mercoledì, Maggio 12

Trump il cannibale

0
1 2


Come era prevedibile, il voto in Florida, Illinois, Missouri, North Carolina ed Ohio ha confermato i sondaggi della vigilia. Bernie Sanders – che sperava in un buon esito soprattutto in Ohio, Stato industriale dove il suo messaggio protezionistico prometteva di attecchire di più – è stato surclassato da Hillary Clinton, che con i suoi 1.560 delegati a fronte dei 799 del senatore del Vermont sembra aver ormai accumulato un divario difficilmente colmabile.

La rincorsa di Sanders è resa peraltro molto più impervia dagli agganci della Clinton presso l’élite del Partito Democratico, vale a dire i super-delegati. Quello dei super-delegati è un corpo formato da uomini politici e lobbisti che grazie al buon lavoro svolto nel corso della carriera e alle somme di denaro versate nelle casse del Partito beneficiano del potere di appoggiare il candidato che preferiscono alla Convention nazionale anche a costo di contravvenire ai verdetti elettorali. Secondo alcune stime, la categoria del lobbisti è arrivata a rappresentare il 10% circa del totale dei super-delegati del Partito Democratico, e una parte più che preponderante di questi grandi finanziatori ha scelto di sponsorizzare l’ex first lady.

Il ‘Wall Street Journal’ ha rivelato che la Clinton Foundation, holding di famiglia che funge da collettore di finanziamenti dall’estero, ha raccolto enormi somme di denaro dal Dipartimento degli Affari Esteri canadese, fortemente interessato alla costruzione dell’oleodotto Keystone Xl sabotato dall’Amministrazione Obama; dall’Ucraina, dove un nugolo di oligarchi tra cui spicca il ‘re dei media’ Viktor Pinčuk sta raccogliendo i frutti del colpo di Stato di ‘Euro-Majdan’ preparato dagli Usa con l’appoggio determinante della Clinton e di George Soros; dall’Arabia Saudita, irritata per l’accordo sul nucleare iraniano patrocinato da Washington. Questi flussi di denaro rischiano però di creare seri problemi alla Clinton, visto che, secondo quanto rivelato dai servizi francesi, la mail inviata il 16 febbraio 2013 dall’allora segretario di Stato al suo braccio destro Sidney Blumenthal contenesse prove del coinvolgimento diretto di finanziatori sauditi di alto rango nell’establishment di Riad nell’attacco jihadista al consolato Usa di Bengasi dell’11 settembre 2012. Il contenuto della mail, che attualmente sembra essere sparito, era stato sottratto e inviato all’emittente ‘Russia Today’ dall’hacker romeno noto come ‘Guccifer’, estradato di recente negli Stati Uniti. Nel caso in cui ‘Guccifer’ decidesse di collaborare con le autorità, le cose potrebbero mettersi molto male per la Clinton, già scampata ad un’incriminazione grazie al rifiuto di Brian Pagliano, informatico che aveva messo illegalmente in piedi il sistema che consentiva all’ex first lady di ricevere mail segrete su un indirizzo privato alternativo a quello fornitole dal Dipartimento di Stato, di spiegare la dinamica dei fatti a una commissione del Congresso riunitasi per far luce sull’accaduto. La questione potrebbe avere serie ripercussioni sulla corsa della Clinton alla Casa Bianca.

Sul fronte opposto della barricata, si registra l’inarrestabile avanzata di Donald Trump verso la nomination repubblicana. Che si stesse entrando nella fase cruciale era stato sottolineato da tutti i più autorevoli addetti ai lavori, e suggerito dalle clamorose bagarre scoppiate a Dayton e Cleveland, in Ohio, e a Chicago, in Illinois, dove alcuni gruppi di contestatori filo-democratici si erano recati con l’intento di sabotare i comizi che Trump si apprestava a tenere. L’episodio più rilevante si è verificato a Chicago, quando un contestatore afroamericano venne allontanato dalla polizia dopo aver ricevuto un pugno in faccia da un sostenitore di Trump. Benché l’accaduto, ripreso dalle telecamere e mandato in onda da tutti i principali canali informativi, sembrasse prestarsi perfettamente alla campagna mediatica costruita negli ultimi mesi contro il magnate newyorkese, le cose sono andate in maniera ben differente.

Dalle indagini condotte alcune ore dopo è infatti emerso che l’aggressore era in realtà Ilya Sheyman, ex candidato dell’Illinois al Congresso tra le fila dei democratici che attualmente svolge l’incarico di direttore esecutivo di MoveOn.org, movimento per i diritti civili che annovera George Soros tra i maggiori finanziatori. Il che ha quasi sicuramente concorso a rovesciare l’effetto che i contestatori speravano di ottenere, rafforzando di fatto la posizione di Trump. Il sondaggio più accreditato della scorsa settimana dava infatti Trump per vincitore con ampio margine sia in Florida (43% contro 22% di Marco Rubio, di Miami) che in Illinois (34% contro 25% di Ted Cruz). Solo in Ohio, Trump sarebbe stato costretto a cedere al governatore locale John Kasich (33% contro 39%). Con il 49,6% in Florida (99 delegati), il 40,3% in North Carolina (29 delegati), il 38,9% in Illinois (24 delegati) e il 36,1% in Ohio, Trump ha capitalizzato risultati migliori di quelli pronosticati alla vigilia, assicurandosi per il momento 621 delegati su un minimo di 1.328 e costringendo il senatore Marco Rubio di Miami a ritirarsi dalla corsa dopo la bruciate sconfitta casalinga.

Il successo di Trump affonda le radici nella sua retorica accattivante ed aggressiva diretta contro una realtà politico-economica caratterizzata dalla rarefazione della middle-class, tradizionale spina dorsale dell’economia Usa, come effetto diretto della concentrazione della ricchezza nelle mani di un nucleo sempre più ristretto di individui – la cosiddetta super-class. Il magnate newyorkese ha buon gioco nel far leva sul malcontento popolare dovuto a questo radicale processo di polarizzazione sociale per infuocare le folle che accorrono in massa ad ascoltare i suoi comizi. I suoi attacchi contro la ‘democrazia oligarchica’ imperniata sui grandi finanziatori (ci cui l’apparato a sostegno di Hillary Clinton è la massima espressione), contro l’abolizione dei regolamenti atti a disciplinare il commercio e il movimento dei capitali, contro l’importazione massiccia di manodopera sottopagata e contro le sempre più insostenibili agevolazioni fiscali di cui godono le grandi imprese riflettono una realtà di cui moltissimi cittadini statunitensi sperimento gli effetti. Come sottolinea l’autorevole settimanale tedesco ‘Die Zeit’, la popolazione Usa ha avuto modo di accorgersi che la deregulation e l’abbattimento delle aliquote fiscali sugli alti redditi non hanno prodotto quel trickle-down (‘effetto-sgocciolamento’) cui Ronald Reagan faceva continuamente riferimento per giustificare le sue manovre politiche. Hanno determinato, di converso, l’effetto trickle-up, vale a dire un processo di trasferimento di ricchezza verso l’alto di proporzioni mai viste da oltre 100 anni. I dati confermano infatti che attualmente lo 0,1% della popolazione controlla il 22% della ricchezza, a fronte del 9% che deteneva nei primi anni ’80. L’’1% più ricco possiede oggi circa la metà del Pil statunitense. Negli anni che hanno immediatamente preceduto la crisi, il processo di concentrazione della ricchezza ha subito una forte accelerazione (+118% per il decile più abbiente; -18% per il decile più povero). Questi dati danno la misura del livello di deterioramento raggiunto dalla logora e oramai irrealistica narrativa del ‘sogno americano’, che Trump promette di riportare in auge nell’arco di pochi anni fedelmente al suo slogan ‘rifacciamo grande l’America’.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->