mercoledì, ottobre 24

Trump: la Luna per poi andare su Marte 'Il documento cambierà la politica dei voli spaziali umani della nostra nazione per aiutare l'America a diventare la forza trainante dell'industria spaziale'

0

«No, ci dispiace, non torneremo più sulla Luna»: quattro anni fa Charles Bolden, ex astronauta e attuale amministratore della Nasa, rispondeva così a chi gli chiedeva di possibili ritorni sul nostro satellite. E invece ecco che Donald Trump torna a puntare sulla Luna.

La Casa Bianca fa sapere che il presidente ha approvato una direttiva volta a inviare gli americani di nuovo sulla Luna, una sorta di ‘allenamento’ prima di puntare a Marte. In questo documento il presidente di fatto «ordina alla Nasa, l’agenzia spaziale americana, di condurre un innovativo programma di esplorazione spaziale per rispedire gli astronauti americani sulla Luna, e alla fine Marte», dice il portavoce Hogan Gidley.  «Il documento cambierà la politica dei voli spaziali umani della nostra nazione per aiutare l’America a diventare la forza trainante dell’industria spaziale, acquisire nuove conoscenze dal cosmo e stimolare una tecnologia incredibile». 

«Guardando indietro di 50-60 anni, è chiaro che tutti questi programmi richiederebbero non solo un piccolo aumento, ma un incremento significativo del bilancio della NASA. Ora è pari a $19 miliardi. Per parlare di missioni sulla superficie della Luna, è necessario sviluppare tecnologie assolutamente nuove. Se si comprendono correttamente le lezioni della prima fase dell’esplorazione umana nello spazio, diventa chiaro che tutto questo è stato possibile solo nel momento in cui lo stato è ha compreso l’importanza di concentrare in questo settore enormi risorse finanziarie, intellettuali e tecniche. Come risultato di questa concentrazione sono state create le tecnologie su cui il mondo dell’astronautica ancora oggi si basa. Quando vedrò che il bilancio della NASA verrà incrementato di almeno 2 volte, allora ci crederò», ha commentato Andrey Ionin, membro dell’Accademia russa di cosmonautica, in una intervista a ‘RT‘.

(video tratto dal canale Youtube di Al Jazeera)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.