giovedì, Agosto 5

Trump e la decisione nucleare

0

Donald Trump dice che sarà lui a fare tutto quanto necessario per diventare presidente che “farà diventare grande l’America di nuovo” – anche se questo significa “compromettere” il suo cammino verso la Casa Bianca. Egli avrebbe realizzato 100 volte meglio l’accordo sul nucleare.

“Io mi lamento perché voglio vincere e io non sono felice di non vincere,” ha detto Trump su “New Day” della CNN martedì scorso. «E io sono un piagnucolone e io continuo a piagnucolare e piagnucolare fino a quando avrò vinto.”

Trump, l’attuale leader nella corsa per la nomination repubblicana, ha smentito un rapporto di ABC News, considerando di escludere una corsa delle parti terze.

“Sto correndo come un repubblicano, che sta portando il suo punto di vista in ogni sondaggio … Sto arrivando in tutti i posti  e voglio correre come un repubblicano”, ha detto. “Se io sto trattando  abbastanza su questo punto che è il mio modo per essere in gioco, voglio tenere la porta aperta. Devo farlo perché se succede qualcosa per cui non sono trattato in modo equo, posso benissimo usare quella via di uscita “.
Trump durante il weekend si è scagliato contro Fox News di Megyn Kelly per il suo “attacco” su di lui in prima serata nel dibattito GOP della scorsa settimana, mescolando indignazione per le sue affermazioni  e chiedendole di scusarsi con lui.

Ma una telefonata che ha ricevuto lunedi dal  presidente del Fox News  e dal CEO Roger Ailes sembra abbia aiutato a seppellire l’ascia di guerra.

“Donald Trump e io abbiamo parlato oggi”, ha detto Ailes in un comunicato. “Abbiamo discusso delle nostre preoccupazioni, e ho di nuovo espresso la mia fiducia in Megyn Kelly. Lei è una brillante giornalista e la sostengo al 100 per cento. Ho assicurato a Trump che continueremo a coprire questa campagna con equità ed equilibrio. Abbiamo avuto una conversazione brusca ma cordiale e il problema  è stato superato. ”

Kelly ha anche detto: “Certo non mi scuso per aver fatto del buon giornalismo, ma dovrò continuare a fare il mio lavoro senza paure o favoritismi.”

(tratto dal canale ‘Youtube’ della ‘CNN’)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->