump rilancia la Nasa e punta su Marte

0

‘Non voglio mica la Luna’, recita una famosa canzone. Di sicuro è anche il pensiero del Presidente degli Stati Uniti Donald Trump, che torna a scommettere sull’esplorazione spaziale. Il Presidente rilancia la Nasa, alla quale chiede, però, di spingersi più in là della nostravicinae punta dritto su Marte. Il Presidente americano ha firmato, trasformandolo il legge, il progetto che stanzia 19,5 miliardi di dollari per l’esercizio fiscale 2017 dell’Agenzia spaziale.

La richiesta di Trump è chiara: visto che c’è stato solo un taglio dello 0,8% del budget (in altri settori sono stati ben più ampi) più esplorazione dello spazio profondo, meno scienza della Terra, missioni su asteroidi e programmi educativi. In particolare si dovrà puntare sullo sviluppo di nuove sinergie con il settore privato.

I tagli chiesti da Trump alla Nasa, quindi, comporteranno la cancellazione di 4 missioni dedicate all’osservazione della Terra e la chiusura dell’ufficio educazione. Vanno avanti, invece, i progetti di esplorazione di Giove ed Europa, oltre allo sviluppo del nuovo Space Launch System il cui primo volo di test dovrebbe avvenire nel 2018, lo sviluppo delle capsule per il volo umano Orion e il rover gemello di Curiosity che partirà per Marte nel 2020.
Uomini sul Pianeta Rosso?
Il Presidente non ne fa menzione, direttamente, ma  i membri delle due Camere hanno chiesto alla Nasa di fornire un piano più dettagliato per l’esplorazione dello spazio profondo con missioni umane. Inoltre, hanno identificato nella volontà di portare degli astronauti su Marte la missione più importante dei prossimi due decenni. Dopo il passaggio alla Camera, il repubblicano Lamar Smith, a capo della commissione di Scienza, Spazio e Tecnologia, ha dichiarato che «la legge indica alla Nasa di creare una road map per l’esplorazione umana e indirizza il futuro percorso di esplorazione per i decenni a venire“. Il senatore democratico Bill Nelson, ex astronauta, presente alla cerimonia della firma del provvedimento da parte di Trump ha dichiarato: «Andremo su Marte».

(video tratto dal canale Youtube di Associated Press)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->