domenica, Aprile 18

Trump, passo indietro: niente addio al Nafta

0

Il presidente Donald Trump prova a tornare sui suoi passi. Il numero uno della Casa Bianca ha rassicurato i leader di Messico e Canada che non porterà gli Stati Uniti fuori dal Nafta, il North American Free Trade Agreement. Il tutto è arrivato a poche ore dalle parole di alcuni alti funzionari dell’amministrazione americana, che avevano rivelato di essere al lavoro su un decreto simile.

L’annuncio è arrivato riportando anche i colloqui telefonici tra Trump, il presidente messicano Enrique Pena Nieto e il primo ministro canadese Justin Trudeau. «Il presidente Trump ha concordato sulla decisione di non porre fine agli accordi Nafta in questo momento e i leader hanno concordato di procedere rapidamente, nel rispetto delle rispettive procedure interne, ad avviare la rinegoziazione degli accordi Nafta a beneficio di tutti e tre i Paesi». Trump ha aggiunto di credere che «il risultato finale renderà i tre Paesi più forti e migliori». Ma non solo, perché comunque Trump ha aggiunto: «Ho ricevuto le chiamate del presidente del Messico e del primo ministro del Canada che chiedevano di rinegoziare il Nafta piuttosto che farlo naufragare e mi sono trovato d’accordo. Ma se non raggiungeremo un’intesa giusta per tutti, vi porremo fine».

Solo qualche giorno prima Trump aveva messo alla  gogna il Nafta: «Il fatto è che è un disastro per il nostro Paese». Ma stavolta forse, non come nel caso del TPP, il presidente non ha potuto forzare troppo la mano fin da subito.

(video tratto dal canale Youtube di Associated Press)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->