sabato, Aprile 10

Trump incapace? Cosa prevede il 25° emendamento? Donald Trump potrebbe essere il primo Presidente ad essere rimosso dall'incarico invocando il 25° emendamento della Costituzione, per ‘incapacità’

0

Al termine della giornata più lunga degli Stati Uniti, mentre le cronache contavano 4 morti e 15 feriti, il Congresso ha dichiarato la vittoria diJoe Biden decisa dal Collegio elettorale.
La certificazione è arrivata dopo che i rivoltosi pro-Trump avevano preso d’assalto il Campidoglio degli Stati Uniti in quella che è stata una vera e propria insurrezione di un manipolo di populisti fomentati dal Presidente uscente Donald Trump.

Subito dopo l’assalto al Campidoglio, sia tra i democratici che tra i repubblicani c’è stato chi ha avanzato la richiesta di rimuoveredall’incarico il Presidente Trump invocando il 25° emendamento della Costituzione.
Secondo accreditate fonti giornalistiche, l’eventualità si stava discutendo anche tra alcuni membri dell’Amministrazione, considerando come, hanno dichiarato i membri del comitato giudiziario della Camera, «il Presidente Trump ha rivelato di non essere mentalmente sano e di non essere ancora in grado di elaborare e accettare i risultati delle elezioni del 2020. La volontà del Presidente Trump di incitare alla violenza e ai disordini sociali per ribaltare con la forza i risultati delle elezioni soddisfa chiaramente questo standard. Così sono anche i suoi recenti Tweet, che Twitter ha poi cancellato, dicendo che le elezioni sono state ‘rubate’ e che le rivolte di oggi sono le cose e gli eventi che accadono».

Ma cosa prevede il 25° emendamento? Lo spiega Brian Kalt,docente di giurisprudenza all’Università del Michigan.
La Costituzione degli Stati Uniti specifica che se il Presidente soffre di ‘incapacità di assolvere’ i suoi poteri, il vicepresidente subentra. Ma non ha fornito dettagli su come, esattamente, ciò potrebbe essere fatto.

Il 25° emendamento, aggiunto nel 1967, definisce cosa succede se un Presidente diventa «incapace di adempiere ai poteri e ai doveri del suo ufficio».

Il Presidente può dichiararsi incapace di svolgere il proprio lavoro e conferire temporaneamente poteri al vicepresidente. Sia Ronald Reagan che George W. Bush hanno usato questo processo prima di essere sedati per un intervento chirurgico.
In alternativa, il vice Presidente e la maggioranza del gabinetto possono ritenere il Presidente«incapace di esercitare i poteri e i doveri del suo ufficio» e trasferire il potere al vice Presidente. IlPresidente può in seguito dichiararsi capacee tentare di riprendere il potere. Ma se il vice Presidente e il gabinetto si oppongono entro quattro giorni e sono sostenuti da una maggioranza di due terzi sia alla Camera che al Senato, il vicepresidente rimane al potere.

Secondo l’interpretazione di Brian Kalt «‘incapacesignifica essere incapace di esercitare il potere,non usarlo in modo distruttivo. Quando un Presidente abusa dei suoi poteri, l’impeachmentè il rimedio designato dalla Costituzione».

L’impeachment «richiede solo il sostegno della maggioranza alla Camera e dei due terzi al Senato. Rimuovere il Presidente utilizzando il 25 ° emendamento, richiede il supporto aggiuntivo del vicepresidente, del gabinetto e di altri membri della Camera».

Negli oltre 50 anni trascorsi da quando la Costituzione è stata modificata per determinare un modo per rimuovere un Presidente incapace di fare il suo lavoro, il processo non si è mai attivato. Durante la presidenza di Donald Trump, il 25° emendamento è emerso ripetutamente come possibile mezzo per rimuovere Trump e incaricare il vice Presidente Mike Pence.

Potrebbe essere Trump il primo Presidente ad essere dichiarato incapace? Al momento sono in pochi a scommetterci. Perchè accada il vice Presidente Pence e la maggioranza del gabinetto dovrebbero dichiarare il Presidente incapace di ‘adempiere ai poteri e ai doveri del suo ufficio’.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->