domenica, Settembre 19

Trump-Nixon: parabole parallele?

0
1 2 3


È interessante notare che i cardini del programma politico di Donald Trump si sembrano ricalcare i principi ispiratori della linea operativa di Nixon; difesa dell’industria nazionale mediante l’applicazione di una serie di ragionate misure protezionistiche, lotta alla disoccupazione attraverso disincentivi alla delocalizzazione e revoca degli accordi di libero scambio, ammodernamento delle infrastrutture grazie a un cospicuo piano di investimenti pubblici, ridimensionamento della esposizione imperial-militare e del Pentagono e riconoscimento degli interessi degli altri grandi attori geopolitici. Ne emerge un orientamento neo-insularista assai sgradito alla corrente dell’establishment maggiormente interessata all’espansione della logica liberoscambista e all’intensificazione dello scontro con la Russia, considerata ancora oggi il vero e proprio avversario strategico in grado di mettere in discussione l’assetto unipolare che gli Stati Uniti hanno ereditato dalla fine della Guerra Fredda. Le contestazioni a cui Trump è oggi sottoposto riflettono il clima di irrequietudine nei confronti della sua visione politica montato in seno all’oligarchia statunitense, parte della quale intende fargli fare la stessa fine di Nixon. Cosa che potrebbe portare i grandi mezzi di informazione – come il ‘Washington Post’, il cui editore, l’amministratore delegato di Amazon Jeff Bezos, ha tutto l’interesse a sabotare la politica neo-protezionista di Trump – a scovare qualche scheletro nell’armadio del presidente appena insediatosi e trasformarlo in un nuovo ‘caso Watergate’.

A differenza di Nixon, tuttavia, Trump può contare sulla debolezza relativa dei suoi nemici, costretti ad incassare in un solo anno la Brexit, l’avanzata geostrategica della Russia e l’ascesa in Europa dei movimenti cosiddetti ‘populisti’ ed ‘euro-scettici‘. In tale contesto, sfidare in maniera ancora più aperta il presidente eletto potrebbe rivelarsi una débâcle clamorosa da cui l’élite anti-trumpiana non si riprenderebbe in tempi brevi.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->