lunedì, Giugno 14

Trump pronto a svelare i segreti dell’assassinio di JFK A 54 anni di distanza, la versione ufficiale che vuole Lee Harvey Oswald unico assassino del presidente vacilla ancora

0

A Donald Trump piace stupire. Stavolta su Twitter ha spiazzato tutti annunciando che è pronto a svelare gli ultimi segreti sull’omicidio più discusso della storia degli Stati Uniti, quello di John Fitzgerlad Kennedy.

A 54 anni di distanza, la versione ufficiale che vuole Lee Harvey Oswald unico assassino del presidente vacilla ancora. Ma Trump apre uno spiraglio: «Pur essendo soggetto a ricevere ulteriori informazioni, consentirò, come presidente, la divulgazione dei documenti su JFK a lungo bloccati e classificati». Negli Archivi nazionali restano ancora circa 3100 file ancora non conosciuti.

A chiedere il segreto, almeno parziale, è l’intelligence, in particolare la Cia, stando ai media, ma anche all’ex consigliere della campagna di Trump, Roger Stone, secondo cui i documenti mostrano che Oswald era stato addestrato, allevato e messo in azione dalla Cia. Una portavoce di Trump, Lindsay Walters, ha precisato che la Casa Bianca sta lavorando per garantire che «possa essere diffusa la massima quantità di dati al pubblico» senza «danni identificabili» alla sicurezza nazionale. Il timore ufficiale è che alcuni documenti potrebbero contenere fonti e metodi di intelligence, ma secondo alcuni media potrebbero invece mettere in imbarazzo Cia e Fbi, rivelando che Oswald era un personaggio ben noto.

Nel suo film, Oliver Stone, ipotizzava che l’assassinio di JFK fu pianificato dai più alti vertici della Cia, con la complicità dell’Fbi e del Pentagono, in collaborazione con la mafia americana, i cubani anti Castro e con l’avallo dell’allora vicepresidente Lyndon Johnson, allo scopo di poter proseguire la guerra del Vietnam a vantaggio delle gerarchie militari e dei fornitori di armi. Anche Trump comunque ha contribuito ad alimentare le teorie cospirative, insinuando sospetti in campagna elettorale sul padre del suo rivale Ted Cruz: «Era con Lee Harvey Oswald prima che sparasse».

(video tratto dal canale Youtube di Usa Today)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->